Bocci: “La Fiorentina è mancata nei leader, Ribery e Callejon devono dare di più”

Il parere del noto giornalista, a pochi giorni dallo scontro salvezza contro il Genoa

di Redazione VN

Alessandro Bocci, firma del Corriere della Sera, ha parlato ai microfoni del Pentasport di Radio Bruno Toscana. Queste le sue dichiarazioni:

Momento davvero complicato per la Fiorentina. I risultati latitano, giocare domenica senza una guida tecnica non è semplice. La squadra ne ha assolutamente bisogno. C’è una crisi psicologica prima che tecnica. A Milano per mezz’ora ho visto una buona Fiorentina, dal gol di Romagnoli in poi si è spenta. Fa specie constatare un’assoluta mancanza dei leader, ovvero quelli che devono fare la differenza. Callejon e Ribery su tutti, il francese è in grande difficoltà. Anche Castrovilli e Pezzella, in difesa e centrocampo, stanno faticando per motivi diversi. Ultimamente i calciatori sulla carta migliori della Fiorentina sono sempre tra i peggiori. L’anno scorso questa squadra aveva in più Chiesa nel motore, quando la partita era chiusa i suoi strappi creavano occasioni dal nulla. Adesso la Fiorentina è sterile, non crea mai niente. Non pensate che sia facile per le punte gestire uno o due palloni a partita. La Fiorentina in questi ultimi due anni ha sbagliato gli allenatori, se tutti danno meno sistematicamente il problema è anche nella guida. La conferma di Iachini è l’unica critica che muovo a Commisso, il non aver preso Juric resta un errore.

 

Fiorentina, allenamento in mattinata. Un dubbio a centrocampo per Prandelli

GERMOGLI PH: 22 NOVEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS BENEVENTO NELLA FOTO MISTER CESARE PRANDELLI
2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Etrusco - 1 mese fa

    Non esistono leader negli spogliatoi: il francese vuole andarsene, il capitano sembra l’ombra di se stesso in campo, lo spagnolo rammentato da Bocci è arrivato mezzo infortunato non ha il benché minimo interesse a fare il leader ne mai lo ha fatto a Napoli. Possiamo sperare solo nei 2 portieri e poco altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 1 mese fa

    Ha ragione, ma ha ancora più ragione Prandelli quando dice che non si può caricare il peso dell’attacco su un ragazzo di 20 anni. È un grave errore la mancanza di un bomber che ci portiamo dietro da anni, ma che la nuova società avrebbe dovuto rimediare. Vlahovic per me è forte, ma andrebbe mandato in serie B a maturare. Un centravanti, a meno che non sia Ronaldo (quello vero), si forma sempre dai 24-25 anni in su. Lo stesso Batistuta i primi 2 anni non stoppava neanche la palla e chi ha memoria ricorderà che la sua vera esplosione è avvenuta dopo la serie b, se non sbaglio a 25 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy