BV 1989: Come si cambia

A Pistoia, il 1 ottobre 1989, la Fiorentina disputa la sua settima giornata di Serie A contro l’Udinese; il campo domestico è infatti inutilizzabile da tempo, a causa dei lavori …

di Redazione VN

A Pistoia, il 1 ottobre 1989, la Fiorentina disputa la sua settima giornata di Serie A contro l’Udinese; il campo domestico è infatti inutilizzabile da tempo, a causa dei lavori di ristrutturazione resi necessari dall’imminente Campionato del Mondo, organizzato dall’Italia. Ben 11 dei 13 giocatori viola scesi in campo sono reduci dal tremendo sforzo psico-fisico sostenuto quattro giorni prima contro l’Atletico di Madrid; la gara di Coppa UEFA si risolse solo ai rigori dopo 120 minuti di sofferenze e rappresentò per l’allenatore viola Bruno Giorgi –  come ebbe lui stesso modo di dichiarare mentre il suo nome veniva scandito dai tifosi festanti – la più grande soddisfazione della carriera. Se a tutto ciò si aggiunge l’assenza forzata di Dunga, l’espulsione di Dell’Oglio ad un quarto d’ora dalla fine e l’imbarazzante girovagare in attacco del presunto bomber Dertycia, non si fatica certo a trovare gli argomenti per spiegare la pessima figura fatta dalla squadra gigliata, che perde meritatamente 2-1 davanti ai propri tifosi. Quest’ultimi, inneggianti ora ironicamente a Eriksson…

Massimo Milani – museofiorentina.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy