Kouamé, ovvero il jolly di fine stagione: Christian vuole esserci e brucia le tappe

Kouamé, ovvero il jolly di fine stagione: Christian vuole esserci e brucia le tappe

L’ex Genoa sta lavorando sodo per arrivare pronto al finale di campionato

di Redazione VN

Quando un campionato extra-large ha anche cose positive. Per una Fiorentina che dovrà concludere la stagione in maniera decisamente inaspettata giocando tutta l’estate, c’è anche una buona notizia: quel Christian Kouamé arrivato da infortunato nello scorso gennaio non sarà soltanto una comparsa in viola in questo 2019/’20 travagliato. Il Corriere Fiorentino gli dedica oggi ampio spazio, sottolineando come l’ivoriano, giunto a Firenze per circa 11 milioni con obbligo di riscatto compreso, dopo la rottura del crociato ha cominciato il lento percorso di riabilitazione. Stagione finita per tutti, non per un campionato esteso ben oltre il normale termine a causa della pandemia e così l’ex Genoa avrà l’opportunità di provarci. Sempre con il sorriso che lo contraddistingue, non potrà ancora far parte della rosa a disposizione già dal 20 giugno, ma da martedì prossimo inizierà ad allenarsi in gruppo. Magari per provare a bruciare un po’ le tappe ed esserci per qualche partita in più rispetto alle 4-5 fin qui preventivate. Insomma, Kouamé fa sul serio e può essere una valida alternativa al tandem Vlahovic-Cutrone, per mettere in difficoltà Iachini e dare (e darsi) una chance alla sua Fiorentina.

Kouame/1: “Voglio tornare protagonista. Calcio d’estate? Fiducia nello staff, ci faremo trovare pronti”

Perinetti: “Belotti? Più facile Napoli che Fiorentina. Piatek si esaltava con Kouamè”

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Etrusco - 4 settimane fa

    Questo giocatore è stato un azzardo, arrivato già rotto, dopo 6 mesi non sappiamo se sarà capace di tornare almeno al 70-80% della forma fisica. Personalmente lo ritengo un azzardo di Pradè soprattutto per il prezzo ed il fatto che un crociato è un problema esagerato, spero ci sia qualche clausola rescissoria attiva perché proprio questo giocatore potrebbe essere la fine sportiva del nostro DT.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Labaroviola72 - 4 settimane fa

      Ragionando cosi’ non avremmo mai avuto un tal Roberto Baggio. Il crociato non e’ uno scherzo ma neanche la fine certa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ilRegistrato - 4 settimane fa

      Sono gli affari alla Pradè, calciatori rotti, vedi Rossi anni fa, calciatori bolliti (ops… si dice calciatori che vogliono rilanciarsi) vedi Badelji, e calciatori eterne promesse, vedi Pedro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. wasosk_567 - 4 settimane fa

        Non sono affari “alla Pradè”, sono affari “alla Fiorentina”. Credete hc eun certo Giuseppe Rossi fosse stato integro al 100% e non costantemente a rischio infortunio sarebbe mai arrivato a Firenze ? Io non credo. Credete che se un certo Mutu avesse avuto una testa rifinita sarebbe mai potuto venire a Firenze ? Non credo. Questi sono gli affari per la Fiorentina, se poi va bene diventerà un successo straordinario. E’ quel rischio in più che permette all’accesso a certe risorse tecniche.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy