Baiano: “Altro che tecnico, se la Fiorentina non interviene sul mercato non ne esce”

Baiano: “Altro che tecnico, se la Fiorentina non interviene sul mercato non ne esce”

L’ex viola avverte: “Quando entri nel vortice diventa difficile venirne fuori se non hai giocatori di personalità in organico, abituati a vivere questi momenti”

di Redazione VN

Beppe Iachini sta per diventare il nuovo allenatore della Fiorentina: a Radio Sportiva ne ha parlato con l’ex attaccante viola Ciccio Baiano.

“Iachini è un allenatore che ha dimostrato tutto il suo valore negli anni, porta grande entusiasmo e grande agonismo e forse alla Fiorentina manca questo, anche se tutte le colpe non sono di Montella. Quando c’è un esonero dispiace, viene sollevato un allenatore ma bisogna fare una riflessione sui motivi: Vincenzo ha fatto il massimo ma quando non ci sono i risultati purtroppo paga il tecnico. Vlahovic ha delle doti importanti ma è un classe 2000 ed è il primo campionato in cui è fisso in prima squadra: fare affidamento su un 2000 è difficile.

Il vero Chiesa non si è quasi mai visto, Ribery è stato quasi sempre infortunato, così come Pezzella: se togliamo questi tre giocatori diventa tutto più complicato per l’allenatore. Quando entri nel vortice diventa difficile venirne fuori se non hai giocatori di personalità in organico, che hanno già vissuto quei momenti: nella rosa della Fiorentina invece non ci sono giocatori abituati a lottare per non retrocedere. Iachini è stato chiamato spesso per risollevare le sorti delle squadre in cui è andato e spesso ci è riuscito, ma diamo troppa importanza agli allenatori: alla fine sono i giocatori che vanno in campo e fanno diventare grandi gli allenatori. La fortuna per la Fiorentina è che adesso apre il mercato e bisogna intervenire pesantemente altrimenti non se ne viene fuori”.

Cecchi: “Fiorentina malata, Iachini l’antibiotico. Ecco perché Spalletti ha detto no”

Orrico: “Montella usato come parafulmine, esonero ingiusto. Troppo facile così…”

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bati - 5 mesi fa

    Infatti, si torna ai discorsi fatti oggi. Non ce la fece uno come Agroppi a spronare giocatori del calibro di Baiano stesso, Batistuta, Effenberg,Di Mauro, Laudrup,Pioli,Orlando, Carobbi che retrocessero in B. Questo che mi precede da la colpa a Montella che non è capace di spronare questa massa di bambini semisconosciuti.E allora…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tato - 5 mesi fa

    Un allenatore deve avere anche capacità di spronare i giocatori. Non si può vedere una squadra che perde a Cagliari, con Verona, Lecce, Torino etc, giocando solo una manciata di minuti in 4 partite e facendo 2 tiri in porta. Qualcuno dei nostri sarà scarso, ma in 3 delle compagini citate, vedete i nuovi Iniesta, Ronaldo, Rui Costa, Batistuta o Maldini?.Puoi perdere con tutti, ma tra perdere impegnandosi e perdere con l’atteggiamento da gita fuori porta, ce ne corre. Sbaglierò, ma il sospetto che Montella volessero fao fuori, c’è. Guardate il Milan. Con Giampaolo, perse con noi, sembrava una squadra di amatori, non tirò mai in porta. Arrivato Pioli, non ha fatto miracoli, però ha 4 punti più di noi. A Bologna vinsero. Non saranno certo fenomeni, ma da quel che vidi della, partita, almeno correvano. Poi con le 3 /4 di testa puoi perdere, ma farlo in mido vergognoso, come successo a noi con le squadre da parte bassa…. Gol subiti da Di Carmine e La Mantia, non Messi o Sterling

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. batigol222 - 5 mesi fa

    Gli allenatori non fanno grande la squadra, sono i giocatori che scendono in campo e fanno grandi i giocatori.
    Certo è vero, ma è vero anche che a seconda di come li fai scendere in campo, soprattutto sul lato mentale e di convinzione, i risultati cambiano drasticamente. Se ci vado io otterrei gli stessi risultati di montella o peggiori? Penso proprio peggiori dato che non ho mai allenato in vita mia. Con le dovute scalature, un altro tecnico può fare meglio di montella con gli stessi calciatori, se è migliore di montella dove lui è deficitario. Ed è sicuramente deficitario su qualcosa, perchè dove è andato ha fatto male eccezion fatta per il primo ciclo alla fiorentina. In cui aveva dei grandi calciatori, uno dei centrocampi più forti di sempre, ma di nuovo siamo sicuri che un altro tecnico non avrebbe fatto uguale o meglio con quei calciatori lì (un certo pizarro che aveva eguali solo in pirlo)?

    La verità non è assoluta, ci sono tanti pezzettini che devono combaciare per fare una grande squadra, non è solo il valore dei calciatori che conta. Sennò l’inter non avrebbe speso un sacco di soldi per conte, e proprio per conte, un vincente, uno con una grinta che fa paura. Non è uno come tutti quegli altri, sai quanti montella ci vogliono per fare un conte. Al contempo non puoi nemmeno pensare di vincere solo perchè prendi conte o spalletti, non sono dei maghi.
    Il valore della rosa conta ma non è l’unica cosa che conta (a meno che non si parli di giocatori come batistuta…)

    PS. Questo non significa che Iachini farà sicuramente meglio di montella, per saperlo ci vuole la sfera magica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. batigol222 - 5 mesi fa

    Gli allenatori non fanno grande la squadra, sono i giocatori che scendono in campo e fanno grandi i giocatori.
    Certo è vero, ma è vero anche che a seconda di come li fai scendere in campo, soprattutto sul lato mentale e di convinzione, i risultati cambiano drasticamente. Se ci vado io otterrei gli stessi risultati di montella o peggiori? Penso proprio peggiori dato che non ho mai allenato in vita mia. Con le dovute scalature, un altro tecnico può fare meglio di montella con gli stessi calciatori, se è migliore di montella dove lui è deficitario. Ed è sicuramente deficitario su qualcosa, perchè dove è andato ha fatto male eccezion fatta per il primo ciclo alla fiorentina. In cui aveva dei grandi calciatori, uno dei centrocampi più forti di sempre, ma di nuovo siamo sicuri che un altro tecnico non avrebbe fatto uguale o meglio con quei calciatori lì (un certo pizarro che aveva eguali solo in pirlo)?

    La verità non è assoluta, ci sono tanti pezzettini che devono combaciare per fare una grande squadra, non è solo il valore dei calciatori che conta. Sennò l’inter non avrebbe speso un sacco di soldi per conte, e proprio per conte, un vincente, uno con una grinta che fa paura. Non è uno come tutti quegli altri, sai quanti montella ci vogliono per fare un conte. Al contempo non puoi nemmeno pensare di vincere solo perchè prendi conte o spalletti, non sono dei maghi.
    Il valore della rosa conta ma non è l’unica cosa che conta (a meno che non si parli di giocatori come batistuta…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. peterkama66_11794087 - 5 mesi fa

    se pensi che montella sia il problema allora davvero non hai capito la malattia..
    e se non sai che malattia hai , allora non guarirai mai … son proprio preoccupato

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy