Chiesa, è Federico ma sembra Enrico: “Mio figlio ha un cuore viola”

Chiesa, è Federico ma sembra Enrico: “Mio figlio ha un cuore viola”

Questione di fede tutta viola: a Firenze è cresciuto e a Firenze ha raccontato di voler chiudere la carriera. Babbo Enrico non nasconde la gioia, ma prega di non iniziare il gioco dei paragoni

di Stefano Fantoni, @stefanto91
Federico Chiesa

Su La Gazzetta dello Sport si parla di Federico Chiesa, che in Chievo-Fiorentina ha segnato il primo gol in Serie A. Questione di fede tutta viola: a Firenze è cresciuto e a Firenze ha raccontato di voler chiudere la carriera. Babbo Enrico non nasconde la gioia, ma prega di non iniziare il gioco dei paragoni: “Dico solo che in famiglia siamo felicissimi ed emozionatissimi, lo abbiamo visto tutti in tv, mia moglie e i miei altri due figli Lorenzo e Adriana. Sappia- mo quanto tenga alla maglia e alla squadra. Mia moglie è stata straordinaria. Io ero impegnato a giocare a calcio in giro per l’Italia e lei ha cresciuto stupendamente tre ragazzi”.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. glover_709 - 2 anni fa

    Enrico Chiesa era un fenomeno in una serie A,che era il primo campionato del mondo e non il quarto come adesso. Solo Luciano Chuarugi calciava come lui e forse meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GianBurrasca - 2 anni fa

    Il esplosioni di Bernardeschi, che ha conquistato la nazionale da esterno destro, e Chiesa sono solo ed esclusivamente meriti di Sousa…. chi dice il contrario è solo in malafede!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Turco - 2 anni fa

    Enrico Chiesa è stato uno degli attaccanti più forti in serie A quando in Italia giocavano i calciatori più forti del mondo. Se Federico raggiungesse anche soltanto il 70% di suo padre diventerebbe di gran lunga il miglior giocatore dell’attuale serie A ..e comunque Grande Federico! ..ma soprattutto FORZA VIOLA SEMPRE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mops - 2 anni fa

    Mah. A me sembra francamente ancora più forte di suo padre! soloforzaViola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Count of Tuscany - 2 anni fa

      È sicuramente più precoce, se più forte lo vedremo, Enrico chiesa Faceva dei tiri che a Firenze non ho mai visto fare a nessuno . Neanche a Bati . Verso il 1999 raggiunse una maturità che gli permetteva di vincere le partite da solo , non era inferiore a nessun attaccante italiano e solo a pochi in Europa . L’infortunio al tendine rotuleo praticamente gli tronco la carriera a 29 anni , carriera poi ripresa a più bassi livelli un paio d’anni più tardi. Che giocatore Enrico !

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy