Gli Accademici in difesa del Franchi: lettera a Mattarella, Conte, Nardella e Franceschini

L’Accademia delle Arti del Disegno preoccupata per le ultime novità sul Franchi

di Redazione VN

Gli Accademici in difesa dello stadio Franchi. E del ruolo della Soprintendenza. L’Accademia delle Arti del Disegno – scrive La Nazione – ha infatti scritto al sindaco Dario Nardella, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al premier Giuseppe Conte e al ministro Dario Franceschini: oggetto della missiva, il rischio che l’articolo «sbloccastadi» possa portare a una ristrutturazione deregolata dell’impianto progettato nel 1930 da Pier Luigi Nervi.

All’unanimità il consiglio accademico condivide ed esprime viva preoccupazione per le sorti dello stadio fiorentino, sottratto a quella tutela, che il provvedimento di vincolo degli anni ‘80 aveva assicurato alla struttura, vincolo che – ricordano i membri dell’Accademia – comunque, non impedì un concordato adeguamento per i Mondiali di calcio del 1990“.

L’articolo integrale nel quotidiano in edicola

-> CALCIOMERCATO: TUTTE LE OPERAZIONI CONCLUSE IN SERIE A
-> Clicca qui per restare aggiornato su tutto il mercato della Fiorentina

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 1 mese fa

    Cari Accademici,e l’ho scritto con la maiuscola,preservare è importante,ma è al
    trettanto importante che una struttura ricettiva abbia le capacità funzionali e
    abbia le caratteristiche anche igieniche all’altezza dei nostri tempi,altrimenti
    ne faremo un nuovo colosseo ed il campo sarà meglio trasferirlo altrove.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eziogòl - 1 mese fa

    Giusto. Doveroso. Sacrosanto. Rispetto per lo stadio, casa nostra. Serbiamolo, costruiamone uno nuovo a Campi Bisenzio e salvaguardiamo al massimo il vecchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tato - 1 mese fa

    Allora tutti quelli che, la pensano come voi, inizino a trovare finanziamenti per restaurarlo. Perché:
    1) Commisso ha detto esplicitamente, che se non può fare ciò che vuole e che gli aggrada, in termini di ritorno economico, non spenderà un euro per il Franchi.
    2) Ad, oggi la P. A sia essa rappresentata da Regione, Stato, Comune etc non ha previsto finanziamenti per restauri “profondi”, come asserito da Nardella.
    Però sanno che anche con un intervento pubblico, Commissione senza maggiori ricavi, non investirà nella, squadra per rafforzarla. Il rischio è quello di avere un vivacchiamento Della Valle bis, con lo stadio che per forza di cose si spopolera’. A, Firenze credo che in molti si sono stancato nel vedere la, squadra anna a pare da, anni. Senza maggior introiti, la, realtà resterà questa, inutile illudersi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CippoViola - 1 mese fa

    Se almeno uno di questi fosse andato allo stadio una volta..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. MAXgobbomai - 1 mese fa

    Ma se già ora cade a pezzi! Preferireste venerare un cumulo di macerie piuttusto che veder nascere da esso qualcosa di nuovo e moderno?! Qui siamo ad un passo dalla necrofilia!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rudy - 1 mese fa

    L’Italia è piena di grandi opere che sono state erette demolendo importanti vestigia del passato. In passato ho citato S.Reparata, dove oggi sorge la Cattedrale di Firenze, ma potrei citare il Vittoriano a Roma, sorto alla fine del 1800 radendo al suolo un intero quartiere medievale. Quindi che siano proprio degli Accademici a dimostrare di non conoscere la Storia è preoccupante. L’Arte non è solo conservazione, ma è anche innovazione. Da Accademico mi batterei e pretenderei che il nuovo Stadio offuschi quello precedente per bellezza e importanza architettonica e tecnologica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eziogòl - 1 mese fa

      Il vittoriano fa cacare, infatti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gasgas - 1 mese fa

    Eccone altri… Oddio, povera Italia… Gente inutile, senza una responsabilità, io gli manderei il conto della manutenzione del Franchi. Si arrogano il diritto di decidere cosa è giusto fare su beni di altri. Vuoi decidere te? Bene allora te lo prendi in carico… Facile la vita, eh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. aurelianodamacondo - 1 mese fa

    E poi c’è l’albero di fico dal quale Adamo ed Eva presero le foglie per coprire le loro nudità che deve essere tutelato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Lore97 - 1 mese fa

    Quando si vuole costruire un nuovo stadio ecco quelli di Legambiente contro il consumo di suolo, quando si vuole ristrutturare un’opera che mostra evidenti segni di usura e tra poco cadrà a pezzi ecco gli accademici dell’arte (Quale arte, l’albero di fico?). Allora trovatela voi una soluzione, ma le ipotesi Luna o Marte non sono contemplate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Hattori Hanzo - 1 mese fa

    Eccone altri! Ci mancavano anche questi ora. Tutti questi signori, si frughino nelle loro tasche, e si adoperino per mantenere a vita questa fatiscente struttura. Probabilmente poi, molti di loro, non si sono neppure mai avvicinati a Campo di Marte. Mi raccomando continuate a mettere i bastoni tra le ruote per tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy