Stadio: Baselli tratta. Per Behrami in arrivo Ramadani. E Donati…

L’edizione odierna di Stadio rilancia il nome di Daniele Baselli per il centrocampo viola. In attesa del confronto che ci sarebbe stato nel tardo pomeriggio di ieri con l’avvocato che …

di Redazione VN

L’edizione odierna di Stadio rilancia il nome di Daniele Baselli per il centrocampo viola. In attesa del confronto che ci sarebbe stato nel tardo pomeriggio di ieri con l’avvocato che rappresenta Salah, Daniele Pradè ieri a Milano ha intanto visto Giuseppe Riso, che di Baselli è il procuratore. Un contatto utile alla Fiorentina per ribadire l’interesse nei confronti del giovane dell’Atalanta e a Riso utile per confermare che Firenze è ovviamente destinazione gradita. La trattativa è stata aperta con tutti i crismi e non è un caso che sempre ieri il Milan abbia un po’ allentato la presa su Baselli consegnando alla Fiorentina una posizione di predominio da sfruttare.

 

Adesso la stessa trattativa sarà aggiornata con l’Atalanta dopo alcuni giorni di stop quasi forzato e il direttore sportivo viola con i suoi collaboratori sono attesi ad un compito non facile: convincere il club bergamasco ad abbassare le pretese economiche. Gli 8 milioni di euro “stampati” sul cartellino di Baselli dall’Atalanta sono al momento un ostacolo insormontabile. I possibili rinforzi a centrocampo non finiscono qui, nel senso che in queste ore ha ripreso forza e consistenza l’ipotesi che porta al ritorno in viola di Valon Behrami.

 

Anche questa è un’opzione concreta su cui il club dei Della Valle sta lavorando per giungere ad una conclusione positiva, tanto che a breve è probabile un colloquio con il procuratore dello svizzero, Fali Ramadani (per La Repubblica l’agente è atteso a Milano nelle prossime ore). Capitolo Giulio Donati. I primi contatti tra le due parti hanno lasciato intravvedere uno sviluppo positivo: l’incontro tra Pradé e D’Amico, agente di Donati, servirà per individuare i margini di manovra.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy