Quando gli agenti-familiari si intromettono nel mercato: papà Chiesa un’anomalia antica

Quando gli agenti-familiari si intromettono nel mercato: papà Chiesa un’anomalia antica

Enrico Chiesa finora si è dimostrato un professionista d’altri tempi, un pò come era in campo quando era lui a calcare i campi di Serie A

di Redazione VN

Sui campi della Serie A era di un’eleganza calcistica indiscussa. Oggi, in versione padre-agente, Enrico Chiesa conferma la sua natura. E’ questo il concetto che si evince dalle pagine de Il Corriere dello Sport Stadio. In un calcio sempre più basato su plusvalenze, accordi economici, sponsor e parenti-familiari improvvisati agenti di mercato e procuratori, c’è chi come papà Enrico, finora, si è dimostrato di essere l’eccezione alla regola. Il corteggiamento da parte della Juventus alla famiglia Chiesa c’è stato da tempo. Una tattica vista e rivista nel calcio di oggi e soprattutto da parte dei bianconeri: avvicinarsi al giocatore interessato facendo perno e affidamento ai familiari per poi ‘affondare il colpo’ e chiudere la trattativa. Basti pensare al caso Higuain con il fratello agente, la mamma ‘intermediario’ tra Rabiot e i bianconeri o la situazione inerente a Icardi con Wanda Nara in primo piano.

Papà Enrico finora non si è dimostrato di questo stampo. Appartiene al calcio di una volta, ad un calcio che non esiste più, dove se si è interessati ad un giocatore il diretto interessato da interpellare è il presidente della società in cui il giocatore stesso milita.

Rocco la spunta su Chiesa e la Juventus

Demme c’è: la Fiorentina e Montella trovano il loro play a centrocampo

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Enrico ha fatto il suo, si è comportato da persona onesta. Piuttosto qual he giornalista, se ne avesse voglia, dovrebbe chiedere perché Enrico non è mai stato convocato per parlare del contratto. Cosa che doveva essere fatta un mese fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CippoViola - 2 mesi fa

    Tanto o prima o dopo dovrà andare via, è giusto così, però io l’avrei visto tanto bene al Bayern.. studiava la lingua.. si metteva con una stangona bionda teutonica.. 1h di aereo stava a casa..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Etrusco - 2 mesi fa

    Fede è giovanissimo ancora, quindi cosa gli cambia se sta una stagione in più qua da noi come protagonista? Alla Juve quante partite giocherebbe? 10-15? Da noi può giocarle Tutte. Alla fine a luglio prossimo dopo una stagione da gran giocatore e dopo la nazionale, potrà valutare non solo i gobbi ma pure Real o Man. Utd.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. iacopo - 2 mesi fa

    Tutto perfettamente condivisibile ma, visto che siamo a Firenze, si può usare la parola babbo, invece dell’orrido papà?
    P,s,: GRANDE ENRICO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy