Spadafora: “Ok a 1000 spettatori all’aperto”. Si parte da Roma, ma per gli stadi…

L’annuncio del Ministro dello Sport. Si comincerà dalle semifinali degli Internazionali di tennis a Roma. Un altro mattone verso la ripartenza

di Redazione VN
Vincenzo Spadafora

“Finalmente già a partire dalle semifinali e dalle finali degli Internazionali di tennis potranno assistere mille spettatori a tutte le competizioni sportive che si terranno all’aperto e che rispetteranno scrupolosamente le regole previste in merito al distanziamento, mascherine e prenotazione dei posti a sedere”. Lo ha annunciato il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

STADI – Naturalmente l’annuncio della nuova norma ha immediatamente rilanciato la questione della parziale riapertura degli stadi. In attesa di un’ufficializzazione della decisione, l’interpretazione comune è che la svolta possa essere applicabile anche agli impianti che ospitano il calcio, finora condannati alle porte chiuse. Su questo però c’è prudenza anche perché alcune società vorrebbero sfruttare l’opportunità, altre sono scettiche perché i mille spettatori sarebbero lontani dall’assicurare la sostenibilità dell’impresa (come dimostra la decisione della Premier League). La scelta però potrebbe essere anche lasciata alle singole società. Sono in corso delle valutazioni da parte della Lega. In ogni caso, sotto il profilo simbolico la parzialissima riapertura potrebbe mettere un altro mattone nell’edificio della ripartenza. Niente da fare, invece, almeno per il momento, sulla questione della riduzione dei tamponi proposta dalla Federcalcio. Per ora il Comitato tecnico-scientifico non ha ancora affrontato la questione e lo farà probabilmente soltanto la prossima settimana. (Gazzetta.it)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paolo - 1 mese fa

    Discorso alquanto nebuloso e confuso quello del ministro dello sport Spadafora (io non ho ben capito dove lui voglia andare a parare).

    Però ho quasi l’impressione che a lui non solo non gliene importi niente del calcio, ma che addirittura si diverta a boicottare lo sport più seguito e praticato al mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy