Pjaca e la dura legge del calcio: tempo scaduto, le gerarchie in attacco cambiano

Pjaca e la dura legge del calcio: tempo scaduto, le gerarchie in attacco cambiano

Il croato, dopo la partita contro l’Empoli, è ufficialmente diventato la terza scelta in attacco alle spalle di Mirallas ed Eysseric

di Redazione VN

E alla fine, a forza di prestazioni ben al di sotto della decenza, Marko Pjaca finì in panchina. Scavalcato non solo da Mirallas, a tutti gli effetti nuovo titolare del tridente viola assieme a Chiesa e Simeone, ma anche dal tanto criticato Eysseric, ieri entrato proprio al posto del belga al 30° della ripresa. Era inevitabile. E giusto, vista la risposta del numero 11 viola, i cui meriti vanno al di là delle due reti decisive rifilate al Sassuolo e all’Empoli.

Non sarà il salvatore della patria, ma se davvero ciò che importa per il bene della Fiorentina è il qui e ora, è giusto dare spazio all’esperienza e la cattiveria agonistica di chi ha fame e voglia di dimostrare. Al di là del nome e della carta d’identità. Magari questo doppio sorpasso servirà anche a Pjaca, anche se dopo metà campionato sono pochi i margini per la rimonta nelle gerarchie dell’attacco della Fiorentina. E INTANTO CORVINO SI PREPARA AL MERCATO DI GENNAIO…

Violanews consiglia

Così Pioli ha cambiato la Fiorentina. L’analisi grafica

Lo scottante errore di Simeone e quell’unico modo per far pace con Firenze

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antani - 1 anno fa

    Non gli può che far bene allo stesso Pjaca che re vuole giocare deve girare fuori una reazione. Il suo problema infondo è psicologico credo anche per colpa del suo infortunio grave da cui ci vuole a riprendersi a seconda di come lo digerisce il carattere del ragazzo. Io spero per lui e anche per la Viola che riesca a tirare fuori il suo talento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il Viola di Gallipoli - 1 anno fa

    Pjaca, fino ad ora, è stato un freno per tutta la squadra.

    Nel cercare di rilanciarlo, siam finiti col giocare costantemente con un uomo in meno ogni volta che era in campo.

    Diamo per persi i soldi spesi per il prestito e puntiamo su gente che davvero si impegna e da tutto in campo.

    Il “vecchietto” di Mirallas non molla mai, è dinamico e si è dimostrato molto più affine al gioco che dovrebbe avere la squadra.

    Avevo paura del fatto che si diceva avesse un caratterino particolare, invece…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy