Commisso: “Complimenti alle nostre ragazze. Voglio tornare a Firenze per abbracciare tutti”

Commisso: “Complimenti alle nostre ragazze. Voglio tornare a Firenze per abbracciare tutti”

Il presidente della Fiorentina elogia le ragazze viola dopo il trionfo sull’Inter

di Vincenzo Pennisi
Commisso

Commisso parla tramite ViolaChannel, dove commenta la roboante vittoria per 4-0 della Fiorentina ai danni dell’Inter:

Voglio fare i complimenti alle nostre ragazze per la bellissima partita. Gioco, impegno, reti, mi sono davvero divertito. Nonostante molte calciatrici siano arrivate da poco tempo, il Mister Cincotta è riuscito ad unire bene il gruppo e la squadra ha dimostrato di avere dei valori importanti. Credo che quest’anno potremo prenderci delle belle soddisfazioni. Anche l’esordio della nuova maglia non poteva essere migliore. Da quando siamo arrivati a Firenze abbiamo dedicato molta attenzione anche al calcio femminile, crediamo in questo movimento e il nostro prossimo Centro Sportivo di Bagno a Ripoli, sempre che la burocrazia me lo lasci fare, sarà uno dei primi in Europa ad ospitare donne e uomini insieme. Oggi sono mancati ancora una volta purtroppo i nostri tifosi. Mi auguro che questa pandemia, con le sue terribili conseguenze, possa essere presto superata. Vorrei riuscire a tornare a Firenze ad abbracciare tutti, a cominciare da mio figlio Giuseppe, i nostri ragazzi e ragazze e soprattutto i nostri unici tifosi

Caricamento sondaggio...

PER TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO FEMMINILE C’È NUMERICALCIO

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Valter - 1 mese fa

    Molto bene per le ragazze e conferma che la squadra, malgrado le partenze di alcune giocatrici, è stata rinforzata e non c’è stata nessuna smobilitazione.
    I giocatori sono liberi, nel rispetto dei contratti, di proseguire la loro carriera seguendo i loro personali interessi.
    Come sempre è importante chi va via ma è ancora più importante chi arriva al suo posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy