L’effetto sorpresa non aiuta la Fiorentina e l’attacco continua a restare a secco

Da troppo tempo la Fiorentina viola fatica a portare i suoi attaccanti in gol su azioni manovrate

di Redazione VN

Nemmeno l’effetto sorpresa ha aiutato la Fiorentina a ritrovare il gol perduto da parte dei suoi attaccante. Pioli a Torino ha schierato un attacco inedito rinunciando per la prima volta a Simeone, come punta dal primo minuto. Davanti ha optato per un tridente di movimento e fantasia con Chiesa, Eysseric e Mirallas. La novità, però, non ha funzionare, le opportunità studiate, scrive il Corriere Fiorentino, non si sono concretizzate. A trovare la via del gol è stato ancora una volta Benassi che ha approfittato di una leggerezza degli avversari. Durante gli allenamenti settimanali, Pioli aveva provato varie soluzioni per mettere i suoi giocatori in condizione di bloccarsi. All’allenatore è bastato un tempo di gioco dell’attacco leggero, poi ha preferito ritornare alle soluzioni ben più rodate. Al centro dell’attacco si è posizionato nuovamente Simeone e la Fiorentina è riuscita a guadagnare qualche metro. Il Cholito, però, nel finale ha avuto un paio di nitide occasioni, ma non è riuscito a segnare. Da troppo tempo ormai la squadra viola fatica a portare i suoi attaccanti in gol su azioni manovrate.

vnconsiglia1-e1510555251366

Chiesa e Veretout certezze, ma il salto di qualità è ancora rimandato

Ferrara scrive: “Chiesa contro tutti, dietro di lui non c’è un granché”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio50 - 2 anni fa

    Se il gioco alla squadra lo deve dare l’allenatore, purtroppo Pioli se ne deve andare. Se i nuovi arrivati sono veri brocchi allora se ne deve andare anche corvino e soci. Non cambia mai niente in positivo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy