Voglia matta e umiltà. Altro che turista, Ribery si è preso gli applausi anche dalla Juve

Voglia matta e umiltà. Altro che turista, Ribery si è preso gli applausi anche dalla Juve

Una partita mostruosa sabato, la voglia nonostante la sconfitta con il Genoa: Ribery si è già preso Firenze

di Redazione VN

Mentre la Fiorentina era sotto per 2-0 contro il Genoa, Franck Ribery sbuffava, cercava Montella con lo sguardo verso la panchina. Insomma, nonostante la partita si fosse messa in salita e una condizione ancora precaria voleva precipitarsi nella mischia, a 36 anni suonati. “Straricco ma non satollo, quando ha deciso di lasciare il Bayern” – scrive La Nazione – Ribery non è venuto qui per fare il turista e non è stato solo un investimento mediatico. Straordinariamente umile, nonostante tutte le sue vittorie, ancora non si è tuffato nella vita fiorentina – vive in maniera piuttosto blindata nel suo albergo in attesa che venga individuata la casa giusta – e aspetta che la moglie Wahiba e il resto della sua numerosa banda arrivino in città. E sabato, dopo una prestazione maiuscola, ha ricevuto i complimenti dai giocatori dalla Juventus.

Da mentalista a trasformista: la metamorfosi di Montella

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. tifoso - 10 mesi fa

    Non si diventa campioni per caso.. e i soldi li ha già fatti..
    Ribery conosce Toni e Frey, non crederete mica che non lo abbiano avvertito che a Firenze siamo esigenti?
    Se ha deciso di venire a giocare da noi, al netto di tutto quello che gli avrà detto Pradé e Rocco, è perchè aveva voglia di giocare e impegnarsi duramente per risollevare la ns Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy