Pradè sempre più vicino al ritorno con Montella

Pradè sempre più vicino al ritorno con Montella

La Restaurazione di Commisso

di Redazione VN
Montella Pradè

Rocco Commisso non ha intenzione di dar vita ad una rivoluzione, è stato molto chiaro in merito. Come riportato da Repubblica, nei suoi progetti vi è la volontà di effettuare una Restaurazione. Il ritorno di Pradè come Direttore sportivo è sempre più probabile, l’ex romanista intanto ha dato l’addio all’Udinese (club per il quale lavorava). In attesa di una chiamata ufficiale da parte della Fiorentina, avrebbe messo in stand by un’offerta pervenuta dalla Sampdoria. La coppia Montella-Pradè, già insieme alla Roma e nel triennio 2012-15 a Firenze, sembra vicina al ricongiungimento. Tre anni importanti dal punto di vista sportivo, caratterizzati da ottimi piazzamenti nelle coppe, grandi acquisti e dal ritorno da presidente di Andre Della Valle. Gli ultimi anni di soddisfazioni per la piazza prima dell’autofinanziamento rigido col ritorno di Corvino e Cognigni.

Violanews consiglia

Hancko: in viola oggetto misterioso, ma in Nazionale…

Sandrelli: “Pradé? Non capisco, una soluzione che mi convince poco”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gigì - 2 mesi fa

    Una riflessione amara su come continua ad essere trattato male Pioli anche in questo manifesto Tsunami che colpisce le panchine di tutta la Seria A. Possibile che non si liberi un posto per il nostro allenatore preferito? Passi che Osti della Sampdoria voglia vedere la sicurezza che Giampaolo, sì, proprio lui, che lo abbiamo preso in giro nei nostri inverni migliori, vada al Milan, ma persino corteggiare Di Francesco, per non ingaggiare il Nostro, questo proprio supera ogni limite. Se il Brescia aspetta un allenatore è solo perché il nostro Pioli è troppo bravo per alzar la voce e dirla tutta contro questa Serie A. Che poi sarebbe bastato leggere qualche appello accorato, qua e là, tra i migliori blog del calcio, e capire che bell’allenatore è Pioli. Il calcio continua la sua deriva, e le brave persone, così come gli allenatori migliori sono le prime vittime, in questo mondo rovesciato e, direi, totalmente privo di gratitudine. Se solo Montella potesse rientrare dall’Himalaya a parlare e dire, capiremmo di più di quest’uomo, Pioli, e di ciò che gli abbiamo sottratto. Ma Montella non torna. E anche questo ci dice molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy