Montella, un addio rancoroso e una pace ritrovata

L’analisi e la cronistoria di Alfredo Pedullà sul ritorno di Montella a Firenze

di Redazione VN

Alfredo Pedullà sul Corriere dello Sport – Stadio ripercorre la cronistoria dell’addio (e del ritorno) di Vincenzo Montella sulla panchina viola: dall’estate 2015 quando volarono parole al cianuro (“non cercatemi per un mese” n.d.r.). Era l’8 giugno quando i viola si congedarono con parole fortissime, parlando di “di comportamento irrispettoso”. Da quello che sembrava un addio senza possibilità di riconciliazione, è uscito invece un dialogo tra persone intelligenti, il tempo ha lenito le ferite e ha fatto emergere la bontà del lavoro del tecnico di Pomigliano D’Arco.

Il Montella-bis ha preso corpo nella notte tra lunedì e martedì, con la volontà di non far uscire il minimo spiffero. Dal contatto al contratto invece si è passato nel pomeriggio: l’aeroplanino era il migliore disponibile ed è stata data a Bigica la possibilità di guidare la Primavera, come sta facendo con profitto e alla vigilia di impegni urgenti e prestigiosi.

vnconsiglia1-e1510555251366

Della Valle e Firenze: ultimo strappo o rilancio? Sullo sfondo c’è il Qatar

Il saluto tra Pioli e la squadra: addio toccante in ricordo del Capitano

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy