Diego & Andrea Della Valle e… il passo del cavallo

Diego e Andrea Della Valle stanno cambiando qualcosa nelle loro aziende. Che cosa succede?

di Saverio Pestuggia, @s_pestuggia

Chi almeno una volta nella vita ha giocato a scacchi conosce sicuramente lo strano movimento che gli inventori del gioco hanno dedicato al cavallo: un movimento avanti o indietro e uno laterale. Proprio come i fratelli Della Valle che hanno deciso in tempi diversi di fare un passo indietro (nella Fiorentina Andrea) e di lato ( nella Tod’s Diego). Aldilà della metafora scacchistica questi passi dei fratelli proprietari della Fiorentina non sono fini a se stessi e sottintendono ad un malumore nei confronti del calcio, quello di Andrea, e ad un momento di piccola difficoltà per la Tod’s quello di Diego.

Da mesi i proprietari di ACF Fiorentina non vengono a Firenze e non affrontano direttamente l’argomento legato alla loro società calcistica lasciando al Presidente esecutivo Cognigni qualche fugace apparizione collegata a brevi commenti sul mondo viola. Nel frattempo la squadra vivacchia a centro classifica senza ambizioni e con poche prospettive di miglioramento ed il rapporto con la città e i tifosi viola è ai minimi termini proprio come le prospettive sportive.

Cui prodest, a chi giova tutto questo? Non certamente ai fratelli Della Valle abituati ad essere al centro dell’attenzione nel loro campo di lavoro, non agli atleti e tecnici che, anche se non lo dicono apertamente, si sentono un po’ come una barchetta in mezzo alle onde maestose dell’oceano Pacifico, e nemmeno a buona parte dei tifosi viola che ormai non vedono l’ora di liberarsi dei proprietari marchigiani.

I compratori importanti latitano? Eppure Firenze e la passione del popolo viola farebbe gola a molti. Certo nessuno è disposto a buttare soldi per niente. L’era dei Presidenti ricchi scemi non esiste più e chi si avvicina al mondo del calcio vuole il ritorno che sia economico o di pubblicità alla propria persona. Ma certamente il ritorno mediatico che attualmente hanno i Della Valle con la Fiorentina non è positivo e allora non varrebbe la pena abbassare le pretese e uscire di scena?

Infine il passo a lato di Don Diego: una battuta certo che però ci fa capire che il motore della famiglia ha bisogno di una revisione decisa con nuovi dirigenti che abbiano nuove idee per rilanciare il marchio di famiglia negli ultimi anni un po’ in affanno. Niente di grave certo, ma se nella revisione del gruppo ci fosse anche la dismissione del settore sportivo?

Il passo del cavallo dei fratelli Della Valle ci fa capire che qualcosa nella galassia Tod’s sta bollendo. Non ci resta che aspettare e, per qualcuno, sperare.

VNCONSIGLIA1
– BLOG Guetta: “Grattando un po
– Tutti i conti del gruppo Tod’s
– Si conferma il trend al ribasso al “Franchi”: negli ultimi 3 anni “persi” 6.000 spettatori
– Il calendario viola: tutte le date delle gare aggiornate. C’é Ferrara dopo la pausa
– Primavera 1 – Fiorentina “risucchiata” dalle inseguitrici. La classifica aggiornata

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. filippo999 - 3 anni fa

    Messora…Messora….ma se quei due non ci vogliono più stare , in alcun modo ,
    e nel caso di DDV , che poi è quello che comanda , la cosa è clamorosa e dura da anni ,
    perchè mai dovremmo inginnocchiarci e pregare che costoro restino al comando
    della società ? Non mi sembra molto dignitoso . La cosa è buffissima , sono anni
    che stanno dismettendo , le ultime 6 sessioni di mercato sono state emblematiche ,
    ed invece continuano a saltar fuori post nei quali si invitano i tifosi al buon senso ,
    a non costringere i DV ad andarsene , come se invece non fosse esattamente al
    contrario , e cioè i tifosi criticano proprio perchè sono i DV ad essere con un piede
    dentro ed uno fuori , e questo ben prima delle contestazioni . In pratica ,
    si confonde l’effetto con la causa . E che vogliamo
    fare ? Ce li vogliamo tenere anche se sono loro a voler mollare ? E la cittadella
    non c’entra nulla . La Lazio ha una grande squadra , con un presidente ridicolo e
    assai meno danaroso dei DV . Dimmi dove sta la loro cittadella .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Valdemaro - 3 anni fa

    Menomale che esistono “tifosi” con la sfera di cristallo qui sotto. Sanno già come andrà a finire con una nuova proprietà. Datemi anche 5 numeri che li gioco al superenalotto. La realtà è che questa simpatica famiglia marchigiana nella persona del grande Diego ci ha messo spudoratamente la nostra amata squadra in vendita con un c.s. a giugno (guarda caso preciso all inizio del calciomercato..). Quindi chiunque desideri che questi soggetti rimangono proprietari della Fiorentina per me non sono tifosi ma trolletti prezzolati. Tranquilli comunque a breve non venderanno visto che l ACF è l’unica società del gruppo che non va in perdita (poi vogliamo parlare delle consulenze esterne a bilancio???) del gruppo. Quindi trolletti state tranquilli che a breve non venderanno, evidentemente c’è ancora tanta ciccia attaccata all osso. Poi se chiedono 1 mil per vendere un monolocale a Brozzi la vedo dura che qualcuno sano di mente la possa rilevare. Forza Fiorentina e abbasso i Della Valle!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Messora - 3 anni fa

      trolletto prezzolato?
      è evidente che quando non si hanno argomenti validi per argomentare, ci si riduce all’offesa che funziona sempre per darsi un tono e fare il fenomeno da tastiera.
      ma andiamo oltre, cerchiamo di entrare nel merito, prova a formulare uno scenario futuro con un nuovo proprietario, vediamo se hai un’idea che sia una di quello che potrebbe essere la Fiorentina prossima ventura.
      a scanso di equivoci a me che rimangano o meno i Della Valle non me ne può fregare di meno, tanto più che sono uno dei tanti a cui Cognigni sta ampiamente sui coglioni (invece i due fratelli marchigiani non mi suscitano alcun moto di antipatia, nonostante non sia un loro entusiasta sostenitore).
      ma se la tua idea è quella della stragrande maggioranza dei tifosi viola, ovvero vendano a chiunque basta che se ne vadano, allora mi domando se davvero hai a cuore le sorti della Fiorentina, perchè una volta che i fratellini se ne saranno andati, noi rimarremo qui, e non vorrei trovarmi a dover cadere dalla padella nella brace.
      ma soprattutto non vorrei di nuovo stare a sentire voi lamentose lagne ripetere all’infinito che la Fiorentina non è un prodotto da cui aspettarsi un ritorno economico, di frugarsi, di non essere trattati come clienti eccetera eccetera.
      anche perchè avreste dimorto stancato a chiacchere (quelle non mancano mai)
      e visto che non c’è MAI stato un fiorentino tifoso doc che sia uno (no nemmeno nell’agosto del 2002 signori miei), che si sia degnato di chiedere di acquistare la società (e lo fanno proprio perchè sanno in che ginepraio si andrebbero a cacciare, sia per quanto riguarda l’ambiente, tifoseria e media, sia per quanto riguarda l’enorme sforzo finanziario che è oggi gestire una società di calcio), inevitabilmente il prossimo proprietario NON sarà fiorentino (probabilmente nemmeno toscano), non avrà mai tifato Fiorentina in vita sua, e forse sarà tanto se verrà un paio di volte l’anno a Firenze, piazzando un paio di manager di sua fiducia a gestire la squadra.
      O dimmi se non sarà così visto come sono gestite Inter, Milan, Bologna e Roma. che siamo forse diversi noi? siamo più ganzi degli altri agli occhi di un qualsiasi investitore cinese/americano/arabo/sarcazzo?
      le cose sono due: o le vostre rimostranze verso l’impurità di nascita dei Della Valle sono genuine, ed allora non esiste un motivo al mondo per cui non debba valere anche per il prossimo proprietario, e quindi saremo di nuovo punto e a capo con il bubare. Oppure sono solo una pietosa scusa per nascondere il vero motivo del vostro malumore: cacciare la grana.
      nel caso fosse la seconda due osservazioni: primo, sarebbe più onesto da parte vostra dire le cose come stanno, ovvero che non ve ne frega una mazza di chi sta a capo della Fiorentina, basta solo che spenda come un imbecille la maggior parte dei suoi soldi ben oltre il fatturato della società, e chissenefrega se si indebita, tanto i soldi non sono i vostri. secondo, mi spiace deludervi, ma se anche lo facesse, potrebbe durare al massimo un’annata, poi ci verrebbe bloccato il mercato (come successo al Barcellona eh, non è che non succede, anzi) e saremmo punto e a capo: dovremmo rientrare dei debiti nell’unico modo possibile, vendere giocatori perchè non è più possibile ripianare di tasca propria.
      quindi sì, si sa già più o meno come andrà a finire.
      L’unico modo di spezzare questo meccanismo è aumentare (di molto) il fatturato, ma visto che non venderemo mai tante magliette quanto il Real Madrid, che le nostre partite in giro per il mondo interessano come il due di picche con briscola a fiori e che la maggior parte dei nostri introiti arrivano dalle TV, se non cambiano radicalmente questi ultimi, rimarremmo più o meno sempre con l’attuale fatturato, che è circa una ottantina di mln di euro l’anno.
      mettiamo anche che arrivi un cinese che esporti il nostro marchio in cina, mettiamo che comincino a vendere maglie viola ufficiali (come TUTTI i tifosi viola di Firenze comprano, vero?), quanto si potrà aumentare il fatturato? 5 mln? 10 mln?
      quanta differenza farebbero quei soldi? il cartellino di un discreto giocatore? e lo stipendio? glielo paghi tu?
      lo stipendio da 3 mln di euro netti (6 lordi) di UN (uno solo) buon giocatore che ne costa 20/30 da dove lo tiri fuori?
      ci sarebbe lo stadio di proprietà, come fanno TUTTE le società moderne in tutto il mondo.
      ah già lo stadio… quella bieca operazione di speculazione edilizia e immobiliare messa in piedi da quei farabutti dei Della Valle per fare soldi alle spalle della città. sì proprio quello.
      immagino che il prossimo proprietario vorrà cacciare dai 100 ai 200 mln di tasca propria a fondo perduto per regalare alla città uno stadio nuovo. perchè noi siamo Firenze, città d’arte, il rinascimento, i medici, bla bla bla. dove poi non si sa, fra piste aeroportuali da spostare, aree dismesse da comprare dai legittimi proprietari, varianti di piano regolatore, attività commerciali importanti da traslocare, iter burocratici da completare…
      però intanto mandiamo via i Della Valle, che mi starebbe anche bene, in fin dei conti l’hanno anche scritto in un comunicato di loro pugno. ma senza lo straccio di una prospettiva che sia una, tanto per provare l’effetto che fa.
      ah bè, applausi.
      sipario.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Valdemaro - 3 anni fa

        Te a scuola eri il classico tipo che al tema di italiano ti serviva 3 fogli a protocollo immagino.
        Quindi secondo il tuo ragionamento godiamoci l’eutanasia dellavalliana felici e contenti! E anche quando questo ci porterà alla serie B godiamocela fino in fondo! D’altronde prima dei Della Valle il calcio a Firenze non è mai esistito. Evviva Diego!!!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Roberto Messora - 3 anni fa

          Con 3 fogli protocollo ci facevo mezzo tema al massimo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Vennihì - 3 anni fa

        E anche questo post è da standing ovation!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. frigo - 3 anni fa

        Ot

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. frigo - 3 anni fa

        Ottima analisi, i DV si stanno disimpegnando è vero, ma in giro, anzi in serie A, con il budget della F fiorentina che fanno le altre squadre? Torino, Sampdoria, compagnia bella non mi sembra che negli ultimi anni abbiano fatto meglio. Forse solo la Lazio, ma lì c’entra anche il palazzo. Ricordiamoci che ci sono anche i Pozzo, Zamparini, Preziosi. Pensate che Campedelli non abbia disponibilità? Eppure il Chievo arriva dietro di noi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      5. il nipote di viola - 3 anni fa

        gia` che c`eri potevi scrivere anche il decamerone!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberto Messora - 3 anni fa

    sperare?
    sperare cosa esattamente? perché il prossimo proprietario, viste le ormai rigide regole del FPF, il mediocre fatturato di una squadra come la Fiorentina, in una città che non arriva nemmeno a 500 mila abitanti, in una regione che tifa di tutto, ma molto poco la squadra del proprio capoluogo, con uno stadio vetusto e nessuna garanzia dall’amministrazione comunale di poterne costruire uno nuovo, non potrà fare niente altro che quello che già stanno facendo i Della Valle.
    ma davvero pensate che dato il contesto storico del calcio moderno, il prossimo o i prossimi proprietari possano fare qualcosa di diverso?
    che poi Pestuggia, nel momento in cui ammette che nel calcio moderno “L’era dei Presidenti ricchi scemi non esiste più e chi si avvicina al mondo del calcio vuole il ritorno che sia economico o di pubblicità alla propria persona”, secondo lei quale sarebbe la reazione del furbissimo popolo viola alla presenza di un nuovo proprietario che volesse il normale ritorno economico e di pubblicità? che non lo vede quali sono le accuse che i tifosi viola lanciano ai Della Valle? sono qui solo per farsi pubblicità, ci vogliono solo guadagnare, eccetera eccetera… perché dovrebbe essere diverso con il prossimo proprietario? magari un ricco americano in vena di diversificare visto che a casa sua le franchigie sportive sono contingentate fra la varie leghe professionistiche e non c’è spazio per tutti.
    oppure l’ormai tradizionale accusa al fatto che siano forestieri, marchigiani ciabattini. quali sarebbero gli epiteti rivolti ad un arabo? ad un americano? ad un mero rappresentante di un fondo di investimento?
    ma davvero pensate che il problema siano solo (e sottolineo solo) i Della Valle? io posso capire che vi stiano antipatici, mica possiamo farci piacere chiunque, ma sperare che se ne vadano e pensare allo stesso tempo che la nostra dimensione societaria cambierà radicalmente, me lo lasci dire, è un pia illusione.
    c’è in discussione in parlamento la nuova legge per il riassetto dei proventi delle tv per la serie A, ed è l’unica cosa a cui ci possiamo veramente attaccare per sperare che le cose cambino dal punto di vista della competitività rispetto alle solite note. ma il cambio di proprietà proprio no, al massimo potrebbe servire a levarci di torno un paio di personaggi dalla spiccata antipatia, ma non credo che ai tifosi della Fiorentina possa bastare: la soddisfazione durerebbe 5-6 mesi, poi si ritornerebbe con i piedi per terra e le cose non sarebbero cambiate.
    perché mi creda, la stragrande maggioranza dei tifosi non glielo confesserà mai, ma la cosiddetta passione, quella che dicono aver perso per colpa dei Della Valle, viene riacquistata solo con le vittorie, i grandi campioni e i soldi spesi. altro che Della Valle vattene. Perché come sono cambiati i proprietari, sono cambiati anche i tifosi, per cui ormai l’unica cosa che conta è vincere un trofeo, solo e soltanto perché non esiste più il nerbo di mettere al primo posto il senso di appartenenza a dei colori, ad una comunità, a determinati valori e tradizioni, indipendentemente dal risultato sul campo.
    quella passione, con l’addio dei Della Valle avrebbe un sussulto molto breve, ma poi dovrebbe nuovamente fare i conti con una società che ha delle capacità economiche limitate, e dei paletti molto rigidi dettati dalle regole UEFA. E da lì non se ne esce. con l’unico risultato che torneremmo a bubare, a parlare di stranieri venuti solo per i propri interessi, di passione che se ne va (ma quanto è volubile l’animo del tifoso viola…)
    quindi esattamente, che cosa dovremmo sperare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tagliagobbi - 3 anni fa

      Bravissimo. Ottimo commento che sottoscrivo al 100%.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Il Drisa - 3 anni fa

      Roberto sottoscrivo ogni parola. Se tutti la pensassero come te le cose qui a Firenze andrebbero molto meglio. Complimenti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. bernard - 3 anni fa

      COMPLIMENTI!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. IguanaFlorence - 3 anni fa

      Ineccepibile! Prendete la mail di questo signor Messora, contattatelo e usatelo come opinionista per il sito e le trasmissioni sulla fiorentina!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. bitterbirds - 3 anni fa

      non c’è niente da sperare, dovete solo continuare a dormire, sognare e non pensare alle cose che conterebbero sul serio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. VOGLIAMO TUTUNCI - 3 anni fa

      Hai ragione Roberto ma non vedi che siccome i click latitano si fanno sempre più articoli sui Della Valle che assicurano la “presenza” sul sito?
      Pestuggia è una continua contraddizione su quello che scrive è alla ricerca di qualcosa che nemmeno lui sa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Vennihì - 3 anni fa

      Sei un mito, un M-I-T-O! Analisi perfetta. Ti propongo al posto dei vari Bucchioni, Pietro Vuturo, Viola nel cuore, Rialti, Ferrara, ecc.
      Grande!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. filippo999 - 3 anni fa

      sperare di trovare qualcuno che abbia voglia di fare calcio , che abbia
      delle idee….non è così difficile da capire…chiunque abbia entusiasmo anche
      con pochi soldi sarebbe meglio dei DV attuali…dal mio punto di visto è a dir
      poco lapalissiano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ghibellino viola - 3 anni fa

    Ma per una volta fai i nomi Saverio!!!!!!!!! Chi è interessato alla Fiorentina?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 3 anni fa

      Se lo sapessi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TriozziViola - 3 anni fa

      Posso dirti io chi non è interessato alla Fiorentina. I signori di cui parla Saverio in questo articolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy