La Serie A conta i danni dell’epidemia: si va da un minimo di 167 milioni fino a quasi 800

La Serie A conta i danni dell’epidemia: si va da un minimo di 167 milioni fino a quasi 800

Sarà cruciale preparare un piano di interventi in grado di sostenere i club: ne va del futuro del calcio italiano, ovvero la terza industria del paese

di Redazione VN
serie-a-cronaca-partite

Come riportato da Stadio, oggi sono previste alcune riunioni tra gli uomini della Lega Serie A e i consulenti di Deloitte per sistemare i documenti da sottoporre all’attenzione della Figc. Un prospetto si riferirà al caso di mancata ripartenza del campionato, con un ammanco complessivo di base pari a 720 milioni. L’altro prospetto sarà relativo a una conclusione posticipata del campionato: questo prevede un “rosso” di circa 167 milioni. Il governo sa che il mondo dello sport deve fare i conti con un danno ingente e, anche se questa non è certo la priorità del Paese, è consapevole che prima o poi dovrà intervenire. Anche perché il calcio dà lavoro direttamente a 80.000 persone ed è la terza industria italiana.

Fiorentina, idea trequartista per la prossima stagione: tre nomi sul taccuino di Pradè

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy