Vlahovic, Montiel e non soltanto. Baby talenti pronti al grande salto

Montella li terrà d’occhio, loro devono farsi trovare pronti all’appuntamento con il grande salto: la Primavera in vetrina nel finale di stagione?

di Redazione VN

Non solo i gioiellini Dusan Vlahoic e Tofol Montiel, sulla scia di Chiesa la Fiorentina si augura di ricreare il circolo virtuoso visto che negli ultimi anni sono molti i prodotti del vivaio esplosi ai primi anni di Serie A. Pescare forze fresche dal settore giovanile è uno dei motivi di ripartenza per la prossima stagione, e Montella sembra già aver buttato un occhio ai ragazzi della Primavera. Il Corriere Fiorentino ipotizza i ragazzi in prima squadra nel finale di stagione, poi dalla prossima si analizzeranno attentamente Sottil, Gori e Cerofolini. Ma la vittoria di venerdì conferma la crescita di un gruppo di nati nel nuovo millennio dal quale Montella potrebbe pescare diamanti grezzi, da svezzare e far maturare, come Lakti, Beloko, Meli, Antzoulas, Ferrarini e Ghidotti.

vnconsiglia1-e1510555251366

Primavera, oggi la sfilata con la Coppa Italia vinta

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Felipe - 2 anni fa

    VENUTI, CASTROVILLI, RANIERI……..partire come riserve, poi si vedrà. Gori non può essere diventato improvvisamente un brocco…..se qualcuno si degnasse di farlo giocare, potremmo vedere di che pasta è fatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ammazzalavecchiacolgas - 2 anni fa

    Gori non mi convince, Sottil e Cerofolini saranno bravi ma bisogna trovare il modo di farli giocare. Beloko impressionante fin da Moena, Lakhti bravo ma non so valutarlo in serie A, credo ci voglia di più. Ghidotti così così, Ferrarini interessante ma deve crescere parecchio. Antzoulas buono, credo che farà un bel salto di qualità. Infine Meli, caso spinoso: per me non può fare altro che il finalizzatore, il suo apporto alla manovra è quasi sempre trascurabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. IBBRA - 2 anni fa

    koffi koffi koffi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ghibellino viola - 2 anni fa

    Mi immagino il boato della Fiesole al giro con la coppa per festeggiare questi ragazzi con la coppa. Ah già stanno fuori… sono polemico al pensiero dei tifosi del Torino che invece hanno incitato i loro dal primo all’ultimo minuto al Filadelfia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. damci - 2 anni fa

    articolo sparato un pò precipitosamente che dimentica Castrovilli e Ranieri che sono i più continui qualitativamente in serie b.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CippoViola - 2 anni fa

      Bravo, quei due ragazzi non andrebbero dimenticati. A mio giudizio, ovviamente “personalissimo e discutibilissimo”, sono pronti per la serie A.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ammazzalavecchiacolgas - 2 anni fa

      Giustissimo. Aggiungerei Pinto all’Arezzo, che a me piace molto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. antonio capo d'orlando - 2 anni fa

      Ho visto giocare parecchie partite, Ranieri. A mio avviso può stare tranquillamente nel giro della prima squadra. Nell’articolo si è voluto esagerare in quanto solo 3/4, Vlahovic compreso, sono un pò al di sopra della media dei primavera. La differenza fra primavera e serie A, è notevole. In ogni caso, fino a novembre di ogni anno, c’è modo per provare i giovani. Poi a gennaio, andando in prestito nelle squadre giuste e con la garanzia di farli giocare, è sempre corretto darli in prestito. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. claudio.viola - 2 anni fa

      Sono pienamente d’accordo e la cosa strana è che negli ultimi anni quelli che sono stati dati in prestito in serie B (serie molto difficile tra l’altro) e hanno fatto bene, non sono quasi mai stati ripresi. Penso ad esempio a Piccini (a Livorno e poi via), a Mancini (a Perugia e poi via), a Zaniolo (all’Entella e poi via anche lui). L’unico è stato Bernardeschi ma se fosse rimasto Montella se ne sarebbe andato pure lui. Sousa avrà avuto qualche demerito ma ha avuto la capacità di consacrare Bernardeschi e di lanciare un Chiesa ancora in boccio. Sono convinto che se lui avesse avuto un po’ più di pazienza sarebbe stato il miglior allenatore possibile per questa società (vista la necessità di valorizzare il vivaio). Pioli non ha dato spazio a nessuno in due anni. È anche per questo che volevo che se ne andasse. Purtroppo però, spero che sia cambiato, anche Montella non è stato un valorizzatore a Firenze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy