I quindici giorni dell’Aeroplanino. Ma le colpe non sono solo dell’allenatore

I quindici giorni dell’Aeroplanino. Ma le colpe non sono solo dell’allenatore

Fiducia a tempo per Montella, ma le responsabilità sono più ampie

di Redazione VN

La Fiorentina perde anche a Torino, sprofonda in classifica e dà vita a forti riflessioni. Sul futuro del tecnico Montella in primis, ma anche sulle responsabilità di un momento tanto buio. La Repubblica oggi si concentra su questi temi, ripartendo da un primo tempo quasi regalato all’avversario prima di una reazione tardiva (ed inutile) nella ripresa. Appaiono evidenti le difficoltà di un allenatore nel trovare equilibrio, specie con una squadra piena di giovani, ma tant’è. E così anche la fiducia nel tecnico perde gradualmente quota, fino a diventare a tempo, così come lascia trasparire Commisso nel post-partita: due settimane con altrettanti match molto difficili, prima l’Inter e poi la Roma, non certo test da passeggiata di salute. Inoltre, trovare una guida tecnica valida di questi tempi è complicato, specie con il concreto rischio di ritrovarsi in zona retrocessione. Tuttavia, sottolinea il quotidiano, il Presidente dovrà riflettere anche sulle scelte fatte nel mercato e sulle colpe non solo dell’allenatore. Oggi sarà l’ultimo giorno a Firenze per l’italo-americano, prima di tornare negli States e iniziare il suo bilancio. Intanto ci attendono quindici giorni interlocutori prima di avere novità. E se non dovessero arrivare punti…

Montella: “C’è tanta rabbia, ma io ho la forza per andare avanti”

“Ci rialzeremo e ci riprenderemo la nostra città”: firmato Castrovilli

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lipilini (Sarzana) - 8 mesi fa

    Io ritengo che l’allenatore incida un 30% sulle squadre però se manca anche quello ad ina squadra costruita male allora non ci siamo! Mandare via Montella può essere la soluzione ? Direi di no mancano anche innesti dal mercato, quindi se si ritiene di aver dato all’allenatore una squadra in grado di fare meglio di quello fatto fin’ora ( penso che potrebbero fare meglio di altre realtà che ci precedono) allora il mister andava esonerato già dopo Cagliari senza se e senza ma , se invece si pensa che la rosa è di basso valore e che avevano sbagliato le valutazioni e che il mister ha fatto il possibile allora è giusto confermarlo senza dire dopo la prossima partita vediamo etc ed intervenire fortemente sul mercato che comunque ritengo debba essere fatto anche con un nuovo allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ottone - 8 mesi fa

    Ma come fanno ad arrivare punti con questa banda di SMIDOLLATI a fronte di squadre vere, forti, che lottano per qualcosa di concreto? Ora, se Montella deve stare lì ancora due settimane per non fare partire male il sostituto lo si capisce, ma la questione DEV’ESSERE CHIUSA!!! Poi è verissimo che Montella fa anche da parafulmine delle CA…TE PAZZESCHE fatte dalla nuova proprietà. Ma abbiamo anche visto che non basta cambiare presidente x diventare + forti. Siamo il Bologna amici miei. Una squadra “nobile” anch’essa, da almeno 40 anni declassata a provinciale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Etrusco - 8 mesi fa

    È una roba incredibile per qualsiasi lavoratore e disoccupato vedere un personaggio del genere che non dove richiedere il reddito di cittadinanza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gummarith - 8 mesi fa

    Credo che Montella non sia adatto a questo gruppo di giocatori. Stop
    Montella ha per primo bisogno di riacquistare sicurezze, sono anni che prende onore sberle da allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ViolaBelugi - 8 mesi fa

    Da quando Montella è a Firenze la Fiorentina, squadra da mezza classifica, viaggia alla media di 0,81 punti a partita,roba da ultimo posto con distacco. Sui tanti giovani: si sono presi quest’anno Caceres, Badelj, Ribery e Boateng. Che così giovani non sono. Pezzella ha 28 anni ed è nazionale argentino. Basta scuse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. simuan - 8 mesi fa

    …errore grandissimo. Andavano cacciati Prade e Montella al fischio finale della partita. Barone rispedito negli USA cosi’ fa’ meno danni. Mercato affidato agli uomini che abbiamo in casa (Antognoni e Dainelli) e a giugno via anche loro. Panchina a…boh?…chi se la prende questa ballotta alle mani??…Guidolin, forse…comunque uno con esperienza e ghigno…m’andrebbe bene anche Serse Cosmi ora ocme ora…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ursusminimus - 8 mesi fa

      come no

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy