Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

esclusive

Le pagelle del giorno dopo: tra Italiano, Ikone, Ribery e Canino

Le pagelle del giorno dopo: tra Italiano, Ikone, Ribery e Canino

La nostra consueta rubrica con la firma di Luca Calamai. Queste le valutazioni nel day after di Bologna-Fiorentina 2-3

Luca Calamai

10 a Commisso che a causa di una polmonite è stato costretto a tornare negli Stati Uniti. Mi dispiace perché avrebbe meritato di vivere questa vittoria al fianco della squadra. Lui ci mette cuore e passione

10 a Italiano che ha cambiato testa e cuore alla squadra. Tra l’altro mi piace quando dice che il “pareggio è un’anomalia” del calcio. Ha trasmesso ai suoi giocatori la voglia di cercare sempre di vincere. Il pullman davanti alla porta lo lasciamo mettere a altri.

9 a Gonzalez. Sapevamo che era forte e ora deve dare una marcia in più alla Fiorentina. E spero di poter usare presto le stesse parole con Castrovilli.

9 alla classifica. Sarri e Mou sono alle spalle. Chi l’avrebbe detto in estate. Resto convinto che per Sarri sarebbe stato meglio allenare la Fiorentina. Nella Lazio non lo capiscono

7 all’arrivo di Ikone. Mi piaceva più Berardi però anche Ikonè può funzionare

7 a Biraghi per il gol realizzato. Lo confesso, è un giocatore che non mi accende ma quest’anno sta dimostrando di essere un buon giocatore e un ottimo capitano. Penso che meriterebbe di riconquistare anche la Nazionale.

5 al conduttore televisivo Canino che ha detto: “Mi piacerebbe vedere Dybala e Biraghi a Ballando con le Stelle”. Beh, non esageriamo.

5 a Ribery che non sta andando bene con la Salernitana ma che è sempre Ribery. Vietato perderlo di vista.

5 alle televisioni Nazionali che non si sono ancora accorte di quanto la Fiorentina sia spettacolo allo stato puro

10 e lode al fatto che per una volta Vlahovic non conquista il primo voto di queste pagelle. Nella Fiorentina c’è anche altro.