Progetto giovani e strutture, ma anche Pioli, Chiesa e il futuro di Corvino: le linee guida della Fiorentina

Progetto giovani e strutture, ma anche Pioli, Chiesa e il futuro di Corvino: le linee guida della Fiorentina

La Fiorentina disegna il proprio futuro: Pioli, salvo scossoni, sembra destinato a rimanere. Chiesa invece è il primo nodo da sciogliere sul futuro. Novità anche sullo stadio e il centro sportivo

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Se da un lato la classifica non sorride al presente, dall’altro la proprietà della Fiorentina ha tracciato le linee guida per disegnare il proprio futuro. Piaccia o no, la strada è stata intrapresa. E il percorso in realtà è iniziato a giugno del 2016, quando a Firenze è tornato Pantaleo Corvino per rimettere a posto i conti e le casse aziendali.

Abbiamo provato a riassumere le tappe che la Fiorentina toccherà per continuare nel proprio cammino di crescita. Tenendo presente che i tempi degli investimenti a fondo perduto appartengono al passato. Oggi piuttosto è necessario costruire una forte solidità per tanti motivi: aumentare gli incassi, rendere la società in grado di autofinanziarsi, crescere negli obiettivi sportivi.

Infrastrutture – Dopo anni in cui questo aspetto è rimasto in secondo piano, la società – com’è noto – intende dotarsi di un centro sportivo per il settore giovanile e di uno stadio di proprietà. Entro fino mese, o poco dopo, dovrebbe essere definito l’acquisto dei terreni per il primo. Una struttura con sede a Campi Bisenzio che ospiterà il lavoro delle giovanili. I tempi di costruzione non dovrebbero essere troppo lunghi.
Discorso diverso invece per lo stadio: una nuova casa permetterebbe alla Fiorentina di aumentare i ricavi annui di circa 15 milioni. Entro maggio la società presenterà il progetto esecutivo. Considerato il necessario spostamento della Mercafir, l’area potrebbe essere consegnata ai viola nel 2022 e la costruzione non potrà iniziare prima del 2023. Al momento i dirigenti stanno valutando se portare la capienza da 40.000 a circa 33-35.000 posti estendibili. Così facendo il costo totale dell’opera si abbasserebbe da 140 milioni circa a 110. Per il momento è soltanto un’idea al vaglio. Alcuni investitori sono pronti ad affiancare la Fiorentina per i costi, fermo restando che intendono avere certezze sulle tempistiche. In totale il costo dell’operazione si aggirerebbe sui 500 milioni.

Progetto tecnico – Dopo i costosi acquisti di Mario Gomez e Giuseppe Rossi, la Fiorentina ha deciso di voltare pagina. Il percorso attuale ha come obiettivo la crescita dei campioni in casa: dal vivaio e con l’acquisto di giovani talenti, passando inevitabilmente dall’autofinanziamento. Vista la mancanza di acquirenti credibili, la proprietà attuale continuerà a gestire la Fiorentina con le sue forze.

Futuro Federico Chiesa – E’ uno dei giocatori più giovani della rosa e con lo stipendio più alto ed il contratto in scadenza nel 2022. Il suo futuro è uno dei primi nodi da sciogliere per la società.
La Fiorentina ritiene che ci siano tutte le condizioni per affrontare qualsiasi eventualità: una continuazione del rapporto o una cessione. Secondo quanto risulta però a Violanews.com, al momento chi si occupa del giocatore difficilmente si siederà ad un tavolino per parlare di un rinnovo del contratto.

Guida tecnica – Pur ammettendo che il rendimento non è del tutto positivo, la società ha fiducia in Stefano Pioli. L’allenatore ha rapporto costante con Corvino, con cui sta programmando il futuro. L’ipotesi di proseguire insieme potrebbe avvenire anche in caso di mancata qualificazione all’Europa League (obiettivo fissato da Della Valle la scorsa estate quando parlò di settimo posto).
La Fiorentina inoltre ha già deciso di riscattare Luis Muriel dal Siviglia: sarà uno dei giocatori principali per il futuro. Infine su Pantaleo Corvino che chiuderà la sua carriera in viola. Quando deciderà di non occuparsi più della prima squadra, il suo ruolo sarà diverso: il Dg infatti prenderà il pieno controllo del settore giovanile, sua antica passione.

Ha collaborato: ALESSIO CROCIANI

Violanews consiglia

Il nuovo “Paolo Mazza”, lo stadio all’inglese della SPAL: copertura totale e nuovo settore ospiti

La SPAL, premessa da capitalizzare prima di una settimana da rendere “molto importante”

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TonyManero - 3 mesi fa

    Così è come si gestisce una società di medie dimensioni come la nostra.
    Chi non gli sta bene può cambiare squadra, gialle, rosse e a strisce, basta scegliere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex - 3 mesi fa

      Non per quanto riguarda lo stadio. Con una struttura confortevole, coperta e facilmente accessibile, gli spettatori aumenterebbero e quindi anche gli introiti dalle attività connesse (ristorazione, merchandising, ecc). Visto che si parla di un’opera che va in asset a medio e lungo termine, e non modificabile una volta realizzata, mi spieghi che senso avrebbe diminuire la capienza per risparmiare qualche milione sulla costruzione quando con una plusvalenza da vendita si un singolo giocatore recupereresti quei soldi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Parpol - 3 mesi fa

        Concordo in pieno con la tua valutazione Alex, un ridimensionamento della capienza sarebbe un danno incredibile e un ridimensionamento “cronico” delle ambizioni sportive della nostra Fiorentina anche dopo i DV…. spero sia solo una fake, altrimenti aprirei una contestazione dura da subito contro la proprietà… con capinze inferiori ai 35.000 mi sembra non si possano ospitare nemmeno le finali delle competizioni europee… quindi rinunciamo a tutto ad ogni sogno… Se mai si realizzasse uno scempio programmatico di questa portata, smetterei di seguire il calcio e la Fiorentina, troppa inutile sofferenza…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. glover_3713546 - 3 mesi fa

    Ridurre la capienza di 5/6000posti è roba da matti…proprio nell’anno in cui il pubblico viola è ritornato in massa al franchi a prendere l’acqua, e facciamo più spetttaori che a Napoli…contro la Juventus se non sbaglio ci furono 41.000 spettatori paganti, e molti rimasero fuori
    … Al Vecchio Comunale la Juventus faceva 23.000 spettatori di media, (inferiore all’attuale Fiorentina) e Agnelli si è già pentito di non avere fatto lo Juventus Arena moplto più capiente, visto che solo con gli abbonamenti arriva a quella cifra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ilRegistrato - 3 mesi fa

    Su Repubblica di oggi c’e’ un articolo che dice che la Fiorentina avrebbe un passivo di 20 milioni per l’anno 2018. Io dubito che la cifra sia veritiera, forse e’ una campagna di disinformazione della Fiorentina per preparare la cessione di un big a giugno. Se fosse vera sarebbe un autentico capolovoro, a fronte di un depauperamento tecnico che non ha eguali e un monte ingaggi da provinciale ci si ritrova ancora con un passivo da 20 milioni. L’unica spiegazione potrebbero essere i soldi spesi da Corvino per tutti i bidoni che nessuno vuole e che ha dovuto ronzare in prestito. Siccome Corvino e’ saldissimo sulla sua poltrona non puo’ essere cosi’ e dunque rimane la prima ipotesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. emilio - 3 mesi fa

    … BELLE NOTIZIE…IMPAREREMO A NUOTARE ANCHE IN UN MARE DI M…A RASSERENARCI BASTERA’ IL SORRISO ENIGMATICO DELL’INSCIARPATO MAGGIORE …I SALTELLI DELL’ ISCIARPATO GRULLO… LO SGUARDO PROSPETTICO DI GNIGNI … IL VISONE GASTRONOMICO DELL’OMO DEL TAVOLIERE… LA FACCIA ASCETICA DEL MAGGIORDOMO PARMESAN CHE FINGE DI PENSARE… USQUE TANDEM … FOR EVER

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-9137383 - 3 mesi fa

    mah… per ora si ragiona del nulla. chissà. ….
    di sicuro Corvino è tornato nel giugno 2016… non nel 2017.
    sono già passati quasi tre anni e per ora siamo fuori dall’Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fantero - 3 mesi fa

    Corvino quando è tornato???? È tornato nel 2016!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 3 mesi fa

      Rossi intendeva nel 2016/17, comunque correggo per evitare l’equivoco. Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gariboldi - 3 mesi fa

    Mah…il futuro è un’ipotesi diceva Enrico Ruggeri in una canzone, penso che molto dipenderà da come finisce questa stagione, dal fatto che non si presenti un compratore serio e dalla faccenda stadio, come vedete troppe sono le componenti per immaginarsi il futuro, anche prossimo. Se dovessimo uscire dalla coppa ed arrivare decimi sarebbe duro riproporre Pioli che, a mio parere, andrebbe sostituito a prescindere perché con un altro (chiunque) avremmo 4/6 punti in più. Staremo a vedere, sperando, che è l’unica cosa che purtroppo ci è rimasta, con questa proprietà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vecchio briga - 3 mesi fa

    Non li vogliamo più. Se ne vadano questi tristi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ale612 - 3 mesi fa

      Vecchio briga fai veramente tenerezza con questo ritornello…. Ci sono acquirenti disponibili a tirare fuori quello che chiedono? A quanto pare no!!! Allora continua con questa litania… Che tenerezza!!!! N. B. siamo stati noi ad andare a cercare i Della Valle perché nessuno ci voleva tanto meno le varie famiglie facoltose fiorentine Gucci, Ferragamo, Cavalli. Fratini ecc…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dellone68 - 3 mesi fa

        Io spero solo che questa triste, greve, innominabile proprietà se ne vada al più presto. Spero una contestazione infinita, fino a che non verranno cacciati a furor di popolo dalla città. Purtroppo questi grevi personaggi hanno preso in ostaggio la città e la sua squadra. Ci stanno portando verso l’irrilevanza assoluta, a gioire per il decimo posto, ci stanno umiliando tutti i giorni dando in mano la squadra ad un personaggio che non parla neanche italiano e si esprime con grugniti. Il livello di questa proprietà è il più basso di tutti i tempi, perché è corrispondente alla spocchia ed al livore cieco ed avaro che li contraddistingue, sicché sono i peggiori di tutti e di tutti i tempi. Nessuno può arrivare al loro livello tutti quelli che verranno dopo saranno facilmente migliori di loro, ci vuole talmente poco…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Rotschild - 3 mesi fa

    Se fosse vero a fine stagione si scende in piazza per cacciarli sti qui. Hanno rotto le p***e.
    Sarebbe tutto da ridere vendita di Chiesa e Pioli e Corvino confermati.
    MEDIOCRI PER SEMPRE, GRAZIE DV VI AUGURO IL PEGGIO DEL PEGGIO SE QUANTO SCRITTO NELL’ARTICOLO SI RIVELASSE VERO.

    “La Morte Dei Sogni” presto nei cinema fiorentini
    Via le m***e da firenze! SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Unsenepoppiu - 3 mesi fa

    Magnifico futuro, con questa simpatica compagnia credo che potranno risparmiare ulteriormente sui costi dello stadio, portandolo ad una capienza di 30/40 posti , perché ormai solo gennaio 1950 e i suoi amici e parenti possono continuare
    ad entusiasmarsi per questo Progetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. 29agosto1926 - 3 mesi fa

    Se a violanews risulta improbabile il rinnovo allora si sta tranquilli. Ricordate Rodrigo Battagla? Ecco è la stessa intuizione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 3 mesi fa

      Perché non ricorda per esempio anche Hugo e Zurkowski per i quali siamo stati i primi ad annunciare l’arrivo? Queste forse sono state intuizioni felici di Violanews. Buona giornata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. user - 3 mesi fa

        A me fa abbastanza sorridere il fatto che gli rispondi anche…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy