Vincere a Bergamo? Servirà la partita perfetta e… Montella in versione talismano

Con in panchina l’allenatore campano, i viola hanno sempre vinto in casa dell’Atalanta

di Alessandro Bracali, @alebracali9

La Fiorentina per realizzare il proprio sogno, ossia la finale di Coppa Italia, ha solo e soltanto un risultato a disposizione: la vittoria. Non prendendo in considerazione al momento ipotesi di pareggi roboanti (dal 4-4 in poi, i viola passerebbero il turno), la truppa di Vincenzo Montella deve andare a Bergamo con l’obiettivo di espugnare l’Azzurri d’Italia. Una quasi-impresa, difficile, certo, ma non impossibile. Specie se Pezzella e compagni dovessero giocare come il primo tempo di sabato in quel di Torino, a patto di mettere in campo un pizzico di concretezza offensiva (e fortuna) in più. Ma al di là di questo, i gigliati devono seguire in tutto e per tutto il loro neo-allenatore. E non solo dal punto di vista tattico, ma anche da quello… della cabala. Il tecnico campano sa come si vince a Bergamo, e nelle sue tre stagioni fiorentine in casa dell’Atalanta ha sempre ottenuto i tre punti. Un filotto importante, che aspetta solo di essere allungato. Il 13 aprile 2013 la Fiorentina del primissimo Montella batté gli orobici davanti al loro pubblico (0-2), giocando tra l’altro alla grande. Il 4-3-3 di quel campionato, con davanti il tridente Cuadrado-Jovetic-Ljajic tutto tecnica e fantasia ed in mezzo il trittico Aquilani-Pizarro-Valero, era uno spettacolo per gli occhi. Proprio un penalty trasformato dal cileno ed un gol in contropiede di Marcelo Larrondo regalarono ai viola il successo. Stesso risultato, il 22 settembre 2013, anche nel torneo successivo, con reti siglate da Mati Fernandez e Giuseppe Rossi. Infine, quasi un anno dopo (21 settembre 2014) ecco il tris montelliano: stavolta per 1-0 con rete decisiva firmata da Jasmin Kurtic. Precedenti, dunque, che fanno ben sperare, ma, statistiche a parte, mai come questa volta servirà per davvero la cosiddetta partita perfetta.

Violanews consiglia

I piccoli grandi stravolgimenti di Montella

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy