Ancora Pradè: “Annata non sufficiente, puntiamo su Prandelli. Commisso ambizioso”

Le altre parole del Ds gigliato: “Auguro a tutti i tifosi un 2021 di grande serenità”

di Redazione VN

Oltre al mercato (LEGGI QUA), Daniele Pradè ha fatto il bilancio del 2020 in chiave Viola:

Auguro a tutti un 2021 di grande serenità, purtroppo il 2020 è stato un anno diverso da tutti gli altri. Per noi in Fiorentina è stato durissimo, tra staff e tesserati abbiamo avuto 42 casi di Covid. Speriamo adesso di iniziare una nuova vita. Sportivamente è stato un anno di ricostruzione. Tante situazioni contrattuali ci pesavano a livello economico, adesso siamo più liberi. In termini di voti, forse non si è raggiunta la sufficienza. Sono comunque fiducioso su quello che ci può dare la squadra. La mancanza dei nostri tifosi ha fatto sì che la squadra ne risentisse molto. Firenze vive di entusiasmo molto più di altre piazze. Il 2021 inizia con alle spalle una grande vittoria a Torino, in cui la squadra ha dimostrato cuore. A livello tecnico siamo secondi a poche squadre. Non saremo ancora pronti per i vertici, ma non meritiamo di stare dove stiamo. Ai nostri tifosi dico di essere sereni. Abbiamo una società fortissima e un presidente che vuole fare grandi cose. Cambi di allenatore? Tre tecnici in pochi mesi significa che qualcosa è andato storto. Ora Prandelli ci deve dare serenità e la sua esperienza. È un allenatore che ha dimostrato il suo valore e noi puntiamo su di lui. Ci metteremo tutti noi stessi.

 

Bologna, emergenza portiere. Con la Fiorentina gioca il quasi debuttante

(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bob - 3 settimane fa

    Pradè ormai hai finito tutti i bonus

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Elmauri - 3 settimane fa

    Caro Daniele, purtroppo il maledetto Covid ha fatto danni ovunque. Quindi non utilizzerei questa scusa per giustificare i tuoi errori. Il Covid ha colpito tutti, da Dybala a Ibra, da Ronaldo a Donnarumma. Ci sono state squadre letteralmente decimate, quindi assumetevi le vostre responsabilità e ammettete i fallimenti (perché la Viola che lotta per la salvezza per due anni di fila rappresenta un fallimento tecnico). Quanto al presidente, ha ragione sulle offese, ma le critiche per una squadra costata 100 milioni e ridotta in questo stato sono sacrosante. Nessuno gli contesta che non abbia messo soldi nella Viola, ma magari una controllatina a come vengono spesi e provvedimenti tempestivi sarebbero più che opportuni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lallero - 3 settimane fa

    Compra Man.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paolo - 3 settimane fa

    Io, ancora una volta, mi sento di dire a tutti quelli che si attaccano al fatto di non avere dalla nostra i tifosi sugli spalti, che questa è una situazione comune a tutte le squadre e che non riguarda soltanto la Fiorentina.

    Per esempio, quando giochiamo fuori casa, dovrebbero essere soprattutto i nostri avversari a risentire maggiormente della mancanza dei rispettivi tifosi e non noi: allo Juventus Stadium, giocare senza i tifosi gobbi è stato stato per noi un vantaggio oppure uno svantaggio psicologico? Per nostra fortuna, di questo ne sappiamo qualcosa, perché grazie anche alla loro mancanza abbiamo potuto avere la meglio, battendo più che nettamente la Juventus che, alla vigilia della partita, era data praticamente da tutti come sicura vincente.

    Poi (ma questa è sicuramente da prendere come una battuta), quando ci viene detto che da tifosi dobbiamo “stare sereni”, questo sicuramente dovrebbe preoccuparci almeno un po’, perché quella frase in passato non è stata certo fortunata per colui al quale è stata indirizzata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. jackfi1 - 3 settimane fa

    Come può il tifoso essere realista se il suo stesso DS si presenta in conferenza e ti dice che tecnicamente siamo secondi a pochi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy