“Ci penso io”… E non solo in campo. Ribery si fa in tre per la Fiorentina

“Ci penso io”… E non solo in campo. Ribery si fa in tre per la Fiorentina

Il francese vuole rendere la Fiorentina all’altezza delle ambizioni

di Federico Targetti, @fedetarge
Ribery

Quando, poco meno di un anno fa, Franck Ribery è sbarcato a Firenze, in pochi erano scettici, ma non molti, immaginiamo, si aspettavano di accogliere a Firenze un campione a trecentosessanta gradi, pronto a dare il massimo in campo… e non solo. Sì, perché oltre ad aver deliziato con alcuni dei pezzi migliori del suo repertorio – chiedere a Milan e Lazio per informazioni – FR7 è sempre stato il più costante negli allenamenti, un esempio da seguire e una sorta di fratello maggiore per Castrovilli e i giovani in rampa di lancio. Peccato solo per il brutto infortunio lo ha tenuto fuori per mesi… Ma è solo la punta dell’iceberg.

Ribery è, per la sua storia, per quello che ha fatto e che fa vedere, un polo d’attrazione di notevole magnetismo. Non è un caso se alcuni dei suoi ex compagni al Bayern Monaco (Gotze e Mandzukic, ma nelle ultime ore anche Javi Martinez: i dettagli) hanno preso in considerazione l’eventualità di raggiungerlo a Firenze. Chiaro che non basta soltanto un amico “buono a pallone” per impegnarsi in un nuovo progetto, ma la portata di queste trattative dà un’idea del peso specifico di Ribery all’interno del Direttorio viola. Come se non bastasse, voci risalenti a qualche giorno fa (LEGGI) sostengono che la convinzione di Rocco Commisso sulla conferma di Iachini come tecnico per la stagione 20-21 sia anche dovuta al parere positivo del fenomeno transalpino.

Quindi, ricapitoliamo: giocatore, DS aggiunto e consulente per l’area tecnica. Tre ruoli in uno, senza pretese di assurgere a divinità, ma certamente centro di gravità permanente di una Fiorentina che deve tenere il passo del suo Re Sole. Anche perché un altro anno di anonimato porterebbe alla ghigliottina, mediatica e da parte dei tifosi.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. paolob - 1 mese fa

    Teniamocelo stretto Ribery, e prepariamolo già per un futuro in società quando smetterà di giocare. Allenatore o dirigente poco importa, ma abbiamo bisogno di persone cosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy