Pedro, l’agente in arrivo a Firenze per fare chiarezza. Il mercato e Bologna indizi forti

Pedro, l’agente in arrivo a Firenze per fare chiarezza. Il mercato e Bologna indizi forti

Il viaggio transoceanico metterà la parola fine a questa vicenda. In Brasile restano forti le candidature di Flamengo e Gremio

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani

Parallelamente all’affare Patrick Cutrone (SCHEDA), la Fiorentina è al lavoro per il futuro di Pedro. Il club viola fa sapere che una decisione definitiva non è ancora presa, ma il fatto che la Fiorentina stia cercando un attaccante sul mercato, a cui aggiungiamo le scelte prese ieri da mister Iachini (Vlahovic titolare, Boateng a gara in corso), sono due segnali forti sul destino dell’ex Fluminense. Un possibile terzo indizio lo aggiungiamo noi: l’agente di Pedro, Marcio Giugni, arriverà la prossima settimana in Italia per fare chiarezza sulla posizione del suo assistito ed, eventualmente, parlare della futura destinazione. Un viaggio transoceanico che metterà la parola fine a questa vicenda. Intanto, come vi avevamo già raccontato la settimana scorsa, in Brasile restano forti le candidature di Flamengo e Gremio: LEGGI.

In Inghilterra sono sicuri: “La Fiorentina può chiudere per Cutrone entro 48 ore”

Pedullà: “Cutrone si è promesso alla Fiorentina, Pedro aspetta notizie da…”

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violentina - 5 mesi fa

    in una società ‘normale’ ieri pomeriggio pradè avrebbe svuotato l’armadietto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. renesviola - 5 mesi fa

    E’ una situazione assurda. Seguo da tanti anni il calcio e mi appassiona, ma una situazione del genere non me la ricordo. Forse l’Inter ne è stata più volte protagonista : basta pensare che aveva svenduto Pirlo al Milan considerandolo poco valido! Ma questa vicenda è surreale. Vi posso assicurare che avendolo visto giocare in Brasile Pedro è forte. E’ una centravanti che nella Fluminense faceva reparto da solo, dotato tecnicamente. Sarà pure diverso il campionato Brasiliano ma se si è scarsi lo si è anche là, Comunque parliamo del Brasile più volte campione del mondo ed il paese che ha sfornato più furiclasse, non è certo calcio minore. Però l a assurdità sta nel fatto che quando Pedro è stato preso si doveva sapere e si sapeva che aveva subito un grave infortunio e ci voleva tempo per riprendersi. Lo doveva sapere Pradè. Se lo si sapeva si teneva presente che si prendeva un giocatore che doveva riprendersi da questo infortunio e ambientarsi in un nuovo calcio e ambiente. A dire il vero io Pedro in Brasile l’ho visto anche dopo l’infortunio e sinceramente mi sembrava in piena ripresa : 10 partite 5 reti. E’ uno che ha gran senso della porta , segna anche da fuori area. Comunque è incomprensibile che ora lo si venda a molto meno di quello che lo abbiamo pagato. A me risulta che la Fluminense sapendo del valore del ragazzo si è riservata nel contratto di cessione il 20% sulla futura rivendita. Quindi non capisco perchè non si vuole dare la possibilità a Pedro di dimostrare il suo valore sul campo. I minuti giocati con Montella non hanno valore, sono pochi e per di più in partite compromesse dove erano saltati tutti gli schemi. Quindi quello che si sta compiendo con Pedro per me è un grave errore. Per di più lo cediamo per prendere Cutrone e non dico altro.

    http://chng.it/Bxj5PPMC

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 5 mesi fa

      Caro lei, Pedro ha subito un grave infortunio. Questa e’ l’operazione in perfetto stile Prade’. Nella passata gestione Gomez e Rossi e in quella in corso Ribery e Pedro. Infatti nella lista degli osservati speciali c’e’ proprio Prade’, se non fa un mercato decente via Prade’ e a marzo dentro un nuovo direttore sportivo che, si spera con Spalletti, ricostruira’ la Fiorentina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. riccard_793998 - 5 mesi fa

        Spalletti lascialo a prendere i soldi dell inter….. un presuntuoso che non ha vinto niente in vita sua……

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Staffa - 5 mesi fa

    Spero proprio diventi un fenomeno…
    Sbagliare è umano..perseverare…

    Vahia vahia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pepito4ever - 5 mesi fa

    comunque più che le cessioni interessano gli acquisti e se è vero che sono dipendenti l’una dall’altra allora è un casino, abbiamo spal in casa, atalanta in coppa e poi si va a napoli e se si aspetta di cedere ranieri o ceccherini, dabo e pedro per avere un difensore, un centrocampista e un attaccante è un casino, tutti i giornalisti dicono è fatta per Cutrone e poi leggo che se non si da via Pedro non arriva Cutrone, ma la cosa più preoccupante è appunto Giugni l’amico di Pradè che arriva la prossima settimana, c’è un pò di confusione perchè Cutrone non si può chiudere in 48 ore ecc,ecc. Un altro aspetto drammatico è Pradè ha voluto aiutare il Fluminense che non pagava gli stipendi ai propri tesserati da mesi prima di vendere Pedro, e questa operazione è servita solo a Giugni per gonfiare il portafoglio e al Fluminense per risanare le casse e pagare gli stipendi e i debiti. Poi Pradè dopo che Rocco è stato chiaro e gli ha detto voglio gente pronta, forte che ci dia una mano e non solo per 6 mesi, cosa fa? Sta trattando Juan Jesus e la sua squadra del cuore gli ha chiesto 8 milioni per quel cesso. Pradè è romano, romanista e spera di tornare alla Roma e fa di tutto per aiutarla sempre. Malefico e ha ancora 2 anni di contratto così riuscirà a fare altri danni prima della fine, ma nessuno lo controlla a questo Pradè? Poi il centrocampista, Dabo non va alla spal se kurtic non va al parma, così prima che arrivi un centrocampista saranno guai. Questa politica proprio non la capisco è figlia di una gestione controllata ma troppo dannosa stile Ghigni. Spero mi smentiscano e che arrivi almeno Cutrone e un centrocampista ma alla fine il primo ad arrivare sarà Juan Jesus dalla squadra del cuore di Perdè

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giusetex7_9905901 - 5 mesi fa

      Guarda, io sono stato contento dell’arrivo di Prade e speranzoso di rivedere finalmente bel calcio in coppia con Montella. Invece il mercato scellerato e il modo col quale di fatto ha addossato colpe sue sull’allenatore mi ha deluso. Da lì a dire che è un romanista, un non professionista ecc ecc ce ne passa. Ha sbagliato come capita spesso a chi fa quel lavoro, ha raggruppato molti errori nella stessa sessione. A prescindere dalla situazione Pedro che ha del surreale, il suo errore marchiano è stato venire in conferenza a dire che non c’erano problemi a fare minusvalenze e che era rimasto un tesoretto di 30 milioni non speso. Vuoi o non vuoi il tifoso certe parole se le ricorda e poi te le rinfaccia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. batigol222 - 5 mesi fa

      Tranquillo, ora c’è un tour de force che andrà per forza affrontato con questi giocatori qui, inutile forzare la mano e comprare giocatori che tra l’altro non mi pare cambino chissà quanto gli equilibri.
      La squadra attuale con un allenatore serio ce la deve fare, contro spal, genoa, sampdoria, ecc.. devono essere punti e anche diversi. Speriamo di non prendere imbarcate contro atalanta, juve, napoli ecc…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. max688 - 5 mesi fa

    l’operazione pedro è stata folle in entrata……in un contesto di budget limitato e squadra quasi da rifondare un giovane di belle promesse da rigenerare dopo un grave infortunio era l’ultimo acquisto da farsi…
    se si vende senza rimetterci amen…ci serve l’uovo oggi e non, FORSE, la gallina domani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Xela - 5 mesi fa

    La cosa più assurda è stata no farlo mai mai mai giocare una partita da titolare. 50 minuti almeno. nulla. nemmeno col cittadella. come si fa a giudicare un calciatore solo dagli allenamenti e da pochi scampoli di partita?

    Detto questo per me non abbiamo perso nulla nonostante le voci che dicano sia richiesto da madrid o chissà quanti altri. Dai video si vede che è uno abituato a stoppare la palla a 2 metri perchè tanto i difensori in brasile ti aspettano sempre. qui per integrarsi gli ci vuole un bel po’. Errore di mercato, netto. Oltre al fatto di aver allestito la rosa dei centravanti con un 19enne della primavera, un falso nove adattato con una certa età ed un brasiliano rotto non adatto al calcio europeo.

    Difendo spesso Pradè sulle intenzioni (la palla di vetro non ce l’ha nessuno) ma qui ha rischiato troppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea - 5 mesi fa

      Se non ha mai giocato, oltre qualche comparsata con la primavera, ci sarà una ragione?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Marco pennaviola - 5 mesi fa

    A questo punto non resta che arrendersi e sperare tanto di non pentirsene…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LoreBBB - 5 mesi fa

    la cosa fondamentale sarebbe dar via boateng che è finito. FI-NI-TO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca-Pisa - 5 mesi fa

      Certo. E tenersi Vlahovich, Cutrone e Pedro. Tre punte come tutte le squadre serie. Del resto se i soldi non sono un problema… Se invece per prendere Cutrone, si deve vendere Pedro, magari perdendo un’altra settimana, ci devono spiegare a che gioco giochiamo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. martino - 5 mesi fa

    per me CUTRONE è fortissimo e sarà l’attaccante dei prossimi 10 anni.
    detto questo, l’operazione Pedro è folle perchè acquisti un giocatore infortunato che sai dovrà riprendersi e ambientarsi al calcio europeo (e nello specifico italiano) e te ne disfi dopo 6 mesi rimettendoci anche dei soldi: lo si dia in prestito almeno 6 mesi, in Italia (se ci si vuole puntare in futiro) o in Portogallo se si vuole valorizzare (stessa lingua e difese ballerine)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy