Conte: “Var? Non capisco il metro di giudizio”. Sarri: “Chiamate dalla panchina? No…”

Conte: “Var? Non capisco il metro di giudizio”. Sarri: “Chiamate dalla panchina? No…”

Le parole di oggi in conferenza stampa dopo le ultime polemica e la proposta di Commisso

di Redazione VN

L’eco delle ultime polemiche su arbitri e Var si ripercuote anche sulle conferenze stampa di vigilia di oggi. Così Maurizio Sarri, prima di Torino-Juventus: “Dobbiamo adeguarci, anche nella vita di tutti i giorni ci sono regole per me assurde, ma non posso farmi arrestare. Il Var era nato per ovviare a errori macroscopici, ma se viene chiamato 3-4 volte a partita… La possibilità di introdurre un paio di chiamate dalla panchina? No, un paio non mi basterebbero, sarei a rischio espulsione continuo” ha detto a proposito della proposta caldeggiata anche da Commisso.

Queste le parole di Antonio Conte nella preview di Bologna-Inter: “Per le cose grosse è importante avere il Var. L’anno scorso ero più positivo, quest’anno non capisco il metro di giudizio con cui viene utilizzato e questo non è positivo. C’è precarietà e instabilità: non è facile fare l’arbitro, ma se lo fossi io mi metterei completamente nelle mani del Var, sapendo che c’è una struttura che può correggere i miei errori. Magari noi allenatori avessimo una tecnologia che corregge le nostre fesserie”.

 

Montella sempre sotto la lente d’ingradimento, ma lui è sereno e la società non l’ha mai messo in discussione

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy