Pioli torna a Firenze con poche certezze e tanti dubbi. Il più tonico è Gerson

Pioli torna a Firenze con poche certezze e tanti dubbi. Il più tonico è Gerson

Fiorentina sottotono ieri sera ad Arezzo: la squadra dovrà cambiare marcia velocemente perché domenica con il Chievo non si scherza più

di Redazione VN

Stefano Pioli torna a Firenze con poche certezze e tanti dubbi – scrive Stadio -. La sua squadra offre una prestazione sottotono con l’Arezzo palesando difficoltà sia fisiche, normali ad agosto, che tattiche, più preoccupanti a pochi giorni dall’esordio in campionato. Del centrocampo a tre funziona poco. Norgaard, piazzato davanti alla difesa in posizione di play, rimane avulso dal gioco e non viene cercato con continuità dai compagni.

Al suo fianco faticano sia Benassi, comunque il più tonico del reparto, che Gerson. Il brasiliano ha pure compiti da trequartista, in fase offensiva dovrebbe offrire supporto centrale a Simeone ma la maggior parte dei suoi appoggi è fuori misura e il Cholito non riesce mai a mettersi in moto. Finisce 2-1, l’Arezzo esce dal campo con la convinzione di poter disputare un buon campionato, la Fiorentina, invece, dovrà cambiare marcia velocemente perché con il Chievo domenica non si scherza più.

Violanews consiglia

Arezzo-Fiorentina 1-2 Gerson crea, Eysseric rifinisce. Drago ok, Chiesa e Simeone appannati

La Fiorentina si gode Eysseric: due offerte dalla Ligue 1, ma può restare

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy