Pres. Ordine Ingegneri Fi: “Demolizione Franchi? Non ne parliamo nemmeno, messa in sicurezza possibile”

Il presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze sulla demolizione del Franchi

di Redazione VN

“Demolizioni del Franchi (INVOCATA DA COMMISSO)? Non scherziamo, non starei nemmeno a parlarne. La messa in sicurezza e l’adeguamento sismico sono assolutamente possibili. Ma per lo stadio credo sia necessario altro, un progetto complessivo sulla viabilità e la garanzia di poterlo raggiungere in maniera adeguata e sicura”, così Giancarlo Fianchisti, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze, è intervenuto questa mattina a Lady Radio sulla questione stadio commentando le parole del presidente della Fiorentina Rocco Commisso. “Sono necessari posti auto, tramvia, soluzioni sulla viabilità e anche un parcheggio interrato se ci sono le condizioni giuste. L’importante è fare un progetto integrato: è inutile fare uno stadio bellissimo, quando fuori è un disastro”. Lo stadio a Campi, “presenta di certo molti meno vincoli rispetto a Campo di Marte, ma non sta a noi entrare in queste scelte”.

E TU DA CHE PARTE STAI, CAMPI BISENZIO O NUOVO FRANCHI? VOTA IL SONDAGGIO

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kammellaijo - 1 mese fa

    Ve lo ricordate il personaggio “Ingegner Cane” di Fabio De Luigi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. simuan - 1 mese fa

    …ingegnere ma i quattrini per tenerlo in piedi da qui’ all’eternita’ li tira fuori lei??…o il suo prestigiosissimo ordine???…cosi’, giusto per capire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BlandoTifoso - 1 mese fa

    Ma con questa difesa ad oltranza del franchi che non è il pantheon o il colosseo.. si rendono conto che se commisso si coccia e lo fa a campi, avranno uno stadio che perde i pezzi e che non servirà più a nessuno? e che il comune dovrà mantenere per nulla! Ma sono convinti di questo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pirro - 1 mese fa

    Facci una premessa, la follia tutta italiana è stata in primis classificare come Patrimonio artistico una struttura di cemento armato che non ha neanche 90 anni di vita.
    Detto questo, personaggi come Fianchisti e gli amici della sovraintendenza andranno intervistati nuovamente quando il Franchi sarà diventato il nuovo Flaminio e ci sarà da chiedere se saranno soddisfatti di aver creato una zona di degrado in mezzo a Firenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy