Agresti: “I Della Valle se ne andrebbero, ma chi compra? Firenze non sia delusa dalla gestione”

Le parole del collega di calciomercato.com sulla strettissima attualità viola

di Redazione VN

Il giornalista Stefano Agresti, nel corso del suo intervento di stamattina ai microfoni di Radio Sportiva, ha commentato i recenti sviluppi del rapporto tra la città di Firenze e la famiglia Della Valle. Queste le sue dichiarazioni: “I Dell Valle lascerebbero volentieri la Fiorentina ma non è facile trovare un acquirente. Firenze non può essere delusa da questa gestione societaria”. LA LETTERA DI UN TIFOSO CONTRARIO ALLA PROTESTA

Violanews consiglia

FOTO – Firenze tappezzata di striscioni: esplode la protesta contro i Della Valle

La rabbia dei tifosi: via allo sciopero contro i Della Valle

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lipilini (Sarzana) - 2 anni fa

    Bati, per volubile intendo dire che le valutazioni economiche di un calciatore cambiano facilmente (come da dizionario) perché se un calciatore che vale 50 milioni di euro il giorno successivo si rompe il crociato non li vale più 50 milioni e non lo vendi , se uno invece ha una o due annate storte il giocatore si svaluta oppure, rimanendo al concreto se arrivi al decimo posto in campionato, non partecipi per tre/quattro anni alle competizioni europee il valore del cartellino si abbassa, questo è quello che intendo, sicuramente ha più valore il fatto che non c’è buco di bilancio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. i'campigiano - 2 anni fa

    Per me ci potrebbe essere anche il Dalai Lama come proprietario ma se si comportasse a bischero e sarei deluso anche di lui, con tutto il rispetto per il bischero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bitterbirds - 2 anni fa

    no macchè, siamo tutti appecorati e contenti di esserlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gasgas - 2 anni fa

    1) Credo anche io che non ci siano file di acquirenti;
    2) Mi piacerebbe però sapere il prezzo;
    3) Sul fatto di essere delusi o meno dalla gestione lo lascerei dire ai tifosi (non a procuratori, addetti ai lavori, giornalisti, che non sono tifosi ma gente che col calcio ci lavora). Ognuno è libero di pensarla come vuole. Io da tre anni a questa parte non mi diverto, me lo aspettavo col ritorno di quel signore pugliese, e non accetto che si continui questa situazione. Lo so che a tanti conviene non avere tra le scatole la Fiorentina, vederla al decimo posto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 2 anni fa

      Io la penso esattamente come te. Bravo gas gas. Inutile chiedere ai procuratori, a Valcareggi e compagnia cantante. Questi lavorano con il calcio ed anche con la Fiorentina. Noi paghiamo per uno spettacolo che, attualmente, non ci piace. Quindi contestiamo. Ti dirò una cosa: con il ritorno di Montella è stato fatto un passettino avanti. Se mandano via Corvino faranno un bel passo avanti. Non vogliono spendere? A me basta che allontanino il letterato pugliese. Sarebbe un segnale importante. Smetterei di contestarli perchè significherebbe che con altri dirigenti si tornerebbe a lavorare ad un progetto sportivo. Che poi possa avere successo o no è un altro discorso. Ma almeno possiamo tornare a sperare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gasgas - 2 anni fa

        Sicuramente non avrebbero accontentato tutti i contestatori (ci sarà sempre una parte di Firenze che contesta qualcosa, anche avessero vinto dieci scudetti di fila…), però serviva aria fresca, io stimo Montella ma avrei fatto una scelta diversa anche lì, avrei preso qualcuno di nuovo. Ma soprattutto avrei mandato a casa il DG. I risultati parlano chiaro, ma cosa deve combinare per essere licenziato? Purtroppo non credo avverrà e la vedo come l’ennesima occasione persa. E sono tre anni di “dobbiamo stare vicini alla squadra”, “ci vuole pazienza”, “quest’anno ci si diverte”…
        Mai avuto problemi con la storia dell’autofinanziamento, però facciamolo bene…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Dellone68 - 2 anni fa

          Molti hanno la sensazione che Corvino sia strumentale ad un certo tipo di discorso. Plusvalenze da un lato (ed è tipico di una proprietà che ormai non è più interessata neanche minimamente ad un qualsivoglia progetto sportivo), dall’altro chiusura degli occhi verso altre modalità di gestione. E qua mi fermo. Purtroppo questo andazzo ha generato la depressione in larga parte del tifo (e di tutti gli addetti ai lavori, dico tutti eh, se parli con qualche giornalista fuori dai denti te ne accorgi)….se non vogliono andarsene devono cambiare almeno la gestione sportiva e metterla in altre mani. Lo dico da parecchio anch’io. Ci vuole aria fresca, molto fresca, nella Fiorentina. Saluti ed alè viola.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. woyzeck - 2 anni fa

    La solita falsa banalità… la realtà è invece che a Firenze a gratis si sta molto bene, senza contare che voler recuperare tutti gli investimenti fatti in un colpo solo proponendo un prezzo spropositato per questa Fiorentina allontana tutti coloro che osano avvicinarsi per acquistarla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lk - 2 anni fa

      Mi spieghi come determini il valore di una società, in questo caso la Fiorentina?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 2 anni fa

        Tante considerazioni ovviamente, c’è un valore intrinseco che è quello dei giocatori, che l’eventuale acquirente deve pagare. Se per ipotesi estrema, vendessero tutta la rosa dalla quale ragionevolmente otterrebbero 200 milioni, si creerebbe un patrimonio liquido di quella cifra , in una società senza debiti. Poi si dovrebbero considerare tante altre voci, dai diritti tv alle sponsorizzazioni, al brand fino al valore del centro sportivo. In ogni caso quei 200 milioni liquidi in cassa vanno pagati. Le azioni della Fiorentina dovrebbero rispecchiare largo circa, oltre a questi soldi poi, anche brand, centro sportivo ecc.ecc. . Qualcuno potrebbe fare un’offerta ad esempio da 100 milioni per una società così? Si leggono da anni veramente tante idiozie.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Lipilini (Sarzana) - 2 anni fa

          Innanzitutto il prezzo per la vendita della società non può essere fatto sulla qualità della rosa in quanto il valore dei giocatori è troppo volubile ,in realtà l’ACF Fiorentina non ha nulla di proprietà ossia stadio,sede,centrosportivo che possano dare un senso al prezzo alla quale vogliono vendere ,per questo motivo si procede con il totale autofinanziamento in attesa , se mai sarà dell’inizio della costruzione del fantomatico Stadio ed attività commerciali connesse che sono e l’unica attrattiva per eventuali compratori alle cifre richieste di cui si parla

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. bati - 2 anni fa

            Scusami, cosa significa la “volubilità”….forse intendevi la “volatilità”. Le persone sono volubili e non le cose. Detto questo, ho portato un esempio estremo proprio per quella che tu chiami volubilità. Se li vendessi tutti otterresti un dato certo. Una somma precisa che entra in pancia alla società. Sono soldi, patrimonio tangibile. I soldi sono soldi. Se compri una cassa con 1 milione dentro, devi pagare 1 milione. Non puoi pensare che te la diano per 300.000. La rosa della Fiorentina se venduta ai prezzi correnti più o meno genera 200 milioni di euro. Quindi fai un pò te.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy