Che fine ha fatto Montolivo? Scaricato dal Milan, ora lo cercano in Serie B

Che fine ha fatto Montolivo? Scaricato dal Milan, ora lo cercano in Serie B

Quattro squadre cadette vigili sull’ex centrocampista di Atalanta, Fiorentina e Milan (attualmente svincolato). Il sogno Champions con Nocerino è un lontano ricordo…

di Redazione VN

Al Milan per vincere, salvo poi portare a casa una sola Supercoppa Italiana ed essere scaricato a 34 anni. La parabola discendete di Riccardo Montolivo potrebbe potrebbe portarlo in Serie B. L’ex viola, infatti, è cercato in queste ore dal Benevento di mister Pippo Inzaghi, mentre alle spalle del club campano – secondo tuttomercatoweb – ci sarebbe il Chievo Verona. Più distanti Frosinone e Livorno, anche loro sulle tracce di uno degli svincolati di lusso del calcio italiano. VENERATO RIVELA: “ECCO PERCHE’ E’ SALTATO POLITANO ALLA FIORENTINA”

Chiesa, che succede? E le parole di Mancini fanno riflettere

Stasera il Perugia, spazio a Boateng e Ribery: la probabile formazione

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Freddy - 1 settimana fa

    Ha già guadagnato abbastanza può pure permettersi di smettere.
    È andato in uno dei club più titolati al mondo ed è riuscito a vincere quasi niente.
    Complimenti per la bella carriera ha! Ah!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dallapadella - 1 settimana fa

    Ma accetterà di scendere nella serie cadetta, con uno stipendio da fame e rischio di sporcarsi la chioma, o cercherà di riciclarsi come commentatore televisivo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ottone - 2 settimane fa

    Quando giocava con noi sono stato sempre assai critico con lui, nel senso che per me l’abbiamo tenuto una vita come il futuro Antognoni senza che il giocatore mai decollasse da un rendimento tutto sommato mediocre. E poi si è visto cosa ha combinato al Milan … Però per tutti i bidoni che ho visto calcare la scena dopo di lui mi viene paradossalmente qualche rimpianto …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy