Mandragora, la bestemmia costa carissima: perde anche la Nazionale

Mandragora, la bestemmia costa carissima: perde anche la Nazionale

Il centrocampista dell’Udinese salterà il match con la Fiorentina (salvo vittorie del ricorso). Benassi e Biraghi sperano nell’azzurro

di Redazione VN

La bestemmia di Rolando Mandragora colta dalle telecamere costerà tantissimo al centrocampista dell’Udinese. Che salterà per squalifica Fiorentina-Udinese di domenica alle 18 e quasi certamente sarà escluso anche dai convocati di Roberto Mancini. Non tanto – scrive il Corriere dello Sport – per volontà punitiva del Ct azzurro, quanto per motivi di opportunità legati al codice di disciplina, varato in Nazionale sotto la gestione Prandelli. Nello specifico, chi risulta squalificato nel momento delle convocazioni salta l’azzurro, a maggior ragione per una motivazione come questa. MA L’UDINESE NON CI STA
Tra i nomi dei possibili convocati dall’Italia, vengono citati anche Benassi e Biraghi oltre a Federico Chiesa che è certo di una chiamata.

 

vnconsiglia1-e1510555251366

FOTO – Zekhnini in posa con la sua nuova maglia

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. plcapi - 1 anno fa

    Ma tutti i moccoli che tirava Buffon ogni volta che gli segnavano, inquadrati in primo piano per bene un son mai serviti né a squalificarlo né a fargli perdere una partita in Nazionale. Com’era quella? forti con i deboli e deboli coi forti… boh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Powerfons - 1 anno fa

      Buffon diceva “io ho un pane”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. purplemax - 1 anno fa

    squalificare un giocatore per un moccolo è una cosa ridicola che tra l’altro offende la sensibilità della maggior parte della popolazione che si divide nelle tre confessioni principali: gli ipocriti e cioè quelli che fanno finta di credere a tutto e invece credono solo ai propri interessi, i puttanieri e cioè quelli che credono che la passera sia l’unico principio unificatore e identificatore dell’universo e gli atei cioè quelli che non credono in niente…. questi gesti che si fanno quasi per inerzia e per assecondare una minoranza ormai anche poco qualificata della società sono diventati dei fastidiosi anacronismi assolutamente fuori luogo in una democrazia moderna che si dichiara orgogliosamente laica…. SEMPRE FORZA VIOLA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. estrellaroja - 1 anno fa

      standing ovation!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bitterbirds - 1 anno fa

    imprudente giovanotto, doveva rivolgersi alla madonna o a qualche santo, in quel caso non sarebbe stato sanzionabile in quando non considerate divinità.
    che paese di pulcinella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy