Fiorentina, “affari in vista” col Toro: da Izzo a Saponara, passando per Cutrone

Tante le operazioni imbastite nei discorsi fra Fiorentina e Torino, staremo a vedere se e quali andranno in porto

di Redazione VN
“Affari in vista” tra Torino e Fiorentina. Lo scrive Tuttosport raccontando della serie di discorsi  imbastiti tra le due società. Si parte da Armando Izzo, ideale per una difesa a tre che Giampaolo vuole accantonare. A quel punto il difensore napoletano tornerà ad essere un esubero. La Fiorentina si è rifatta sotto con una certa insistenza, dopo averlo già cercato viola nel mercato estivo. Prandelli – secondo il giornale torinese – fa della retroguardia a tre il punto di partenza della squadra e Nikola Milenkovic, ha tantissime richieste. E Izzo è stato identificato come il sostituto naturale che piace tantissimo all’ex ct. Le ultime prestazioni di Izzo hanno risvegliato l’interesse dell’Inter.

Izzo

Contropartite sulla trequarti

Il Toro ha bisogno come il pane di un regista e un trequartista. E i viola hanno due esuberi nel ruolo dietro alle punte. Vagnati deve scegliere tra Riccardo Saponara, chiesto in prestito dal Parma, e Valentin Eysseric. L’ex Empoli è chiuso a Firenze ed è un elemento che si sposerebbe alla perfezione negli schemi di Giampaolo: un trequartista naturale. L’ultima parola spetta al tecnico granata che lo ha avuto sia e Empoli sia con la Sampdoria. Il francese è descritto invece come “dotato di una buona tecnica individuale, con grande grinta e forza caratteriale”. Unito al pochissimo spazio in viola che genera qualche perplessità. Da Firenze fanno sapere che anche Cutrone è sul mercato. Il Torino cerca una spalla per Belotti, alle prese con i punti interrogativi Zaza Bonazzoli. Tutti nomi buttati sul tavolo della trattativa. 
Cutrone
GERMOGLI PH:
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio.viola - 3 settimane fa

    Sostituire Milenkovic con Izzo sarebbe roba davvero dura da digerire… Ma anche questa volta non si tratta di niente di reale, come dimostra l’affermazione che Prandelli “fa della difesa a tre il punto di partenza della squadra”… Non è così. E l’ha detto a più riprese che preferisce la difesa a 4, sottolineando anche che non capisce perchè in nazionale i suoi giocatori siano disponibili a giocare a 4 mentre a Firenze preferiscano giocare a 3. Ha anche aggiunto che per il momento manterrà la difesa a tre fino a quando la squadra non ritroverà serenità ma che appena possibile riproverà a difendere a 4.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy