La crisi del calcio italiano continua – Un’altra squadra non si iscrive al campionato.

La crisi del calcio italiano continua – Un’altra squadra non si iscrive al campionato.

La Lega Pro e la corsa al ripescaggio in Serie B perdono pezzi. Il Varese falcidiato da debiti (si parla di dieci milioni di euro) e problemi societari ha sventolato …

di Redazione VN

La Lega Pro e la corsa al ripescaggio in Serie B perdono pezzi. Il Varese falcidiato da debiti (si parla di dieci milioni di euro) e problemi societari ha sventolato bandiera bianca e non si iscriverà al prossimo campionato di Lega Pro. E di conseguenza non potrà ambire ad un’ipotetica riammissione in Serie B, in sostituzione del Parma per il quale resta in pole la Virtus Entella, retrocessa dopo la sconfitta nella doppia sfida play off contro il Modena.

Il disimpegno del presidente libanese Ali Zeaiter e l’impossibilità nel reperire la fideiussione necessaia all’iscrizione ha aperto le porte del fallimento al Varese, che con una nota ufficiale ha comunicato la fine dei giochi: L’A.S. Varese 1910 comunica ufficialmente di non aver prodotto la documentazione necessaria da presentare alla Co.Vi.So.C come ricorso alla mancata ammissione al campionato di Lega Pro per la stagione 2015-2016″.

Ora l’obiettivo diventa costituire una nuova società per disputare la Serie D: “Dopo la ratifica della non iscrizione da parte del Consiglio Federale del prossimo 17 luglio, la palla passerà al Sindaco di Varese Attilio Fontana che potrà avvalersi dell’Articolo 52 comma 10 (regolamento FIGC) richiedendo l’iscrizione di una nuova Società al campionato di Serie D o Eccellenza”.

Ottopagine.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy