Terzini in rampa di lancio, la Nazionale sorride a Firenze: da Biraghi ad Alonso e Balzaretti

Il goleador Biraghi è solamente l’ultimo terzino viola che si fa spazio nella selezione del proprio Paese

di Redazione VN

Non solo Biraghi, al centro dell’attenzione dopo la zampata vincente con la Nazionale. Pasqual, quando era in viola, si è fatto valere anche in azzurro con 11 presenze. La prima apparizione – scrive Il Corriere dello Sport – il primo marzo del 2006 quando Marcello Lippi lo ha chiamato per l’amichevole Italia-Germania disputata proprio al Franchi. Il successivo 15 novembre viene convocato da Donadoni per l’amichevole con la Turchia, mentre nel 2013 è stato Prandelli a chiamarlo per le gare di qualificazione anche se poi verrà escluso dalla lista definitiva per il Mondiale. A settembre dello stesso anno però un altro ct lo ha chiamato: Antonio Conte per le sfide con i Paesi Bassi e Norvegia, gara in cui regala un assist a Bonucci. Ma anche Balzaretti e Gobbi, transitati o rimasti a Firenze, fra tanti interrogativi, hanno dipinto di viola l’azzurro. Quest’ultimo, adesso al Parma, ha esordito in Nazionale nel 2006 mentre Balzaretti è rimasto a Firenze solo sette mesi (dal 20 giugno 2007 al 25 gennaio 2008) perché non trovava spazio con Prandelli. Ed è stato proprio quest’ultimo, anni dopo, a farlo esordire contro la Romania nel novembre 2010 per poi portarlo perfino all’Europeo del 2012. Senza dimenticare i nazionali esteri come adesso Milenkovic, pilastro della sua Serbia come centrale e impiegato da Pioli a destra, e perfino Hancko, riserva di Biraghi che ha già stupito con la maglia della selezione maggiore. E in passato non si può dimenticare Alonso, protagonista nel Chelsea e chiamato lo scorso marzo per la prima volta dal ct Lopetegui in Nazionale.

Violanews consiglia

FINALE – Chievo Verona-Fiorentina Women’s 0-5: show di Bonetti e Clelland

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy