Tatarusanu, il vice che è diventato re

Tatarusanu, il vice che è diventato re

Il portiere è stato decisivo contro il Carpi e ha sempre fatto bene (eccetto con l’Inter)

di Redazione VN

Sul Corriere dello Sport-Stadio si parla di Ciprian Tatarusanu, il vice che è diventato re. Il portiere si è sempre difeso, pure l’anno scorso, quando aveva conquistato la maglia da titolare per poi perderla. Fin qui sono sette le presenze in stagione di Tata in serie A: solo quattro gol incassati, meno di qualunque altra squadra italiana. Ottime le prestazioni: col Milan sul tiro di Bonaventura era comunque piazzato bene, col Carpi è stato il migliore in campo, imperioso su Borriello prima e Matos poi. Contro il Bologna ha sventato il tiro sotto porta di Destro, mentre nella gara con l’Atalanta si è opposto da solo a Maxi Moralez. L’unica gara storta è stata contro l’Inter: ha rischiato di fare il più comico dell’autogol e, con un’uscita dissennata, ha facilitato la rete di Icardi. Ma quella Fiorentina stava dando spettacolo e tutto è passato in secondo piano.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. BlandoTifoso - 5 anni fa

    Per i portieri tutto è relativo a come gioca la squadra, Neto quando è entrato con il tottenham e partite successive sembrava dio parava anche il fumo perchè tutto girava bene.. da ultimo quando la fiorentina era scoppiata (ritorno di coppa italia e semifinale di EL) sembrava il peggiore dei pacchi.. è difficile separare le prestazioni del singolo in un gioco di squadra i fattori sono innumerevoli e la tranquillità di una squadra che difende bene gioca un ruolo da protagonista.

    Tata faceva bene l’anno scorso fino al guaio fisico sta facendo bene ora, tra i pali non è da meno della gran parte dei portieri che giocano in serie A’ in uscita è medio alto ma non mi convince al 100% con i piedi.. puff.. c’è sempre un brivido quando deve giocarla con i piedi.

    E’ bravissimo sull’attenzione a giocarsi la partita da farsi una pennica (come contro l’atalanta) in un unico difficile intervento.

    Comunque di tutti i giocatori che sono andati via non possiamo certo piangere per il portiere Tata non è un giocatore di ripiego!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cuoreviola - 5 anni fa

      Condivido l’ultima parte del tuo discorso . Il portiere forte si vede quando è chiamato in causa una o due volte a partita e si fa trovare pronto . Se un portiere subisce 20 tiri in porta a partita è più facile che riesca a rimanere concentrato .

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy