VN – Nuovo Franchi, ecco il percorso che attenderebbe la Fiorentina con lo sbloccastadi

VN – Nuovo Franchi, ecco il percorso che attenderebbe la Fiorentina con lo sbloccastadi

Quali sono le tappe che la società viola dovrebbe percorrere in base al nuovo emendamento?

di Federico Targetti, @fedetarge
stadio-Franchi

L’emendamento sblocca stadi è nella fase finale del percorso verso la promozione a legge: si parla di metà settembre. In molti ne hanno discusso, anche perché il periodo è molto intenso sul versante politico, ma in pochi hanno capito veramente cosa comporta all’atto pratico per la Fiorentina. Allora ecco una panoramica dell’intero iter legislativo che la società del presidente Commisso deve intraprendere per mettere mano al Franchi, che sia per ricostruirlo o semplicemente per ristrutturarlo.

Parte prima – Presentazione e valutazione del progetto, pre-emendamento

Già a partire dal 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 147, articolo 1, comma 304) un soggetto che voglia intervenire su un impianto sportivo è tenuto a presentare al relativo Comune uno studio di fattibilità, ovvero una sorta di progetto corredato da un piano economico-finanziario e da un accordo con una o più associazioni o società sportive che andranno ad utilizzare la struttura in questione (nel caso della Fiorentina, chiaramente, non serve l’accordo con nessuna società, essendo la società stessa il soggetto interessato). L’Amministrazione Comunale deve quindi valutare la proposta riunendo tutti gli individui competenti in un incontro detto “conferenza di servizi”, ed emettere un parere entro 90 giorni dalla presentazione.

Dopo aver incassato questo primo parere positivo, la Fiorentina dovrebbe apportare le ultime modifiche e presentare il progetto definitivo al Comune, che avrebbe altri 30 giorni per valutarlo e dare finalmente il via libera. Il problema è che la Sovrintendenza ha posto il proprio veto sull’unico progetto presentato fino ad ora, quello a firma dell’Architetto Casamonti.

Parte seconda – Approfondimento sullo studio di fattibilità

Secondo il Decreto Legge 24 aprile 2017, n.50, articolo 62, comma 1, lo studio di fattibilità di cui abbiamo parlato può prevedere costruzioni anche non destinate all’attività sportiva, purché siano funzionali al finanziamento (ristoranti, centri commerciali etc.) e all’agibilità dello stadio. È possibile demolire l’impianto, ricostruirlo, riconvertirlo. Se l’impianto è pubblico, come lo è il Franchi, lo studio di fattibilità può contemplare la cessione ad un privato da parte dell’Amministrazione Pubblica del diritto di superficie o del diritto di usufrutto.

Cosa sono? Il diritto di superficie concede a chi se ne avvale, la proprietà di una costruzione all’interno di un terreno altrui; il diritto di usufrutto invece concede di servirsi di un bene di proprietà altrui, godendo dei ricavi a patto di non cambiare la destinazione economica di tale bene. In sostanza, nel primo caso la Fiorentina sarebbe proprietaria del nuovo Franchi, nel secondo non lo sarebbe, ma percepirebbe ogni tipo di incasso derivante da esso. Il diritto di superficie e quello di usufrutto non possono essere ceduti per una durata superiore al periodo di tempo previsto per il recupero dell’investimento, stabilito nel piano economico-finanziario, con un massimo rispettivamente di novanta e trenta anni.

E’ esattamente qui che entra in scena l’emendamento. Letteralmente: il testo si riallaccia al comma 1, inserendo i commi 1-bis e 1-ter. Cosa stabiliscono? Andiamo avanti…

Parte terza – Cosa cambia con l’emendamento

La Fiorentina, stando a quanto si legge nello sblocca stadi, può intervenire sullo stadio nonostante sia un bene culturale, a patto che gli elementi di valore architettonico, culturale e testimoniale vengano tutelati. Fin qui niente di nuovo.

L’emendamento però ammette la possibilità di riprodurre tali elementi anche altrove e in dimensioni diverse da quelle originali, e assegna al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (d’ora in poi “Mibact”), non più alla Sovrintendenza, il compito di individuarli. Quindi, il Dottor Pessina e i suoi uffici vengono privati di ogni voce in capitolo? No: possono ancora fornire indicazioni e raccomandazioni sulla tutela di alcuni specifici elementi, ma lo devono fare entro tempi molto più brevi rispetto a prima, e, cosa fondamentale, non hanno più il diritto di veto. La valutazione del Mibact deve pervenire entro 90 giorni dalla presentazione del progetto, termine prorogabile a 120 giorni nel caso in cui mancassero dei documenti necessari al procedimento. Scaduto questo termine, qualsiasi vincolo di interesse culturale decade, risultando comunque in un semaforo verde per la Fiorentina. La palla è quindi nelle mani del Comune, unica entità che può bloccare l’avanzamento dell’iter burocratico, con le tempistiche indicate nella parte prima; è chiaro che nessuno può fare quel che vuole, ci sono delle regole e delle istanze da rispettare e l’Amministrazione Comunale, con le varie commissioni, deve assicurarsene; nessuna brusca frenata, tuttavia, potrà più giungere da Palazzo Pitti.

Le valutazioni di interesse culturale e di impatto ambientale e paesaggistico, in definitiva, non avranno mai la meglio sulle esigenze di funzionalità, di adeguamento agli standard europei e di sostenibilità economico-finanziaria dell’impianto. In linea teorica, ogni tipo di intervento è possibile, anche una completa demolizione e ricostruzione, previo parere del Mibact su cosa si debba salvare e dove lo si debba ricollocare e con il via libera del Comune di riferimento. Rocco Commisso potrà finalmente tentare di raggiungere con lo stadio Artemio Franchi gli standard delle big europee, sempre che voglia mettere da parte l’alternativa Campi Bisenzio e lo stadio di proprietà.

CONTE FRENA SULLA RIAPERTURA DEGLI STADI: “INOPPORTUNO ALIMENTARE ASSEMBRAMENTI”

33 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SoloLaViola - 4 settimane fa

    Tutto questo casotto per ottenere cosa? Campo di Marte è un quartiere saturo di esercizi commerciali di terze parti che demolirebbero i vantaggi economici con una spietata e folta concorrenza, sia intermini di cibo e bevande che di merchandising (chioschini che vendono repliche false). Ok non prendere acqua e bruciarsi col sole, ma i famosi vantaggi econonici per crescere da dove arriverebbero? Addirittura il parcheggione che vuole fare Nardella sarebbe gestito da Firenze Parcheggi. Io credo che Commisso sia molto perplesso e stia valutando bene i possibili vantaggi/svantaggi economici di Franchi e Campi Bisenzio (secondo me pende tutto dalla parte della seconda soluzione in questo ambito).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 66ULTRAS - 4 settimane fa

    Non ci interessaaaaaaa …… se volete novoooo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo - 4 settimane fa

    Stai attento Rocco, questo per te è un autentico e colossale trappolone!

    Non ci cascare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Outsider - 4 settimane fa

    Sprcchietto per le allodole in piena campagna elettorale. Nardella & Co. sanno benissimo che lo stadio porta piú voti di tanti altri temi e stanno tentando il colpo di coda per restare sulla seggiola. Ovviamente, dopo aver criticato Campi per la carenza di infrastrutture, non vedo alcuna proposta valida per viabilità e parcheggi a Campo di Marte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Viola1974 - 4 settimane fa

    Mesi di immobilità e problemi.
    E poi a due settimane dalle elezioni si trovano mille soluzioni?
    Propagande elettorali che prendono in giro sia i tifosi viola che Rocco commisso.

    Come ho detto in passato, Rocco scappa da Firenze, vai a Campi o dove vuoi che noi tifosi se fai una grande squadra ti seguiamo ovunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. claudiog197_3585294 - 4 settimane fa

    Salvare tassativamente le scale elicoidali e montarle nel cortile di pessina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Valdemaro - 4 settimane fa

    Il punto è che lo stadio è una proprietà comunale, e secondo voi Commisso pagherebbe di tasca sua uno stadio non di sua proprietà?? Ma stiamo scherzando? Questo è il colpo di coda di una politica inetta e lobbistica. Glielo concedono il suolo per 99 anni come a Torino? Nessuno ha detto niente.
    Ci prendono per il c.lo e qualcuno applaude anche.
    Stadio a Campi il resto è fuffa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 4 settimane fa

      Come al solito non leggo bene. Non ti spiego perché è inutile. Applicati più nella lettura

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Valdemaro - 4 settimane fa

        Se non leggi bene cambia gli occhiali.
        E poi vai dai tuoi vassalli di casette d’ete a chiedi se ti fanno una bella nuvola da qualche parte…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fornamas63 - 4 settimane fa

      Premetto che avverso la soluzione Franchi, ma é già stato chiarito che si prevede una concesdione di 99 anni esattamente sul modello juve, ma il punto non é quedto, si tratta di mettere mano una eeconda volta su un impianto vecchio di 100 anni. Non ne può uscire un buon lavoro per mille motivi, logistica, vincoli, necessità di realzzare opere accessorie ecc ecc…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vecchio briga - 4 settimane fa

    Gli elementi di pregio li puoi anche inglobare nel nuovo impianto. Tutto sta nel capire se per la Fiorentina il gioco vale la candela

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Bottegaio - 4 settimane fa

    Il Franchi glielo hanno messo all’altezza della bocca al Sor Commisso, a patto che non vada a Campi. E poi non era l’aeroporto la priorità, eh?
    Ve l’ho scritto ieri, l’aeroporto è la priorità anche se la Toscana cambia colore, la votazione bipartisan dell’emendamento parla chiaro.
    Quindi sta al Presidente decidere o accettare o fare il vaso di coccio tra due vasi d’acciaio (politica e gruppi di potere legati allo sviluppo di Peretola)
    Poi c’è un aspetto secondario, evidentemente, che il Franchi abbandonato lo paghiamo noi in termini reali (Tasse e servizi).
    Però vedo che non interessa a nessuno. Tutti con i’babbo ricco, presumo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Valter - 4 settimane fa

    Non credo che Rocco abbia molta fiducia di Nardella visto il pacco che gli ha rifilato con la Mercafir.
    Per le persone di parola come Rocco questo non è un dettaglio da poco.
    Meglio assai Campi, in tutto e per tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. iG - 4 settimane fa

    e bastaaaaaaaaa ma ancora qualcuno puo’ credereal PD ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele72 - 4 settimane fa

      Dici bene , ma accidenti al meglio .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fornamas63 - 4 settimane fa

      Anche il centro destra sostiene ła soluzione Franchi, documentati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Bob - 4 settimane fa

      Culturalmente sei ad un livelllo veramente basso. Non sai niente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. glover_3713546 - 4 settimane fa

    La ristrutturazione del Franchi, per tanto motivi, economici, legali e di funzionalità, non sarà mai all’altezza dello Stadio nuovo (partendo da zero, senza abbattere nulla, senza costi altissimi di riciclo di rifiuti, e senza vincoli), come quello individuato a Campi Bisenzio a solo 1 km dal confine del Comune di Firenze, a fianco dell’Autostrada del Sole e vicina anche allo svincolo della Firenze Mare… una grande occasione persa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gamba - 4 settimane fa

      si raga, ma si è visto in Italia quanti problemi ci sono anche solo a pensare di fare nuovi stadi? via, un franchi rifatto a modo è ben più che un premio di consolazione. A Campi, strade da fare, mezzi pubblici da inventare, infrastrutture da pensare da zero. Purtroppo sarebbe enormemente più difficile e dopo che se ne è parlato per 20 anni, credo che l’importante sia vedere finalmente risultati reali

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MAMU VIOLA - 4 settimane fa

        Ti arrendi proprio ora? Siamo ad un passo dal poter ottenere un VERO NUOVO STADIO e te cedi accontentandoti? Mah.. nemmeno chiedessero i soldi a te…. stadio a campi, abbattimento del franchi(visto che nn c saranno i soldi x mantenerlo) e al suo posto in bel parco

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. SoloLaViola - 4 settimane fa

        Ma quali strade da fare! Tutti a parlare delle infrastrutture, quando a Campo di Marte ci metto più di 30 minuti IN MOTORINO a partire da Firenze Nord! Un semaforo ogni 50-100 metri, un budello di strade tortuose che non finisce mai, ma di cosa stiamo parlando? Già oggi è più facile arrivare all’Asmana che al Franchi da Firenze Nord.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. fox - 3 settimane fa

          Bisogna considerare anche la stazione di Calenzano, con bus navetta sono 3 km di distanza

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. 29agosto1926 - 4 settimane fa

    Semmai evidenzierei che il Ministero, nelle sue valutazioni, deve privilegiare lo scopo econonico-finanziario prima di ogni altra cosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. cla - 4 settimane fa

    Palazzo Pitti???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. glover_3713546 - 4 settimane fa

      è la sede della Sovrintendenza… di Pessina

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. cla - 4 settimane fa

        Sono ignorante. Grazie

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Dellone68 - 4 settimane fa

    Se la norma è questa per la Fiorentina sembrerebbe fatta. Si può addirittura rifare lo stadio da capo a piedi. Addirittura riproducendo gli elementi architettonici in scala, il che vuol dire che potrebbero fare anche un “museo del Franchi” dove esporre la riproduzione di questi elementi. Insomma, speriamo che lo facciano, con buona pace del signor Pessina.
    Avanti viola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fornamas63 - 4 settimane fa

      si credici, leggi meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. 29agosto1926 - 4 settimane fa

    Bravo Targetti. C’era bisogno di fare un po’di chiarezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 4 settimane fa

      Come vede abbiamo risposto ad una sua richiesta prima con un articolo molto veloce e adesso con una spiegazione estesa che speriamo possa fare chiarezza a molti. Grazie per lo spunto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SoloLaViola - 4 settimane fa

        Buon pomeriggio Savero. Per quanto riguarda invece la questione Studio di Fattibilità per Campi, i tempi non dovrebbero essere ormai maturi? Avete novità? Se i passaggi da seguire sono gli stessi, se passasse un esito positivo la Fiorentina potrebbe subito presentare un progetto, che andrebbe approvato o meno entro 30 giorni dal Comune di Campi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Saverio Pestuggia - 4 settimane fa

          Al momento per via dell’assenza di Commisso e degli ultimi sviluppi della legge, il discorso è fermo, ma certamente a breve Commisso prenderà la sua decisione finale. Certamente a Campi il percorso sarebbe più snello ma dovrebbero essere costruite anche diverse infrastrutture. Saluti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. SoloLaViola - 3 settimane fa

            Ottimo, grazie. Resta comunque il fatto che se a livello legale questo responso deve arrivare entro massimo 90 giorni dalla presentazione delle richiesta, entro una settimana dovremmo sapere qualcosa dalla Regione. Oppure pensa che la Fiorentina abbia fatto mettere questa pratica in sospeso alla Regione visti gli sviluppi lato Franchi?

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy