Le Pay Tv non pagano e le società rischiano il baratro. Necessario finire la stagione

Le Pay Tv non pagano e le società rischiano il baratro. Necessario finire la stagione

Le Pay Tv non vogliono pagare l’ultima bimestrale, quota che si aggira intorno ai 233 milioni

di Redazione VN

L’epidemia del Coronavirus rischia di aprire un nuovo pericolosissimo fronte, quello relativo ai pagamenti dell’ultima bimestrale che le pay tv (Sky, Dazn) devono versare nelle casse dei club a maggio, una cifra che si aggira intorno ai 233 milioni. Per i club di Serie A questi pagamenti sono indispensabili, soprattutto in questo periodo di forte crisi economica, tanto che alcune società avrebbero richiesto addirittura di anticipare la quota di Settembre. Il problema, come si scrive sul Corriere dello Sport, è che non ci sono partite di calcio da trasmettere e che Sky è disposto a non pagare, appellandosi all’articolo 1467 del codice civile (eccessiva onerosità sopravvenuta). Sarà quindi necessarioterminare la stagione di Serie A, per assicurare gli introiti alle società che rischiano altrimenti di cadere in un baratro. E’ quindi obiettivo comune quello di stipulare delle nuove date per il proseguo della stagione, tanto che si è disposti ad arrivare anche al mese di Luglio, con inizio del successivo campionato ad Agosto in ottica europei, pur di assicurare quei pagamenti indispensabili a tutti i club italiani.

Centro sportivo ancora chiuso. Ecco la tabella di marcia dei giocatori viola

 

Chiesa-Commisso mai così vicini. La promessa è di restare insieme almeno un altro anno

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. curra. - 2 settimane fa

    Sky e Dazn, non vogliono pagare. Però entrambe non hai sospeso la fatturazione ai clinti, nonostante non ci sia più ne sport ne calcio. DISDITE !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. batigol222 - 2 settimane fa

      Ecco questo è molto interessante… chi lo prende nel bocciolo?
      Son tutti lì a girare con una o due sedie in meno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marchino - 2 settimane fa

    Ma davvero c’è qualcuno che pensa che il campionato riprenderà,che a Bergamo si giocherà ancora,e a Milano pure.In tutto questo caos anche il calcio pagherà pegno.Credete per esempio che il rapporto giocatori/tifosi a Torino sponda Juventus non sia cambiato dopo quello che sta succedendo? Il calcio chiede soldi al governo e la gente comune non batterà ciglio? Per me se si riprende il prossimo anno è un miracolo,me lo auguro perché vorrebbe dire che è tutto passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy