Bocci: “Sofferenza? Prandelli non scherza. Ma viola meno forti di un anno fa”

Le parole del giornalista, che analizza la situazione difficile di casa viola

di Redazione VN
Bocci

Il giornalista del Corriere della Sera Alessandro Bocci, ha parlato a Radio Bruno dei temi caldi di casa Fiorentina: “Callejon? Le ultime volte che ha giocato non ha entusiasmato, ha fatto una sola partita buona contro il Cagliari, ma oggi mi chiedo se Prandelli non possa recuperare un giocatore d’esperienza come lui: va però messo in condizione, e visto che domani potrebbero esserci delle sorprese di formazione, chissà che non si possa pensare ad un 3-4-3. Prandelli trasmette paura? Lo vedo preoccupato perché non sente sua la squadra e non pensa che possa reagire. I suoi cambi a volte vanno bene, altre male, ma con lo Spezia i suoi cambi hanno cambiato la partita. Il problema non sono tanto le sostituzioni quanto l’approccio che mettono i giocatori che entrano. Paghiamo la cessione di Chiesa? Questa Fiorentina è meno forte dell’anno scorso, perché era un giocatore che mette in allarme tutta la difesa avversaria. Se togliamo l’investimento su Amrabat, che peraltro non sta rendendo, un giocatore come Chiesa in questa rosa non c’è e non capisco perché Iachini abbia chiesto un giocatore che non copre tutta la fascia come Callejon. Aspettative disattese? All’inizio credevo che il vero problema fosse Iachini, che per fare un calcio offensivo si era snaturato. Dopo aver parlato con Prandelli ho capito le sue difficoltà, rapidamente ho capito che non scherza quando dice che sarà un anno di sofferenza. Non so se ha perso il “tocco magico”, ha provato ad aggiustare la situazione e fino alla partita col Torino pensavo ci fosse riuscito”.

Prandelli difende la società: “Commisso e Barone soli contro tutti a Firenze”

GERMOGLI PH 3 MARZO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI CAMPIONATO DI SERIE A FIORENTINA VS ROMA NELLA FOTO FONSECA E PRANDELLI
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bati - 1 mese fa

    E’ incredibile ma vero, squadra decisamente meno forte di un anno fa. E’ per questo che non può esserci indulgenza e comprensione per l’attuale dirigenza dal presidente in giù.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy