Lega-Tv, è muro contro muro. Il rischio è che si vada in tribunale

La situazione è delicata

di Redazione VN

Le parti possono ancora parlare, ma è difficile che si arrivi ad un accordo. Questo, in sintesi, emerge dalle pagine della Gazzetta dello Sport in relazione alla questione dei diritti tv. Dopo la riunione di ieri, tutti restano fermi sulle proprie posizioni: società e Lega esigono il pagamento della sesta rata, i broadcaster acconsentono ma solo se questa verrà ribassata. Il coltello dalla parte del manico ce l’ha De Siervo, che può portare la faccenda in tribunale per conto della Lega, ma si discute anche di possibili sconti in ottica futura. Anche qui, però, le tv vogliono tutto e subito, 120 milioni sulla prossima stagione se il campionato riparte e 255 se lo stop sarà definitivo. Condizioni, queste, impossibili da accettare.

Nardella: “Franchi, va trovata sintesi tra simbolo e novità. Credo che si possa”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy