Gazzetta, il casting è aperto: Giampaolo in pole, il sogno è Sarri

Gazzetta, il casting è aperto: Giampaolo in pole, il sogno è Sarri

Il dg Corvino, raccogliendo l’invito della proprietà di trovare un allenatore che accompagnerà il club in questa nuova sfida, proporrà un contratto molto lungo a chi prenderà il posto di Sousa

di Redazione VN

Come scrive La Gazzetta dello Sport, il 10 marzo, data della presentazione del progetto del nuovo stadio, segnerà l’inizio di un nuovo ciclo-Fiorentina. Il dg Corvino, raccogliendo l’invito della proprietà di trovare un allenatore che accompagnerà il club in questa nuova sfida, proporrà un contratto molto lungo a chi prenderà il posto di Sousa. Nessuna scelta affrettata, l’idea è di non avere più a che fare con tecnici che utilizzano la Fiorentina come rampa di lancio.

Piace moltissimo Giampaolo, ma per ora è solo un’ottima idea, favorita rispetto alle ipotesi Di Francesco (piace più ai DV che a Corvino), Maran (già bocciato due anni fa) e Semplici (molto stimato dal dg, ma con poca esperienza). C’è grande stima per Mazzarri e curiosità per Jardim, ma il vero sogno è Sarri, per il quale Corvino impazzisce. Se l’allenatore del Napoli ritenesse chiusa la sua esperienza in azzurro e avesse voglia di investire una parte della sua carriera in viola, allora le porte sarebbero spalancate.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. massimo_383 - 3 anni fa

    Bella differenza fra Sarri e Giampaolo, come fra una 500 e una Mercedes. Sicuramente prenderemo il mediocre Giampaolo, il suo favoloso campionato con la Sampdoria è garanzia di una scelta ancora fallimentare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ghibellino viola - 3 anni fa

    Aggiungo un altro dato, la ripartizione dei diritti TV (stagione scorsa):
    1) Juventus 103,1 milioni
    2) Milan 80,3 milioni
    3) Inter 78,2 milioni
    4) Roma 72,1 milioni
    5) Napoli 69,7 milioni
    6) Lazio 55,4 milioni
    7) Fiorentina 51,2 milioni
    8) Torino 41,3 milioni
    9) Sampdoria 37,2 milioni
    10) Bologna 36,6 milioni
    11) Genoa 36,2 milioni
    12) Palermo 34,1 milioni
    13) Chievo 33,7 milioni
    14) Udinese 33,5 milioni
    15) Atalanta 31,7 milioni
    16) Sassuolo 31,1 milioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo999 - 3 anni fa

      nota i 18 mln di differenza col Napoli….differenza sensibile , non abissale…
      guardati le rose di Napoli e Fiorentina , la differenza è ben maggiore di questi
      18 mln…perchè ? Ma perchè loro fanno la champions e quindi a quei 18 mln
      ne vanno aggiunti altri 30 , ed allora sì che la differenza diventa esorbitante…
      ma la Fiorentina con la champions e il Napoli senza , avrebbero lo stesso
      fatturato , trascurando gli incassi da stadio , che però ormai non fanno
      più la differenza quasi da nessuna parte .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ghibellino viola - 3 anni fa

        D’accordo con te. Rispetto a tanti altri che scrivono qui io non mi lamento perché i Della Valle non investono o sono critici a prescindere. Io faccio notare che ultimamente hanno investito male. E i bilanci in rosso sono a testimoniarlo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ghibellino viola - 3 anni fa

    Posizioni in serie A nell’era Della Valle: 16 (neopromossi), 9 (sul campo 4), 6 (sul campo 3), 4, 4, 11, 9, 13, 4, 4, 4, 5. A mio parere due cose vanno sottolineate: il buon livello dei risultati ottenuti (eccetto il triennio fine era Prandelli – Mihajlovic); la mancanza di punte di eccellenza, in quanto il massimo che abbiamo raggiunto sono due semifinali in Europa League (2007/2008 e 2014/2015) e una finale di Coppa Italia (2013/2014). Questo non deve però farci essere critici quando dobbiamo: dall’acquisto di Rossi/Gomez in poi non ne hanno azzeccata una (Astori e Kalinic esclusi). Io non metto in discussione la proprietà, ma la critico se le cose non vanno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Porto Santo l'isola dorata - 3 anni fa

    Alla base di tutto ci sarebbero le intenzioni della proprietà che, oramai, purtroppo, sono note a tutti e, supponendo che (sempre PURTROPPO) rimangano al comando della società, il discorso da fare è semplicissimo.
    Il non investire nella società e portare avanti l’autofinanziamento vuole dire che l’allenatore da prendere è Gianpaolo che vede la Fiorentina come un qualcosa di meglio delle squadre che ha allenato e potrebbe mettere quell’entusiasmo che altri, invece, dettato dal materiale a disposizione, non metterebbe mai.
    I giocatori da vendere sono tanti, sempre secondo il mio modesto parere e senza la pretesa che qualcuno approvi.

    Tatarusanu
    Salcedo
    Tomovic
    Gonzalo
    Milic
    Ilicic
    Valero
    Badelj
    Sanchez
    Kalinic
    Babacar

    Ripartire da:

    Sportiello
    Satalino
    Dragowsky
    Saponara
    Astori
    Piccini
    Venuti
    Vecino
    Bernardeschi
    Chiesa
    Hagi

    Promuovere dalla Primavera

    Baroni
    Maistro
    Perez
    Maklar

    Comprare tutti e solo giocatori ITALIANI E GIOVANI e cambiare radicalmente registro
    tra l’altro la vendita dei giocatori sopra elencati dovrebbe portare un bel gruzzolo nelle casse della società e quindi azzardare qualche ,ossa in prospettiva un po’ più qualitativamente valida (Berardi, per esempio).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gariboldi - 3 anni fa

      Ovvai, una bella Udinese da decimo posto via…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Porto Santo l'isola dorata - 3 anni fa

        PERCHé SPERI IN MEGLIO?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. emillian - 3 anni fa

    Premesso che Jardim e Sarri per me sono irraggiungibili, sarei curioso di dare una possibilità a Maran, allenatore serio che ovunque è andato ha sempre fatto bene anche oltre il valore delle squadre allenate.
    Anche Mazzarri come allenatore non mi dispiacerebbe e secondo me farebbe bene a Firenze, ma è abbastanza insopportabile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cicciu - 3 anni fa

    Se vuoi un allenatore che non usi la fiorentina come punto di lancio hai due possibilità.. A) cercare un allenatore a fine carriera senza molte pretese ..b) cacciare i soldi e fare squadra ambiziosa..la seconda la vedo impossibile.. Pertanto o prandelli (ma si e lasciato male coi ciabattini) o Ranieri che ha anche vinto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lallero - 3 anni fa

    magari sarei, sarebbe davvero un sogno… ma il vero sogno sarebbe liberarsi delle sorelline. contestazione senza pause.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-2073653 - 3 anni fa

    Figurati se Nonno Conno non ci porta depressione Giampaolo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy