Il peso dei riscatti si fa sentire: in estate Corvino dovrà sborsare oltre 30 milioni!

Il peso dei riscatti si fa sentire: in estate Corvino dovrà sborsare oltre 30 milioni!

Pezzella, Sportiello, Lo Faso: ecco quanto potrebbe uscire dalle casse del club a giugno, quando tra obblighi e diritti di riscatto avrà inizio ufficialmente la prima fase del mercato viola

di Redazione VN

È risaputo: quella del prestito con diritto di riscatto è una formula comoda. Il dg Pantaleo Corvino se ne è servito in ben più di un’occasione sia nell’estate del ritorno alla Fiorentina sia in quella appena passata, sia soprattutto nell’inverno dello scorso anno. Un anno, un anno e mezzo massimo per valutare, poi pagherò. Con questo meccanismo ha portato a Firenze nomi rivelatisi discutibili (Sanchez, Olivera e Cristoforo, tutti sul piede di partenza a poco più di un anno dal loro arrivo), ma è anche riuscito ad evitare che intuizioni mancate (Salcedo, Tello) si tramutassero in investimenti sbagliati.

E se il recente passato è poco incoraggiante il presente consente sicuramente un po’ di ottimismo in più. Oggi i nomi dei giocatori in prestito con diritto di riscatto sono quelli di Sportiello, Lo Faso e Pezzella. Ma è un prestito, anche se un po’ diverso, anche quello di Laurini e Saponara: per loro sono previsti due obblighi di riscatto con l’Empoli per una cifra complessiva che si assesta attorno ai dieci milioni di euro. Nel nostro caso in fondo il succo della questione è lo stesso: prima o poi anche i loro cartellini dovranno essere pagati. Così come quello di Biraghi, il cui riscatto nel caso (a questo punto inevitabile) in cui la Fiorentina dovesse salvarsi diventerebbe obbligatorio e comporterebbe un esborso di due milioni.

La situazione legata ai tre giocatori legati al diritto di riscatto oggi è molto chiara: per Sportiello e Pezzella sono già stati previsti i rispettivi assegni per giugno (lo ha fatto capire Corvino), mentre su Lo Faso aleggiano ancora molti punti interrogativi. Il ragazzo ha avuto poco spazio sino ad ora, e non è affatto scontato che al termine della stagione la Fiorentina decida di versare al Palermo i 2,7 milioni necessari all’acquisizione del suo cartellino. Considerando l’esborso potenziale la cifra di cui si parla è pari a 30,2 milioni di euro, frutto della somma tra gli 11,5 degli obblighi di Saponara, Laurini e Biraghi e i 18,7 degli eventuali riscatti di Sportiello, Pezzella e Lo Faso. Liquidi che uscirebbero dalle casse del club in un colpo solo all’apertura della sessione estiva. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna di Stadio sarebbe proprio l’incombere di questa cifra la ragione per la quale Corvino sta portando avanti un mercato invernale di fatto senza budget.

32 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. jordan - 3 anni fa

    I 9 milioni di Saponara li farei pagare a Corvino, e avendo Dragowsky non è affatto indispensabile riscattare Sportiello (o si riscatta e si vende la Napoli a di più che lo vuole) ed ecco che ho già dimezzato le cifre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bitterbirds - 3 anni fa

    ma è terribile, così fate venire l’itterizia ai rintronati che, a put**na il mercato di gennaio, speravano in quello di giugno. birbanti, abbiate rispetto per chi soffre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. kk53 - 3 anni fa

    Io capisco che l’articolo è incentrato sui riscatti ed il loro complessivo cos
    to,ma visto che per Bernardeschi ma sopratutto Kalinic era previsto l’ultima
    trance a Giugno,basterebbe fare solo una piccola operazione matematica,ma è evidente che fà più notizia scrivere che bisogna tirar fuori 30 Ml, non è un obbligo,basta non riscattarli e si risparmiano anche quelli,tanto per fare il
    paio con quelli che non verrano spesi a Gennaio,…..questa è vera coerenza
    imprenditoriale!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Freddy - 3 anni fa

    Signor. Torricini almeno che lei non voglia fare il bravo giornalista del regime Della Valliano dovrebbe anche ricordare che a giugno arriverà la seconda di tre rate di Bernardeschi, poi credo che anche Vecino e Kalinic o almeno uno dei due non sia stato tutto pagato.
    Ma d’altraparte questo sito credo sia della Gazzetta dello Sport che fà parte del gruppo R.C.S. del quale i fratellini sono azionisti.
    Meglio essere inesatti che innervosire i padroni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Torricini - 3 anni fa

      Bernardeschi e Vecino sono partiti a titolo definitivo, quindi con l’argomento di cui tratta l’articolo (ossia cifre legate a diritti ed obblighi di riscatto) c’entrano ben poco. Su Kalinic (e Tomovic) ha ragione, quindi preciso: a giugno arriverà sicuramente la prima delle due rate per il primo dal Milan, mentre se il Chievo vorrà riscattare il secondo entreranno circa due milioni e mezzo, per un totale di circa 12,5 milioni.

      Kalinic e Tomovic non sono menzionati perché l’articolo nasce per focalizzarsi su un tema, ossia quello del denaro in uscita in un ambito preciso. Poi è evidente che se tracciassimo un bilancio generale delle ultime sessioni di mercato il segno sarebbe sicuramente positivo, ma ripeto: non era e non è questo l’argomento per cui è stato pensato l’articolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. vecchio briga - 3 anni fa

    ..anche questo mercato gli acquisti si fanno il prossimo…provo tenerezza per chi continua a non capire..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Però te cerca anche di capire che si può tifare chi scende in campo con la maglia viola, indipendentemente dagli acquisti della società.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchio briga - 3 anni fa

        Infatti chi lo nega, massimo sostegno a Pioli e alla squadra! Forza Violaaa!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Leonardo da Vinci - 3 anni fa

    Sembra un sito di fantacalcio e invece dovrebbe essere un ritrovo di tifosi viola. Appassiona molto di più sapere quanto si spende o non si spende piuttosto che fare valutazioni tecniche sulla squadra. Comunque secondo alcuni “professionisti” che imperversano quotidianamente con i loro commenti dovremmo essere retrocessi da diversi anni e invece siamo sempre qui a lottare per un posto in Europa. Pensavo che amare la Fiorentina volesse dire un’altra cosa, ma evidentemente mi sbagliavo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Leonardo sei un Genio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ghibellino viola - 3 anni fa

    Se dovranno sborsare sborseranno. Mica è un problema mio. Io faccio il tifoso e tifo viola. E basta con questi soldi!!!!!!!!!! Qui sembra che solo i soldi facciano le buone squadre. Lasciamoli lavorare e giudichiamo alla fine. Ps. Ricordo che ad agosto tanti critici prevedevano la retrocessione certa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Up The Violets - 3 anni fa

    +++++++ INCREDIBBBILE!!1!!!1!!!1 +++++++

    Allora fino al 2019 bisogna fare a miccino! Anzi, perché non fino al 2020!!! I soldi avanzati dall’eccellente mercato di questa estate vanno tutti al #compartoaziendale, immagino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marco Chianti - 3 anni fa

    Ma i soldi che erano avanzati dal mercato estivo? Dov’è finito il”tesoretto”?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Ma quando mai c’è stato un tesoretto? Hai mai sentito corvino o Freitas parlare di tesoretto? Puoi mettere un link per favore che non me lo ricordo? Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Vo'InDroneVaiDaFra' - 3 anni fa

    I soldi di Kaliniccio non contano????????????????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Torricini - 3 anni fa

      La prima delle due rate di Kalinic arriverà a giugno, e si aggirerà attorno ai dieci milioni. Da aggiungervi potrebbero essere, nel caso in cui il Chievo decidesse di riscattarlo, i due milioni e mezzo di Tomovic, per un totale di circa 12,5.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Il Drisa - 3 anni fa

    Il mercato di gennaio è pericoloso: il rischio bidone è dietro l’angolo. Meglio essere cauti: se arriva l’affare bene, altrimenti ciccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Chianti - 3 anni fa

      Per indebolirsi invece siamo sempre a tempo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Infatti io sono della teoria, a gennaio non farei niente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. vecchio briga - 3 anni fa

      Ti sfugge un particolare. Gli acquisti non saranno fatti neanche in estate senza altre cessioni. Cessioni che saranno fatte tardi così poi ti diranno che non c’era il tempo. Stessa storia da anni ormai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. folder - 3 anni fa

    Lo Faso cosa si tiene a fa? Mister Scarsone preferisce un bel 40enne di provata esperienza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. rudy - 3 anni fa

    L’obbligo di riscatto di Saponara siete certi non sia vincolato ad un predefinito nr. minimo di presenze ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Torricini - 3 anni fa

      Ciao Rodolfo, sì, ne siamo certi. Saponara dovrà essere obbligatoriamente riscattato a giugno per gli 8 milioni pattuiti lo scorso gennaio con l’Empoli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. vecchio briga - 3 anni fa

      Rudy fattene una ragione, non è colpa dei giornalisti. Sveglia ciccio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. gcarlo74 - 3 anni fa

    Articolo un pò così!!!! In realtà deve incassare più di 30 dalle quote di Bernardeschi, Vecino e Kalinic, che coprirebbero ampiamente quella cifra! Come al solito articolino per creare malumore e confusione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hatuey - 3 anni fa

      Se non sbaglio addirittura devono arrivare dei soldi (pochi) anche dal Chievo per Tomovic…
      Articolo veramente scarso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone Torricini - 3 anni fa

      Ciao Giancarlo, Bernardeschi e Vecino sono partiti a titolo definitivo quindi con l’argomento dell’articolo (ossia le cifre legate a diritti ed obblighi di riscatto) c’entrano ben poco. Giusta invece la tua osservazione su Kalinic, quindi preciso: la prima delle due rate arriverà a giugno, potenzialmente sommata ai 2,5 milioni che il Chievo dovrebbe versare alla Fiorentina per il riscatto di Tomovic, per un totale massimo di circa 12,5 milioni. Ma ripeto: l’articolo nasce per analizzare la situazione di diritti ed obblighi di riscatto, e non per parlare di modalità di pagamento di giocatori già di proprietà di altri club.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. vecchio briga - 3 anni fa

      Mi fate ridere. Fate le pulci agli articoli, ma i fatti non li guardate mai. Fenomeni da baraccone, ma lo vedete chi compra la Fiorentina oppure no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. filippo999 - 3 anni fa

    i motivi per non investire si trovano sempre….ma l’estate scorsa si parlava
    in modo diverso….i 35 mln messi da parte potevano rivelarsi utili nella sessione
    di gennaio , così si lesse in alcuni articoli ….adesso , si ricambiano le carte
    in tavola , non si considerano , tra le altre cose , gli incassi delle cessioni
    degli anni precedenti ( eh già , il ” pagherò ” non lo facciamo mica solo noi )….
    ma tant’è…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Filippo dici bene… si lesse in alcuni articoli. Peccato che mai la società lo abbia detto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Il Viola di Gallipoli - 3 anni fa

    Bhe, ci sono ancora soldi in cassa e devono anche arrivare le rate di Bernardeschi e Kalinic.

    La copertura ci sarà sicuramente, ma è altrettanto vero che si starà strettini e che non si potrà fare granchè se si opererà in regime di autofinanziamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Purtroppo è così. Siamo in attesa di uno che compri la fiorentina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy