Bertuzzi: “Con Ribery il castello è crollato. No a Pulgar e Badelj insieme”. E su Pedro…

Bertuzzi: “Con Ribery il castello è crollato. No a Pulgar e Badelj insieme”. E su Pedro…

L’ex collaboratore di Corvino parla anche di mercato: “Grande colpo? Secondo me le opportunità ci sarebbero anche a gennaio, fare peggio di così è difficile”

di Redazione VN

Fabrizio Bertuzzi, ex collaboratore di Pantaleo Corvino sia a Bologna che a Firenze, è intervenuto a Radio Bruno:

La Fiorentina paga una successione di eventi negativi, a partire da un assetto tattico ideale ancora non trovato. Con Ribery è caduto un castello che era molto fragile. Uno degli errori è stato ostinarsi a far giocare insieme due giocatori simili come Pulgar e Badelj adattando il cileno ad un ruolo non suo. Lirola è la controfigura dell’esterno visto a Sassuolo, mentre in attacco si è puntato tutto su un giovane come Vlahovic. Mi auguro che a gennaio non si sottovaluti la situazione perché non so se tutte le colpe erano di Montella. Non mi convince Chiesa sacrificato come seconda punta. Io acquisterei un attacca centrale e un altro esterno speculare al talento viola.

La Fiorentina deve costruire il suo futuro su Caceres, Milenkovic, Pezzella, Castrovilli e Chiesa. Forse anche Pulgar. Cutrone? Due-tre anni fa mi fece una grande impressione, come ai primi tempi nel Milan. Non sarebbe un cattivo acquisto, anche se io punterei su un giocatore strutturato a livello caratteriale. Grande colpo? Secondo me le opportunità ci sarebbero anche a gennaio, fare peggio di così è difficile. Con l’infortunio di Ribery la Fiorentina non ha perso solo sul lato tecnico ma anche caratteriale. Pedro? Al ginocchio si era fatto molto male, per un centravanti che abbina tecnica e dinamismo è stato un problema. E’ rimasto fermo per tanto tempo.

Zurkowski, finalmente si cambia registro: a Iachini piace. E dalla Spal in poi…

Il primo passo di Chiesa e l’inizio di una nuova fase: il muro dell’incomprensione è abbattuto

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianni - 5 mesi fa

    È vero che fare peggio di come ha fatto Prade’è molto difficile. Anche loro però hanno fatto errori, però bisogna anche capire che indirizzi gli davano i della valle. Se Prade’ sbaglia anche questa sessione di mercato, allora via a giugno sperando di non ripartire dalla B .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Violentina - 5 mesi fa

    fortuna te ne sei andato via col tuo ‘capo’ a fare l’olio va.. le priorità sono tutte fuorché un altro esterno di attacco. anzi, se ne volete qualcuno per la campagna non hai che da chiedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy