Basile: “Bene meno parole da Commisso. Si affidi a scelte condivise, come per Prandelli”

Il corrispondente da New York racconta l’ambiente che si respira aldilà dell’oceano, intorno a Rocco Commisso

di Redazione VN
Commissoù

Nel corso del Pentasport è intervenuto Massimo Basile, corrispondente dagli USA per Cor. Sport e Repubblica:

Una proprietà che parla poco mi piace. Commisso lavora, ma comincia a parlare meno: non mi dispiace. Quando prendeva la parola un giorno sì e l’altro pure rischiava di passare per ripetitivo. Non ha bisogno di esprimersi, ha appena cambiato l’allenatore ed è giusto che parli attraverso queste scelte, condivise con la dirigenza.

Prandelli è quello che serviva: una figura che abbia una visione più larga in panchina. Aspettiamo di capire come interverrà, ma sicuramente è un tecnico di curriculum, oltre ad avere un’esperienza nel settore giovanile. Andiamo verso una stagione nuova, vedo segnali positivi. Non ho mai nascosto la mia perplessità su Iachini, mentre sul cambio non posso dire niente. Hanno agito bene, in silenzio e facendo una scelta ragionata, con un senso. Non dimentichiamoci che questo campionato è totalmente aperto, nessuno sa cosa aspettarsi dall’andamento della stagione. Un calciatore che può essere rigenerato dal tecnico viola può essere Amrabat, ma la suggestione è che possa trattarsi di Vlahovic. Diamogli tempo di lavorare, spero di vedere un gioco più corale, che vada oltre il semplice lancio lungo.

Vlahovic: Prandelli punta al rilancio, ma attenzione al mercato di gennaio

Firenze, primo allenamento del nuovo allenatore della Fiorentina Cesare Prandelli al centro sportivo 2020-11-10 ©Niccolò Cambi/ Massimo Sestini
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy