Vlahovic-gol e quella voglia di diventare importante. E se dal mercato arriva la spalla giusta…

Rispetto a pochi mesi fa, la crescita del centravanti serbo è evidente, anche grazie alla fiducia che gli sta dando Cesare Prandelli

di Alessandro Bracali, @alebracali9

Cosa vuol dire la fiducia. Specie quando si hanno appena vent’anni e ti è stato affidato il compito mica tanto facile di guidare l’attacco di un club dal nome importante. Uno degli eroi di Torino, Dusan Vlahovic, che sotto la guida del maestro Cesare Prandelli è cambiato e adesso sembra un altro giocatore rispetto a quello, ad esempio, che sbagliava, anche con una certa sufficienza, un gol facile facile a San Siro contro l’Inter. Era il 26 settembre 2020, tre mesi fa precisi, e con quel tiraccio di destro da pochi passi l’attaccante serbo non solo falliva il colpo del ko – i viola, come sappiamo, perderanno poi quella partita – ma toccava anche il fondo del suo anno a dir poco travagliato. Inizialmente titolare nella gestione-Iachini, Vlahovic segna anche gol importanti come quello di Napoli (splendido) e la doppietta di Genova contro la Samp, poi gioca meno fino allo stop causa Coronavirus, con la fase iniziale del lockdown passata a combattere proprio contro quell’avversario terribile ed invisibile che è appunto il Covid-19. Alla ripresa del campionato, nonostante alla prima col Brescia sia titolare, il suo impiego diminuisce sempre di più, fino a sparire del tutto dal radar viola, sia in termini di presenze che di segnature.

In tanti, durante la pausa estiva, vorrebbero la sua cessione in prestito per vederlo giocare con continuità, il Verona sembra molto interessato e Juric viene subito definito “l’allenatore ideale” per far crescere Vlahovic. Il quale, però, resta alla Fiorentina, anche perché il club gigliato decide di puntare sui suoi tre giovani attaccanti piuttosto che spendere diversi soldi per il Piatek di turno. Ma tra settembre e ottobre l’ex Partizan il campo lo vede pochissimo. Solo una volta da titolare, in casa contro la Samp, partita persa malamente dalla Fiorentina ma in cui Vlahovic segna il suo primo gol stagionale. Passano le settimane, la classifica inizia a piangere, l’ambiente e la squadra si deprimono ed ecco che ritorna Cesare Prandelli. Il tecnico tanto amato a Firenze inizia le sue rotazioni e modifiche tattiche, ma Vlahovic è una delle pochissime costanti: sempre titolare, è lui il riferimento centrale là davanti. Contro il Benevento ha zero palloni giocabili, solo un cross di Lirola che cerca di trasformare in oro sotto misura, col tacco, senza fortuna, mentre con l’Udinese in Coppa Italia gioca malino e spreca un’occasione incredibile. Il cambiamento s’inizia ad intravedere col Milan: in casa della capolista è molto più combattivo rispetto al recente passato e coglie anche una clamorosa traversa sull’1-0 per i rossoneri, con una fiammata di sinistro. Da lì la crescita è sempre più evidente – nella disfatta di Bergamo, ad esempio, è sicuramente uno dei pochissimi a salvarsi – fino ai tre gol siglati in sei giorni contro Sassuolo, Verona e Juve. Con in più un atteggiamento in campo ed una predisposizione al sacrificio che prima non c’erano.

Il contratto di Dusan scade nel 2023: c’è tempo per il rinnovo ma…

Con il 2021 sarà fondamentale per Vlahovic riprendere da dove ha lasciato e non disperdere per nulla al mondo quella determinazione ed energia positiva che ne hanno fatto uno dei migliori viola visti nelle ultime settimane del 2020. E magari, col mercato, può arrivare anche un nuovo compagno di reparto con cui poter condividere le battaglie da fare lassù, per togliere la Fiorentina da una zona di classifica che non le compete.

(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. johan14 - 3 settimane fa

    Bambini sveglia. Per vivacchiare Vlahovic va benissimo, ma se abbiamo un minimo di ambizioni, nella Fiorentina non c’è posto per nessuno dei tre sedicenti centravanti che abbiamo adesso. Via tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Uccellino51 - 3 settimane fa

    Spalla ideale: El Sharawi, punta di riserva per farlo rifiatare Pavoletti. Dal mercato mi aspetto anche un centrocampista (Sensi)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 3 settimane fa

      Sensi arriva subito, garantito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. AndrewsViola - 3 settimane fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. MASO72 - 3 settimane fa

    Joao Pedro la spalla ideale. No mandzukic e llorente perché giocano nello stesso ruolo di Dusan

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Staffa - 3 settimane fa

    Al solito..non era un bidone prima..e non è certo un fenomeno adesso..
    Si vedono i miglioramenti certo..ma teniamogli i piedi ben saldi per terra..ci mette un secondo a montarsi la testa(se non l’ha gia fatto).
    Ne ha di strada da fare..per me non è nemmeno giusto dargli tutta la responsabilità dell’attacco di una squadra che deve per forza fare punti vista la classifica.
    Vlahovic ha bisogno del miglior ribery(vedi torino) e forse non basta(ancora spero nel ritorno di callejon)…di testa è ancora scarso, spesso perde la posizione, deve imparare a tenere palla x far salire la squadra..
    Io ero per mandarlo da juric in estate, ma visto che ormai resta, x questa stagione, gli serve una spalla di esperienza, scordiamoci l’attaccante da 20 gol..tanto un ci vengono, a me piaceva tanto mandzukic(in condizione) ma secondo me andrebbe bene anche llorente..uno che sappia insegnargli bene i movimenti.
    Spero continui a migliorare e ad essere pou cattivo e preso sotto porta, la foga(e la paura) gli fanno perdere lucidità…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gerrone - 3 settimane fa

      se viene servito 15/20! le fa dusan

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. AndrewsViola - 3 settimane fa

    AndrewsViola –
    ritengo Dusan un ragazzo di ottima prospettiva Confido in una sua evoluzione tecnica considerando anche i mezzi fisici non indifferenti
    Pongo alla tua attenzione le ultime prestazioni come la difesa del pallone e tutte le fasi offensive triangolazioni , assist , attacco spazi , colpi di testa e finalizzazioni tutte inconfutabilmente decisamente migliorate …!!
    Non è assolutamente un carciofo ..!!
    Ai posteri …!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mediacom Corporation - 3 settimane fa

    Fa piacere aver sempre creduto in lui, potenzialmente può diventare tra i primi attaccanti al mondo nei prossimi anni. Prandelli ha fatto bene a credere in lui anche quando non si sbloccava. I gol che ha fatto sono quasi tutti belli ora deve anche imparare a realizzare quelli brutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. augustosandol_5670139 - 3 settimane fa

    Non ne ho mai parlato bene ma mi pare che con Prandelli come maestro sia in buon miglioramento. Certo come colpitore di testa non è granché e magari prendere un centravanti forte di testa ed esperto potrebbe essere la siluzione più idonea. Uno cioè che possa aiutarlo a crescere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Juve merdaaaa - 3 settimane fa

      Stai parlando di Pavoletti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio.godiol_884 - 3 settimane fa

    Una spalla ideale per il futuro potrebbe essere Sottil..se resta umile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Tagliagobbi - 3 settimane fa

    Vlahovic deve essere il titolare. Io l’ho sempre detto, a parte dopo alcune partite (vedi Inter) dove me lo sarei mangiato vivo. Si vedeva che non faceva i movimenti giusti ma che aveva grandi capacità e una cattiveria addosso non comuni. L’allenatore DEVE insegnare i movimenti ai ragazzi giovani come lui, Prandelli lo sta facendo e i risultati si vedono. Se si dà via Cutrone o Kuamé (che io invece terrei perché anche lui con Cesare sta migliorando continuamente) prenderei una prima punta di esperienza per far rifiatare Dusan e un regista alla Javi Martinez (di cui ne parlano in un articolo su questo sito) per far girare la squadra. In più spero che Prandelli cominci piano piano a dare qualche occasione a Montiel. Secondo me questo ragazzo è un nuovo Robbiati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. MassimoRon - 3 settimane fa

    VLAHOVIC ha qualità, il gol a De Light è come quello fatto con l’Inter , ha bruciato sia lui che Skriniar, alla fine gli mancano i gol più facili.
    Sacrificherei Kuame (chi se ne frega se esplode al C Palace basta che si guadagni noi) per un 20-25 Ml da investire su due giocatori giovani e forti.
    DAAMSGARD della Samp
    LOVATO Bologna
    RICCI Spezia
    Justin KLUIVERT (ex Roma)
    ENIS BARDHI Levante
    Poi c’è Torreira che si conosce già

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. johan14 - 3 settimane fa

      Sono desolato, ma devo deluderti. Vlahovic carciofo è e carciofo rimane. Buona potenza nel sinistro e niente altro. Scarso di testa, scarso nel difendere il pallone spalle alla porta, penoso da un punto di vista tecnico, disastroso nel dribbling. La partita di Torino è soltanto una invitante polpetta avvelenata. Sai cosa farebbe una grande dirigenza di una grande società? Lo venderebbe a gennaio a una di quelle squadre che lo volevano in estate. Il vero centravanti è un’altra cosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. kk53 - 3 settimane fa

        Ne ho sempre parlato male del serbo,svogliato nel comportamento in campo e con tutti i difetti che descrivi,c’è da augurarsi che Cesare abbia fat
        to un lavoro a livello psicologico giusto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. MassimoRon - 3 settimane fa

        beh alla fine si tratta di un ragazzo di 20 anni, se fosse completo sarebbe al PSG o Real, deve crescere.
        Io penso solo che debba essere messo nelle condizioni giuste di segnare.
        Non puo’ fare reparto da solo, in serie A se lo mangiano, quindi gli vanno creati spazi e tante palle da gol.
        E’ sempre marcato a uomo, inserire un esterno ed un regista garantisce tempi di gioco migliori e sopratutto una manovra piu veloce che metta in difficolta le difese avversarie.
        Un esterno forte che spacchi le difese è importante per lui per RIbery (altro giocatore sempre con 2 uomini addosso, Castrovilli idem)
        creando un gioco più veloce, anche lui ne gioverebbe.
        Poi non sarà Immobile ma se gli aumenti gli spazi e gli assit migliorerà no??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. AndrewsViola - 3 settimane fa

        Pur Rispettando il tuo parere ritengo Dusan un ragazzo di ottima prospettiva Confido in una sua evoluzione tecnica considerando anche i mezzi fisici non indifferenti
        Pongo alla tua attenzione le ultime prestazioni come la difesa del pallone e tutte le fasi offensive triangolazioni , assist , attacco spazi , colpi di testa e finalizzazioni tutte inconfutabilmente decisamente migliorate …!!
        Non è assolutamente un carciofo ..!!
        Ai posteri …!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. 29agosto1926 - 3 settimane fa

        Per me il calcio non è il tuo sport. Forse assisti a troppo curling e ti confondi. Il tempo comunque ce lo dirà perché io dico che questo “carciofo” (a proposito mi sono appuntato il tuo post) diventerà uno dei più forti attaccanti d’Europa nel giro di due anni.
        Stasera su Sky c’è il campionato nazionale di freccette, se dovesse interessarti………

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy