Prima la panchina, poi il flop contro la Lazio: un’altra chance per Dragowski

Prima la panchina, poi il flop contro la Lazio: un’altra chance per Dragowski

Contro la Lazio Sportiello ha rimediato un rosso: salterà la gara di domani contro il Sassuolo in trasferta. Dragowski ha l’occasione per il riscatto

di Redazione VN

Su La Repubblica si analizza la prestazione di Bartlomiej Dragowski nell’ultima gara di campionato. Certo, non è facile entrare a freddo e con pochi minuti stagionali in campo, ma contro la Lazio gli errori ci sono comunque stati. Sulla punizione di Luis Alberto, quella che ha dato via alla rimonta, è rimasto immobile. Sul pareggio di Caceres ha respinto in maniera goffa e ingenua la conclusione di testa che poi è rimbalzata in rete. Da quel momento il polacco è andato in crisi e la Lazio ha capito che in una gara del genere sarebbe stato tutto possibile, anche dopo il nuovo vantaggio di uno scatenato Veretout. E Dragowski ha raccolto dal fondo della rete altri due palloni. Non proprio la gara sognata, ecco. Nessun dramma, però.

Certi errori sono dettati anche, e soprattutto, dall’inesperienza di chi è arrivato a Firenze con le aspettative di un futuro numero uno (2 milioni di euro spesi e contratto fino al 2021) ma con un posto da titolare tutto da guadagnare. Anche perché davanti hai un compagno che di presenze nella massima serie, a 25 anni, ne ha già messe in fila 119. Contro la Lazio però Sportiello ha rimediato un rosso diretto e così salterà la gara di domani contro il Sassuolo in trasferta. Stavolta il destino offre a Dragowski l’occasione del riscatto immediato. Una gara per buttarsi alle spalle le critiche e reagire con freddezza e carattere. Doti che a un portiere di certo non devono mancare mai. In panchina, oltre a Cerofolini, anche Ghidotti della Primavera.

Violanews consiglia

Sportiello o Dragowski? C’è anche una terza via: occhi su altri tre portieri

O la va o la spacca: Dragowski è già di fronte al bivio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy