Pjaca, da martedì a Firenze per trascinare la Fiorentina. E la Croazia non fa a meno di lui

Il croato aleggia tra i primi punti interrogativi, ma basta una giocata per la svolta

di Redazione VN
Pjaca

Nelle idee estive, l’uomo destinato a chiudere il tridente tanto sognato e composto per due terzi da Chiesa e Simeone, era senza ombra di dubbio Marko Pjaca. A lui, Stefano Pioli ha concesso il tempo necessario per rincorrere una preparazione che, complice la partecipazione al Mondiale, non c’è mai stata, e pure per cancellare le tossine di una serie di infortuni che ne hanno limitato l’ascesa in Italia. Eppure – scrive Il Corriere dello Sport – tranne in sporadiche occasione, tra quelli che hanno mostrato maggiori difficoltà sul piano della continuità è parso proprio lui, il 23enne a cui nemmeno il Ct Dalic riesce a rinunciare in fase di convocazione. Da martedì Marko sarà nuovamente al centro sportivo, pronto per sfidare il compagno Kevin per una maglia da titolare: comunque vada sarà staffetta. Per trascinare la Fiorentina verso il quinto successo consecutivo interno, un passo più avanti verso l’Europa, serve l’apporto di entrambi, Pjaca e Mirallas, gol, assist e voglia di riscatto.

Violanews consiglia

Il progetto Europa di Pioli: fare bottino pieno (o quasi) nel mini ciclo in arrivo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy