Semplici: “Chiesa? Tanta acredine perchè per noi viola è difficile accettare il passaggio alla Juventus”

Semplici sulla Fiorentina e sull’addio di Federico Chiesa

di Redazione VN

L’ex allenatore della Fiorentina Primavera Leonardo Semplici è intervenuto a Radio Bruno:

La Fiorentina ha operato bene sul mercato, ha preso giocatori giovani e altri esperti. Adesso ci sono molti ricambi, ci sono varie scelte per affrontare un campionato positivo. Iachini? E’ preparato per fare buone cose. Quando si accetta un club come la Fiorentina si sa di andare incontro all’esigenza della piazza, è normale che ci siano pressioni e Iachini da questo avrà gli stimoli giusti. Ribery? Quando hai un campione che sta bene è un vantaggio, ma anche lui ha un’età e quindi l’allenatore lo tutela. A fine partita poi le scelte cambiano di peso, ma averlo è sempre un vantaggio. Callejon? È un grande acquisto, è diverso da Chiesa ma ha esperienza e grande valore. Addio di Federico? Si, forse si poteva chiudere diversamente. Dispiace perchè è cresciuto a Firenze e ha dato tanto, ha avuto altre ambizioni ed è andato alla Juventus. Per noi è sempre difficile sopportare il passaggio ai bianconeri (sorride ndr) e quindi si è creata più acredine del dovuto. Ma quando un giocatore ritiene finita un’esperienza è giusto mandarlo. Lo avrei voluto alla Spal quando eravamo in Serie B ma Sousa non lo lasciò libero. Gli auguro il meglio, conosco la famiglia e sono persone serie.

VN – ECCO QUANTO MANDZUKIC AVEVA CHIESTA ALLA FIORENTINA PER DIRE SI’

Chiesa
FLORENCE, ITALY – OCTOBER 05: Federico Chiesa looks on during an Italy training session at Centro Tecnico Federale di Coverciano on October 05, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 2 settimane fa

    A me più dei giocatori viola che passano alla Juve sta sui c…il fatto che lo si prende sempre in quel posto dalla Juve.
    Fosse meno squilibrato il rapporto sul campo, chi ci vuole andare ma che s’accomodi pure…
    C’è questa psicosi sui trasferimenti proprio perché non c’è confronto sul terreno dei risultati sportivi.
    Cominciamo a tornare alle sane, vecchie abitudini di farli soffrire almeno a Firenze, di batterli, di fargli perdere qualcosa d’importante e vedrete come Chiesa, Bernardeschi, Neto diventano tutte bischerate e non l’ombelico del mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. violacomunque - 2 settimane fa

    Ci poteva andare da Signore alla Juve ed invece c’è andato da coglione. Perchè di fatto il ragazzo è un pò disadattato. Tecnicamente e sopratutto tatticamente Callejon al momento ne vale 3 di Chiesa. Quindi operazione perfetta per la Viola. Con quel broncino aveva spaccato le palle a tutti. Quindi un altro simpaticone nella corazza dei gobbi e avanti il prossimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo - 2 settimane fa

    E così, alla fine, le colpe sono soltanto dei tifosi viola che non accettano il passaggio di un giocatore della Fiorentina alla Juventus e l’acredine è solo colpa loro!

    Io, francamente, non mi aspettavo da Leonardo Semplici (che stimo molto come allenatore e come uomo) una conclusione del genere riguardo a Federico Chiesa.

    E’ pur vero che a volte, fra i tifosi, c’è sempre qualcuno che può esagerare con i toni e con le offese, e questo è certo che non va assolutamente bene.

    Però, il fatto di non attribuire al giocatore un comportamento del tutto sbagliato ed irriconoscente nei confronti della Fiorentina, del presidente Commisso e dei tifosi viola i quali lo sempre coccolato ed incitato di tutto cuore, questo giudizio così di parte e a senso unico, non credo proprio che giusto nei confronti della stragrande maggioranza dei tifosi stessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. renesviola - 2 settimane fa

      Ma hai letto bene l’intervista? Dice per noi, cioè parla anche di lui come tifoso viola che non sopporta che va alla Rubentus….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vaianoviola - 2 settimane fa

    Persone serie? Non scherziamo, poteva andare dove e quando voleva bastava dirlo con chiarezza e rispetto per chi l’aveva cresciuto coccolato e lanciato. S’è digerito l’addio di Baggio e Batistuta, figuriamoci se ci si strappa i capelli per questo… Fa due intere stagioni col muso, polemizza con tutti (compagni in primis), nessuna dichiarazione…Gran bel giocatore baciato dalla fortuna per la tecnica ma per sfondare (specie in quegli ambientacci che frequenta ora) ci vuole carattere… e lui non ce l’ha

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy