Mega rissa al Franchi: spettacolo imbarazzante. Ma la Fiorentina merita un elogio

Mega rissa al Franchi: spettacolo imbarazzante. Ma la Fiorentina merita un elogio

La mega rissa ultimo atto di un secondo tempo ad alta tensione. La Fiorentina vede quasi annullate le sperane di accedere in Europa

di Redazione VN

Di seguito una parte dell’articolo a firma Luca Calamai per La Gazzetta dello Sport su Fiorentina-Cagliari 0-1:

“Il finale di partita è uno spettacolo imbarazzante. La domenica nel ricordo di Davide Astori, con le maglie numero 13 viola e rossoblù ritirate prima del fischio d’inizio, si chiude con una mega rissa in mezzo al campo. Ultimo atto di un secondo tempo ad alta tensione che ha registrato anche l’espulsione di Pioli per proteste e il rosso a Veretout per un assurdo fallo su Joao Pedro. Scene che non rendono onore al Capitano, un simbolo di correttezza e lealtà sportiva. Chissà cosa avrà pensato la famiglia Astori, presente al Franchi.

Poi, c’è l’aspetto sportivo. Il Cagliari vince 1-0 e fa un bel salto in avanti nella corsa salvezza mentre la Fiorentina invece vede praticamente svanire il sogno europeo. Dovrebbe battere il Milan a San Siro e sperare in un k.o. dell’Atalanta in casa del Cagliari recuperando 7 reti di distacco dai bergamaschi nella differenza reti. I 30mila tifosi viola salutano comunque la squadra di Pioli con un grande applauso. A prescindere da come andranno gli ultimi 90’ giocatori, tecnico e società meritano un elogio. Hanno reagito da campioni alla scomparsa del loro Capitano. Come ha spiegato Andrea Della Valle la volontà è di costruire la prossima estate una squadra ancora più forte. Per tornare prima possibile in Europa”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Sfuma l’Europa League diretta per la Fiorentina. Le probabilità di arrivare al 7° posto sono praticamente nulle

Fiorentina in crisi di nervi. Per l’Europa serve un miracolo

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Chianti - 2 anni fa

    Parliamo chiaramente: questa squadra è andata oltre i propri limiti. Ora sta alla società migliorare questa squadra e costruirne una che possa lottare per il quinto/sesto posto l’anno prossimo. Per farlo c’è da investire, non dico svenarsi ma investire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Julinho - 2 anni fa

    Commentare gli articoli odierni di coloro che seguono la Fiorentina, Rialti, Ferrara, Calamai è un compito abbastanza facile se ci si estranea da ciò che scrivono perchè ognuno di loro evidenzia solo punti focali parziali e diciamo di comodo. Quindi scrivere che la mega rissa finale è imbarazzante che vuol dire? Se uno prende solo il finale qualsiasi mega rissa è imbarazzante. Va fatta un’analisi attenta della partita che è l’estratto conto finale di questa stagione. Squadra da applausi. E i tifosi allo stadio, loro sì encomiabili, ieri, poiché capiscono assai bene, l’hanno suggellato facendo uscire dal campo, dopo una prestazione terrificante, la squadra tra gli applausi. Questo perché dopo che Davide ci ha lasciato, tutti hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo andando ampiamente al di là del loro valore tecnico, delle loro possibilità e portando a casa dei risultati che ci hanno strabiliato e anche illuso. Che altrimenti col piffero che sarebbero arrivati. Poi, come sempre nello sport, i valori alla fine sono venuti a galla. La benzina, quella mentale più di quella fisica, è finita. Non ce n’è più. Questo viene certificato oltre che dalle prestazioni come quella fornita ieri, anche da ciò che è successo nel finale. Giocatori meno spremuti avrebbero dato uno spettacolo sportivo e caratteriale assai diverso. Va riconosciuto che la Fiorentina se avesse centrato l’Europa avrebbe fatto un qualcosa di assai strano che a volte nel calcio accade. Ma senza merito alcuno. Non per l’impegno che anzi ha consacrato i giocatori a uomini veri dal carattere e dall’onore intangibile. Ma per i valori tecnici di cui la rosa è composta. Quindi se non abbiamo centrato l’obiettivo qualificazione e non siamo andati in Europa è giusto che sia così. La posizione finale in classifica rispecchia appieno il valore di questa squadra che è costruita a metà. La Fiorentina ha fatto ottimi investimenti in giovani che si dovranno imporre o affermare nei prossimi due anni. Ma di giocatori all’altezza ne ha solo la metà. E questo purtroppo incide inesorabilmente. Quindi noi come tifosi oltre che essere orgogliosi dei nostri ragazzi per quello che hanno fatto li dobbiamo pure ringraziare abbracciandoli uno per uno. Ciò detto i discorsi li porta via il vento. Ora sta alla Società continuare a cotruire senza se e senza ma. O a chiarire che la Fiorentina è squadra da centroclassifica, come Udinese, Bologna, Sampdoria, Genoa e altre, dove si lanciano giovani, si fanno plusvalenze e ci se ne impippa dei risultati sportivi d’eccellenza. La Società deve fare pulito di tutti i giocatori che non sono all’altezza. Certificati dal campo. Maxi Olivera, Falcinelli, Théréau, Sportiello o Dagowski tenendone uno per fare da secondo, Gaspar, Diaz, etc., confermare senza tentennamenti i migliori: Chiesa, Veretout, Simeone, i difensori tutti e inserire cinque o sei elementi di assoluto valore. Non so se per fare questo ci siano le finanze o anche le capacità degli operatori di mercato. Se non avverranno gli innesti di spessore il prossimo campionato sarà come quello che si sta chiudendo: anonimo, con buona pace di tutti compreso quella dei giornalisti del settore che devono tirare su il lesso dalle fortune della squadra viola. Quindi, per finire, un abbraccio e un grazie a questa squadra che dopo la morte di Davide è andate davvero oltre le proprie possibilità, ma un appello accorato, sincero, non polemico e disfattista a chi dirige di cambiare radicalmente gli atteggiamenti e le scelte presentate e vissute fino ad oggi le la costruzione del gruppo e della rosa della prima squadra. Altrimenti sanza chiarezza alcuna ci riprenderete tutti per il culo.
    E questo non lo merita Firenze, non lo meritano i tifosi e soprattutto non lo merita la memoria di Davide.
    Forza Viola per sempre!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. STEFANO - 2 anni fa

    Sono abbastanza d’accordo con tr, l’unica cosa è che sono dell’avviso che abbiamo dei discreti giocatori, che dobbiamo reintegrare questa rosa con 4/5 acquisti mirati e in grado di fare il titolare del ruolo. Comunque se teniamo un mediocre allenatore come Pioli non andremo da nessuna parte. Pioli è bravo nello spogliatoio, ma non insegna niente ai giovani e non sa leggere le partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vb - 2 anni fa

    Ok, dopo il dramma che ci ha colpiti appena due mesi fa è giusto fare un elogio a tutti, dai giocatori al tecnico e allo staff. Hanno dimostrato di essere Uomini veri, e meritano l’applauso e i complimenti dei tifosi. Ora però basta, resettiamoci. Perché se giustifichiamo prestazioni imbarazzanti come quella di ieri nel nome dell’emozione e dei sentimenti per il Capitano (che ci saranno sempre), allora entreremmo in un circolo vizioso dove la mediocrità verrebbe accettata a prescindere. Dobbiamo capire che, per quanto ragazzi encomiabili, nell’attuale rosa ci sono soltanto 4/5 giocatori accettabili, il resto è un’accozzaglia di bidoni da Lega Pro che non può essere confermata anche l’anno prossimo. Se non capiamo questo facciamo il gioco dei ciabattini. Loro sognano di trattenere il gruppo in blocco, possibilmente con l’avallo di Firenze. Sarebbe garanzia di ingaggi bassi e potrebbero dare continuità al loro PROGETTO o NUOVO CICLO c(hiamatelo come vi pare, tanto il risultato è lo stesso: zero tituli)…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy