Quasi vent’anni di gestione e zero tituli: l’era Della Valle sta per chiudersi

La famiglia marchigiana non è riuscita a portare a Firenze neppure un trofeo dal 2002 ad oggi

di Redazione VN

“Diciassette anni e nessun titolo, almeno con la prima squadra maschile. Al massimo, finale di Coppa Italia (2014) e per due volte semifinale di Europa League”. Come scrive stamani il Corriere dello Sport, i fratelli Della Valle hanno sì riportato la Fiorentina nel calcio che conta, prima in Serie A e poi in Europa, ma non sono riusciti ad aggiungere neppure un trofeo alla Sala delle Coppe del club. Un vero peccato, considerando anche e soprattutto quella maledetta serata di Roma del maggio 2014, agitata (a dir poco) dal punto di vista dell’ordine pubblico e che vide i viola di Montella sconfitti dal Napoli all’Olimpico. E dire che il rapporto tra Della Valle e tifoseria era partito piuttosto bene, poi però Calciopoli prima e l’addio a Prandelli dopo hanno rotto qualcosa, portando ai due anni grigi del pre-Montella. L’arrivo dell’Aeroplanino, gli acquisti importanti ed il bel calcio espresso dalla squadra avevano riportato l’entusiasmo ma poi la delusione dopo il primo anno di Sousa ha definitivamente incrinato la situazione tra il club e i tifosi, fino ad arrivare al clima negativo tra le parti esploso negli ultimi mesi.

Violanews consiglia

Via Corvino, Commisso riparte da Antognoni. E Joe Barone avvierà la nuova gestione

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bernard - 1 anno fa

    Nell ‘ era Della Valle lo scudetto e’ stato vinto ( sul campo ) 11 volte dalla Juve , 4 dall ‘ Inter , 2 dal Milan . Alle altre le briciole , ovvero Coppa Italia e Supercoppa italiana . E a Firenze sono arrivati fior di giocatori , con due partecipazioni alla Champions Leaugue , 7 all ‘ Europa League , con due semifinali disputate . Ma questo non vale niente , almeno per chi scrive .E gli anni in Serie A sono 15 , non quasi venti .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mario - 1 anno fa

      Tra i titoli che sfoggi ti sei dimenticato anche 3 scampate retrocessioni, Mondonico, Sinisa, Pioli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dallapadella - 1 anno fa

    20 anni di gestione e “zero tituli” ma.. si parla della Fiorentina?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gianni69 - 1 anno fa

    come scrisse bocca un paio di anni fa su la republique :firenze (calcisticamente parlando)ha bisogno di una botta di vita.è arrivata se dio vuole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. batigol222 - 1 anno fa

    Non aver vinto niente con la loro mentalità è normale: una dirigenza che dopo che un allenatore rampante (sousa) ti porta a essere campione di inverno blocca ogni tipo di investimento e di acquisto, continuando con la politica delle plusvalenze e delle cessioni importanti, come può vincere qualcosa.
    Questi quando c’è da vincere qualcosa si scansano, dicono “No no, mi basta così”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Dellone68 - 1 anno fa

    Era ora che chiudessero con la Fiorentina. Della Valle totalmente disinteressato, squadra in mano a manager incapaci, risultati sportivi, negli ultimi tre anni, a picco, rapporto con la tifoseria e la città logoro. Quando la situazione è questa che si rimane a fare? Si vende. Il ricambio è fisiologico nelle professioni, figuriamoci nel mondo dello spettacolo. Dopo diciassette anni che vediamo le stesse facce, gli stessi proclami, gli stessi dirigenti ed il nulla a livello calcistico che hanno prodotto (zeru tituli) possiamo anche metterci serenamente ad aspettare il nuovo proprietario, chiunque sia. Chiunque. Sarà COMMOSSO? Va benissimo, avanti con COMMOSSO. Arriverà ERMENEUKIAN o come cavolo si scrive? Bene, prendiamo anche lui. Arriverà IG? Io prenderei anche IG come presidente. Difficilmente farebbe peggio di quanto fatto dai DV negli ultimi anni. Al di là della provocazione, ci vuole uno scossone per far ripartire la Fiorentina. E tutto questo sta arrivando. La proprietà internazionale poi, visto che si parla tanto di bacino di utenza, tifosi, eccetera, potrebbe realmente ampliare gli orizzonti del tifo viola. A proposito dell’esposizione internazionale, che fine hanno fatto i progetti dellavalliani del PUNE, dell’Ascona, della società acquistata (o comunque legata in qualche modo alla Fiorentina) proprio negli Stati Uniti, se non ricordo male, in California? Meglio NON saperlo. Se dovesse arrivare Commisso penso che la Fiorentina avrebbe una grande visibilità negli States, stavolta reale, e questo non potrebbe che migliorare le entrate del club. Insomma, non tutto il male viene per nuocere. E che male! Ragazzi, speriamo che la trattativa si chiuda alla svelta. Così penseremo al nuovo, ripartirà l’entusiasmo e chiuderemo definitivamente con la stagione degli gnigni e degli unno, conno, gollo, nonno e patronno e delle sue SURREALI conferenze stampa di cui, per fortuna, ne abbiamo avuto una bassissima somministrazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Etrusco - 1 anno fa

    L’era delle pive nel sacco è in dirittura d’arrivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. 1926 - 1 anno fa

    finalmente

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy