Milan, bilancio da rosso monstre: -195 milioni. Riesce a fare peggio solo la Roma

Lo sprofondo rosso del Milan arriva dopo pochi giorni da quello, addirittura peggiore, della Roma: -204 milioni di perdite nel bilancio del 30/06

di Redazione VN

Il c.d.a. del Milan ha approvato il progetto di bilancio che sarà sottoposto all’assemblea dei soci del 28 ottobre con una perdita record che si aggira sui -195 milioni, con un sensibile peggioramento dei conti di un anno fa, quando il risultato netto dell’esercizio 2018-2019, il primo firmato dall’a.d. Ivan Gazidis, aveva visto un rosso di 155,9 milioni (contro i 135,6 dell’anno precedente), con quello consolidato che chiudeva a -146 (contro i -126). Lo sprofondo rosso del Milan arriva dopo pochi giorni da quello, addirittura peggiore, della Roma: -204 milioni di perdite nel bilancio del 30/06/2020, secondo nella storia del calcio italiano solo al -207 dell’Inter di Moratti nel 2006/2007.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. El Gringo - 2 settimane fa

    E il Fair play finanziario vale solo per la Fiorentina!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio50 - 2 settimane fa

    Il calcio vive in un mondo tutto suo, continuano con valanghe di debiti e nessuno li ferma. Buttano via soldi a come se fossero noccioline. Ma….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele C. - 2 settimane fa

    E si permettano anche di destabilizzare noi con i nostri Pezzella e Milenkovic e non pagarci quello che ci spetta per Rebic. Gli auguro il fallimento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele C. - 2 settimane fa

    E intanto comprano comprano comprano e i paletti non gli li mette nessuno. Mahhhh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eziogòl - 2 settimane fa

    tanto unni fanno un niente, fanno bene, ne farei anche di più, di debiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. giac - 2 settimane fa

    lo sai quanti paquetà devono vendere…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. federic_3552710 - 2 settimane fa

    In un mercato competitivo normale questa si definirebbe “Concorrenza sleale”! Il problema è che chi dovrebbe vigilare, la F.I.G.C., non vigila e chissà perché gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate toccano il Bar sotto casa ma non le squadre di calcio! Siamo al delirio, zero credibilità. SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Burlamacchi - 2 settimane fa

    La Roma secondo me poi non ha neanche sta grande squadra. Da zona europa, ma molto lontana da Juve e Inter.

    Ci si lamenta tanto, ma non mi pare che da altre parti abbiano delle gran belle gestioni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. muschio23 - 2 settimane fa

      Continuo a dire che la Roma con un Dzeko vecchio e svogliato perche si sentiva già gobbo e Zaniolo fuori per 3/4 della stagione è una concorrente molto abbordabile per noi, ma vengo puntualmente infamato dai disfattisti.
      Se poi avessimo preso regista+punta buona sicuramente gli saremmo arrivati davanti al 100%.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ForzaViolaSempre - 2 settimane fa

        obbiettivamente la nostra rosa è parecchio forte, il nostro centrocampo ce l’hanno in pochi, se Beppe la smette con il 3-5-2 e mette i giocatori nel proprio ruolo si arriva davanti alla roma di sicuro e ci si gioca con le altre, se fosse venuto un allenatore decente che si adatta ai giocatori e non esige che i giocatori si adattino a lui come fece Prandelli per esempio a quest’ora si aveva 9 punti. Perdere a milano come s’è perso giusto Iachini ci è riuscito vincere per 100 minuti e perdere al 102° è fantascienza, poi con la samp ha voluto snaturare Arambat e giocare alla meno….ma vai a cahare Beppe vai

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. sinistro viola - 2 settimane fa

    in italia il potere viene adulato soprattutto quando è prepotente, arrogante, arbitrario..manca assolutamente la cultura della concorrenza, competizione, equità..il calcio è lo specchio più evidente di questo servilismo..dalle società satellite che si accontentano delle briciole pur di restare in A per fare la bella statuina, alla classe arbitrale che partorisce regole uguali da applicare in modo diseguale, dalla governance che ripartisce i ricavi in base ai diritti quesiti e non punisce quando i bilanci sono in rosso, al mondo dei media che ama censire golia contro davide anche quando il gigante è “drogato” dal sistema..FVS

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. vecchio briga - 2 settimane fa

    Io a distanza di 20 anni quasi, ancora non ho digerito il fallimento. Mi da noia anche che non ci si chiami Ac Fiorentina ma Acf Fiorentina. E questi continuano senza che nessuno batta ciglio a fare quello che vogliono, comprano giocatori, accumulano debiti e via andare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. muschio23 - 2 settimane fa

      Mi avrebbe dato molta meno noia il nome ACF Fiorentina se insieme ci fossero state anche: al posto di AS Roma ASR Roma e al posto di SS Lazio SSL Lazio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. birne - 2 settimane fa

    Che schifo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Lallero - 2 settimane fa

    e quindi che si fa??? continuiamo a fargli fare mercato come se niente fosse?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Paolo - 2 settimane fa

    Il Milan, la Roma ed altre big del nostro calcio, chissà perché, vengono sempre tutelate e ben protette dal sistema calcio italiano, dai giornali (specie quelli sportivi) e dalle TV nazionali: loro possono sempre fare deficit paurosi senza che nessuno dica niente, comprando giocatori di prima fascia e lottando per lo scudetto, per posizioni di Champions League e nelle coppe europee in cui giocano al momento.

    La Fiorentina ed altre Società calcistiche, invece, basta che abbiano un deficit del momento anche molto inferiore ai loro, devono stare sempre attente a non indebitarsi più di tanto perché altrimenti, come minimo, vengono attaccate dai commentatori e dai media nazionali.

    Mi sa tanto che se al Milan, alla Roma e a qualcun’altra squadra viene concesso tutto questo e ad altre squadre (come la Fiorentina) no, allora qui c’è odore di truffa, perché queste big potranno sempre rinforzarsi e concorrere per obiettivi importanti, anche indebitandosi pesantemente, mentre le altre squadre vengono sempre sotto osservazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LupoAlberto - 2 settimane fa

      Giusto. Come dissi dopo la sentenza che ci privò dell’europa a favore del Milan, è come se a certe squadre fosse permesso giocare in 12, a volte 13 (considerato anche il favore degli arbitri).
      Difficile cambiare le cose..
      SFV

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy